IVA sim ricaricabili, vendita all’utilizzatore finale: è detraibile

Diego Denora - IVA

IVA sim ricaricabili, se la vendita avviene nei confronti dell'utilizzatore finale si ha diritto alla detrazione. Lo spiega la risoluzione numero 69 del 22 ottobre 2020 dell'Agenzia delle Entrate che fornisce chiarimenti sull'acquisto di mezzi tecnici per la fruizione di servizi di telecomunicazione.

IVA sim ricaricabili, vendita all'utilizzatore finale: è detraibile

IVA sim ricaricabili, se la vendita avviene nei confronti dell’utilizzatore finale, l’imposta è detraibile.

Lo spiega la risoluzione numero 69 del 22 ottobre 2020 dell’Agenzia delle Entrate.

La disciplina da seguire è quella prevista nell’articolo 19 del decreto IVA.

Eventuali limitazioni al diritto sarebbero considerate una violazione del principio di neutralità e una penalizzazione nei confronti della società.

IVA sim ricaricabili, vendita all’utilizzatore finale: è detraibile

L’IVA relativa a sim ricaricabili, acquistate dall’utilizzatore finale, è detraibilie.

Lo chiarisce la risoluzione numero 69 del 22 ottobre 2020 dell’Agenzia delle Entrate.

Agenzia delle Entrate - Risoluzione numero 69/E del 22 ottobre 2020
Interpello ai sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Richiesta di chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina ai fini IVA delle operazioni di cui all’art. 74, comma 1, lett. d), del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 e all’art. 4 del Decreto Ministeriale 24 ottobre 2000, n. 366.

La spiegazione parte dal caso concreto: una società che ha sottoscritto un contratto per la fornitura di servizi di telefonia mobile ricaricabile (disciplinati dal regime IVA speciale monofase previsto dall’articolo 74, comma 1 lettera d) del Dpr n. 633/1972, ovvero il decreto IVA).

L’istante è l’utilizzatore finale in quanto le sim sono destinate ai dipendenti e non ad una successiva rivendita.

L’imposta può essere portata in detrazione in base a quanto previsto dall’articolo 4 del decreto MEF numero 366 del 2000.

Il provvedimento stabilisce che nelle vendite di mezzi tecnici per la fruizione di servizi di telecomunicazione, effettuate direttamente nei confronti di imprese ed esercenti arti e professioni utilizzatori finali del servizio nei confronti del pubblico, l’imposta non deve essere indicata separatamente dal corrispettivo.

Fanno eccezione le vendite effettuate dal titolare della concessione direttamente nei confronti di imprese ed esercenti arti e professioni utilizzatori del servizio.

In tale circostanza è il titolare della concessione, autorizzazione o licenza individuale che deve emettere fattura entro 90 giorni.

IVA sim ricaricabili: i limiti alla detrazione e le norme di riferimento

I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate si concentrano sui dubbi relativi all’articolo 4 del decreto del Ministro delle Finanze del 24 ottobre 2000, n. 366.

Il regime monofase stabilisce che l’IVA sull’intero valore aggiunto deve essere corrisposta al momento della prima cessione, dal primo operatore della catena economica.

Le fasi successive sono dunque escluse dal versamento dell’imposta. Rispetto all’ordinario funzionamento dell’imposta è prevista quindi una deroga.

La separata esposizione dell’imposta in fattura è limitato però al caso in cui i mezzi tecnici necessari per fruire del servizio di telecomunicazione siano venduti dal primo cedente direttamente all’utilizzatore finale soggetto passivo d’imposta.

In tale caso non sono attivati i passaggi della catena di distribuzione che caratterizzano il regime monofase.

In merito la giurisprudenza della Corte di giustizia dell’Unione europea ritiene che il diritto alla detrazione garantisce il principio di neutralità dell’IVA: l’imprenditore, in qualità di collettore d’imposta per conto dello Stato, deve essere sgravato interamente dell’onere dell’imposta dovuta o pagata nell’ambito delle sue attività economiche a loro volta soggette a IVA (cfr. inter alia Corte di Giustizia, C-246/16, Di Maura).

La norma del decreto MEF non viene superata neppure dalle modifiche all’articolo 74, comma 1, lettera d), dall’articolo 1, commi 158 e 159, della legge 244/2007, ovvero la legge di bilancio 2008, finalizzata a garantire la tracciabilità delle cessioni di qualsiasi mezzo tecnico.

Gli adempimenti richiesti a tale scopo non fanno perdere il diritto alla detrazione.

A riguardo l’Agenzia delle Entrate conclude come segue:

“L’introduzione di tali ulteriori adempimenti non comporta il venire meno della previsione dell’articolo 4 del decreto che, per le specifiche ipotesi indicate, consente l’esposizione separata dell’IVA in fattura ai fini dell’esercizio del diritto detrazione. Ne consegue, pertanto, che la detrazione dell’imposta, nel caso descritto, può essere esercitata secondo le regole e nei limiti stabiliti dall’articolo 19 del d.P.R. n. 633/1972, nel presupposto che Alfa, come da essa dichiarato, acquisti i servizi di telefonia mobile ricaricabile in veste di utilizzatore finale del servizio.”

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network