FNC e CNDCEC: Informativa Periodica Finanza Aziendale

Guendalina Grossi - Commercialisti ed esperti contabili

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti e il CNDCEC hanno pubblicato la prima Informativa dell'area "Finanza Aziendale" nella quale sono state inserite le proposte e le iniziative del Consiglio Nazionale per dare sostegno alle imprese tramite il supporto dei commercialisti.

FNC e CNDCEC: Informativa Periodica Finanza Aziendale

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti e il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (CNDCEC) hanno pubblicato ieri, 29 maggio 2018, la prima Informativa periodica dell’area “Finanza Aziendale” nella speranza che questa possa essere di stimolo per approfondire aspetti correlati agli strumenti di finanza tradizionale e di finanza agevolata.

L’Informativa è suddivisa in tre sezioni: documenti di ricerca e approfondimento, attività del CNDCEC e novità e opportunità.

Nella prima parte del documento viene dedicato ampio spazio ai piani individuali di risparmio, uno strumento finanziario introdotto in Italia dalla Legge di Bilancio 2017, che si pone l’obbiettivo di immettere flussi finanziari nell’economia reale e nel tessuto produttivo italiano, orientando il risparmio delle famiglie, attualmente maggiormente concentrato sulla liquidità e veicolando risorse a sostegno delle piccole e medie imprese.

Nella seconda parte dell’Informativa sono state invece inserite le iniziative che il CNDCEC sta portando avanti, le proposte di emendamento a norme e regolamenti presentate e i progetti avviati in collaborazione con altri soggetti, istituzionali e non.

In particolare, il CNDCEC ha avviato una collaborazione con l’Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano, ed ha creato un gruppo di lavoro che, insieme alla Consob, si sta occupando del tema dell’equity crowdfunding e della stesura di un relativo documento.

Proprio in materia di equity crowdfunding, in collaborazione con gli Ordini Locali, sono state avviate iniziative per informare i commercialisti sulle opportunità che questo strumento può rappresentare per le aziende.

In ultimo è stata intrapresa con Borsa Italiana una interlocuzione per individuare opportune forme di collaborazione per facilitare l’accesso delle PMI al mercato dei capitali grazie al supporto dei commercialisti.

Nell’ultima parte del documento, infine, sono state raccolte le notizie attinenti ai più recenti provvedimenti, in tema di finanza agevolata, nel cui ambito, di recente, stanno trovando attuazione pratica alcune importanti misure di sostegno alle imprese.

FNC e CNDCEC: Informativa Periodica Finanza Aziendale

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti e il CNDCEC hanno pubblicato ieri, 29 maggio 2018, la prima Informativa periodica dell’area “Finanza Aziendale” nella quale sono state inserite le proposte di emendamento a norme e regolamenti presentate dal CNDCEC e i progetti avviati in collaborazione con altri soggetti, istituzionali e non, per promuovere il sostegno alle imprese grazie al supporto dei commercialisti.

Il documento completo, di seguito allegato, è disponibile in versione integrale sul sito della Fonazione Nazionale dei Commercialisti.

PDF - 297 Kb
Informativa Periodica - Finanza Aziendale
Attenzione puntata sull’equity crowdfunding: creato un gruppo di ricerca che, insieme alla Consob, sta lavorando all’elaborazione di un documento sul tema. Intrapresa con Borsa Italiana una interlocuzione per individuare opportune forme di collaborazione per facilitare l’accesso delle PMI al mercato dei capitali grazie al supporto dei commercialisti

I piani individuali di risparmio per agevolare le piccole e medie imprese

La disciplina dei piani individuali di risparmio (PIR), a lungo termine, è stata introdotta nel nostro ordinamento a partire dal 1°gennaio 2017 per effetto di quanto previsto dai commi 100-114 della Legge di Bilancio 2017.

I PIR hanno l’obbiettivo di immettere flussi finanziari nell’economia reale e nel tessuto produttivo italiano, orientando il risparmio delle famiglie, attualmente maggiormente concentrato sulla liquidità e veicolando risorse a sostegno delle piccole e medie imprese, stimolando altresì lo sviluppo dei mercati finanziari e le iniziative di quotazione.

Per questo motivo infatti il legislatore, al fine di sostenere la diffusione dei piani individuali, ha stabilito un significativo meccanismo di incentivazione dal punto di vista fiscale in favore degli investitori proprio per cercare di far sviluppare sempre più questo sistema in modo tale da dare maggiore sostegno alle piccole e medie imprese che negli ultimi anni per effetto della crisi si sono trovate in difficoltà.