Deposito bilancio 2018: manuale operativo UnionCamere

Francesco Oliva - Bilancio e principi contabili

Deposito bilancio di esercizio 2018 in formato xbrl: ecco la guida pratica di Unioncamere.

Deposito bilancio 2018: manuale operativo UnionCamere

Deposito bilancio 2018 in formato xbrl presso il Registro delle Imprese: tutte le istruzioni sulle modalità di compilazione della modulistica elettronica e sul deposito telematico sono state pubblicate online nel manuale operativo di UnionCamere.

La guida pubblicata il 2 marzo 2018 illustra tutte le novità relative alla riforma del bilancio d’esercizio applicata al formato XBRL, procedura che ha modificato le regole di compilazione e di deposito in modalità telematica dei Bilanci e degli Elenchi Soci.

Con il Decreto Legislativo n. 139/2015 con il quale è stata recepita la Direttiva 2013/34/UE, sono state introdotte numerose integrazioni e modifiche al codice civile e ai principi contabili nazionali, introducendo novità ai bilanci degli esercizi con inizio dal 1° gennaio 2016.

A tal proposito si è reso necessario adeguare la tassonomia XBRL per garantire l’aderenza alla nuova normativa dei bilanci d’esercizio, in particolare per le micro-imprese e per i consolidati.

Il deposito del bilancio in formato XBRL è obbligatorio dal 2010, secondo quanto previsto dal DPCM del 10 dicembre 2008, fatta esclusione di alcune società esentate per legge.

Deposito bilanci 2018: manuale operativo UnionCamere

L’obbligo di deposito del Bilancio annuale in formato XBRL è stato introdotto a partire dal 2010 e, a seguito delle novità introdotte dal Decreto Legislativo n. 139/2015 è stato necessario rivedere la definizione di PMI introdotta dalla normativa europea, che include anche le micro-imprese.

La tassonomia XBRL 2017-07-06, secondo quanto riportato nella guida di UnionCamere e sul portale del Registro delle Imprese, recepisce i più recenti aggiornamenti ai principi contabili nazionali pubblicati da OIC (Organismo Italiano di Contabilità) il 22 dicembre 2016.

La nuova versione di tassonomia è entrata in vigore da gennaio 2018 per gli esercizi chiusi dal 31 dicembre 2017 e dovrà essere usata obbligatoriamente per le istanze di deposito bilanci presentati a partire dal 1 marzo 2018.

Tutti i bilanci relativi ad esercizi con inizio in data anteriore al 1° gennaio 2016 (ante D.Lgs n. 139/2015) potranno avvalersi della tassonomia 2015-12-14 che sarà mantenuta in vigore per assicurarne la coerenza alla normativa, mentre le precedenti versioni di tassonomia (2009-02-16, 2011-01-04, 2014-11-17) saranno contestualmente dismesse.

Si riporta di seguito la schematizzazione offerta dal manuale operativo di UnionCamere relativo alla relazione tra tassonomia valida e date di inizio e fine esercizio:

  • Inizio esercizio 1° gennaio 2016 o successivo:
    chiusura esercizio 31-12-2017 o successiva: versione 2017-07-06
    chiusura esercizio ante 31-12-2017: versione 2016-11-14 o facoltativamente versione 2017-07-06.
  • Inizio esercizio antecedente al 1° gennaio 2016:
    versione 2015-12-14 o, facoltativamente, versioni successive.
PDF - 3.1 Mb
Guida Nazionale Unioncamere Bilanci 2018
Scarica la guida pubblicata da Unioncamere con le modalità di compilazione della modulistica elettronica e di deposito telematico dei Bilanci e degli Elenchi Soci nel 2018.

Obbligo di deposito bilancio in formato XBRL

Rimandando al manuale guida UnionCamere per tutte le istruzioni sulle modalità di compilazione dei bilanci 2018, si ricorda che il deposito in formato XBRL è obbligatorio dal 2010, eccetto che per le società esonerate per legge.

La tassonomia 2017-07-06 non incide sul perimetro dei soggetti obbligati
all’impiego di XBRL per i bilanci d’esercizio e in tal senso nulla cambia rispetto allo scorso anno.

Ad oggi sono escluse dall’obbligo di deposito dei bilanci in formato XBRL:

  • le società quotate in mercati regolamentati intendendosi per tali non solo quelle con azioni quotate bensì anche quelle dotate di altri strumenti finanziari a listino (per esempio le obbligazioni);
  • le società, anche non quotate, che redigono il bilancio di esercizio in conformità ai principi contabili internazionali2 ciò vale anche per il bilancio consolidato;
  • le società esercenti attività di assicurazione e riassicurazione di cui all’art. 1 del D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209;
  • le banche e altri istituti finanziari, tenuti a redigere il bilancio secondo le disposizioni del D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 87;
  • le società controllate, anche congiuntamente, da una delle imprese di cui alle lettere a), b), c) e d) nonché le società incluse nel bilancio consolidato delle stesse.

Non sono inoltre disponibili le tassonomie per le seguenti fattispecie, che non possono depositare il bilancio in formato XBRL, considerato che il file XBRL sicuramente non rispetta le norme specifiche di legge:

  • Bilancio di società estere avente sede secondaria in Italia (Mod. B e cod. atto – 715);
  • Bilancio sociale (Mod. B e cod. atto - 716);
  • Situazione Patrimoniale di impresa sociale (Mod. B e cod. atto - 717);
  • Situazione Economica e Patrimoniale delle società di mutuo soccorso (Mod. B e codice atto - 717);
  • Bilancio consolidato di società di persone (Mod. B e cod. atto - 721).

Tutte le informazioni sul deposito del bilancio sono riportate sul sito di UnionCamere e sul sito della Camera di riferimento