Acquisto immobile in costruzione, le imposte da applicare: i chiarimenti delle Entrate

Rosy D’Elia - Imposte

Acquisto immobile in costruzione: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate sul trattamento fiscale. Inapplicabile l'esenzione IVA e versamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa. I dettagli nella risposta all'interpello numero 241 del 4 agosto 2020.

Acquisto immobile in costruzione, le imposte da applicare: i chiarimenti delle Entrate

Acquisto immobile in costruzione da parte di una società, non è applicabile l’esenzione IVA né accessibile il credito di imposta per la ricostruzione edilizia ma è possibile versare le imposte di registro, ipotecaria e catastale in misura fissa pari a 200 euro.

A chiarirlo è l’Agenzia delle Entrate nella risposta all’interpello numero 241 del 4 agosto 2020. Come di consueto, lo spunto per far luce sul trattamento fiscale da applicare arriva dall’analisi di un caso pratico.

Agenzia delle Entrate - Risposta all’interpello numero 241 del 4 agosto 2020
Articolo 11, comma 1, lett.a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Cessione immobile non ultimato - Trattamento IVA, IRES e Imposte di registro, ipotecaria e catastale.

Acquisto immobile in costruzione, le imposte da applicare: i chiarimenti delle Entrate

Protagonista è una società di costruzioni di edifici, residenziali e non, che ha sottoscritto un contratto preliminare di compravendita per l’acquisizione di un albergo realizzato negli anni ’90 ma mai completato.

A gennaio 2020 l’immobile è stato inserito nel catasto fabbricati, con categoria “immobili in corso di costruzione”, senza attribuzione di rendita.

In base al piano di governo del territorio, sull’edificio sarà realizzato un intervento edilizio qualificato come “ristrutturazione edilizia”:

  • un terzo sarà demolito e l’area rimarrà a verde;
  • un terzo sarà recuperato e destinato alla realizzazione di una struttura di residenza per anziani (RSA) o di uno studentato;
  • un terzo sarà destinato alla realizzazione di un complesso residenziale abitativo.

La società si rivolge all’Agenzia delle Entrate per chiedere chiarimenti sul trattamento fiscale da applicare all’immobile in costruzione.

In particolare chiede delucidazioni sull’IVA, l’IRES e le imposte di registro, ipotecaria e catastale.

Nella risposta all’interpello numero 241 del 4 agosto 2020, l’Agenzia delle Entrate passa a rassegna le diverse imposte e le regole da seguire:

Acquisto immobile in costruzione, le imposte da applicare: i chiarimenti AdE sul trattamento fiscale

In particolare l’Agenzia delle Entrate, nel motivare la sua risposta, si sofferma sull’impossibilità di far rientrare l’acquisto dell’immobile in costruzione nei casi di esenzione IVA.

L’articolo 10, primo comma, n. 8-ter del Decreto IVA stabilisce che sono esenti da imposta “le cessioni di fabbricati o di porzioni di fabbricato strumentali che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni, escluse quelle effettuate dalle imprese costruttrici degli stessi o dalle imprese che vi hanno eseguito, anche tramite imprese appaltatrici, gli interventi di cui all’articolo 3, comma 1, lettere c), d) ed f), del Testo Unico dell’edilizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, entro cinque anni dalla data di ultimazione della costruzione o dell’intervento, e quelle per le quali nel relativo atto il cedente abbia espressa-mente manifestato l’opzione per l’imposizione”.

Come evidenziato dalla circolare numero 12 del 1° marzo 2007, il testo non menziona anche i fabbricati non ultimati.

Ne deriva che la cessione di un fabbricato effettuata da un soggetto passivo d’imposta in un momento anteriore alla data di ultimazione del medesimo sia esclusa dall’ambito applicativo del regime di esenzione IVA, “trattandosi di un bene ancora nel circuito produttivo, la cui cessione, pertanto, deve essere in ogni caso assoggettata ad IVA”.

La posizione assunta sull’IVA, come chiarisce l’Agenzia delle Entrate, ha un impatto anche sul versamento delle imposte di registro, ipotecarie e catastali.

“Considerato il trattamento IVA come sopra delineato e in virtù del principio di alternatività IVA/Registro di cui all’articolo 40, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, si ritiene che l’imposta di registro debba essere applicata nella misura fissa di euro 200,00”.

Allo stesso modo 200,00 euro è la somma da versare per l’imposta ipotecaria e catastale.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network