Sanzioni dichiarazione IVA 2021 omessa o tardiva e ravvedimento operoso

Alessio Mauro - Dichiarazione IVA

Sanzioni dichiarazione IVA 2021, omessa presentazione o invio tardivo dopo la scadenza del 30 aprile: facciamo il punto delle regole e dei tempi da rispettare, anche al fine dell'applicazione del ravvedimento operoso.

Sanzioni dichiarazione IVA 2021 omessa o tardiva e ravvedimento operoso

Sanzioni dichiarazione IVA 2021 omessa o tardiva: facciamo il punto delle regole nel caso di trasmissione dopo la scadenza del 30 aprile.

Ci sono 90 giorni di tempo per sanare l’omesso invio della dichiarazione IVA 2021. L’invio tardivo oltre la scadenza può essere sanato beneficiando del ravvedimento operoso, con una riduzione considerevole delle sanzioni previste.

La sanzione ordinaria in caso di omessa presentazione della dichiarazione IVA 2021 va dal 120 al 240 per cento delle imposte non versate, con un minimo di 250 euro. La soglia minima di 250 euro è prevista anche in caso di dichiarazione IVA per la quale non risultano dovute imposte, con un massimo di 2.000 euro.

Nel caso di invio tardivo della dichiarazione IVA 2021 entro 90 giorni, è possibile applicare il ravvedimento operoso sulla sanzione dovuta, che passa quindi all’importo minimo di 25 euro.

Sanzioni dichiarazione IVA 2021 tardiva entro 90 giorni

L’invio tardivo della dichiarazione IVA 2021 entro 90 giorni dalla scadenza del 30 aprile può essere sanato beneficiando della riduzione delle sanzioni con ravvedimento operoso.

Si ricorda che si considera validamente presentata la dichiarazione IVA trasmessa tardivamente, entro il termine di 90 giorni dalla scadenza ordinaria.

In caso di invio entro 90 giorni dalla scadenza, la sanzione applicata è pari ad un minimo di 250 euro e fino a 2.000 euro.

La violazione può essere sanata con ravvedimento operoso, e quindi con una sanzione di importo ridotto pari a 25 euro (1/10 della sanzione ordinaria), da versare utilizzando il modello F24 e il codice tributo 8911.

Sanzioni dichiarazione IVA 2021 omessa

Nel caso di invio oltre 90 giorni dalla scadenza del 30 aprile 2021 la dichiarazione IVA è considerata omessa ma è in ogni caso ritenuta valida per la riscossione dell’imposta che ne risulti dovuta.

Nel caso di omessa presentazione della dichiarazione IVA annuale la sanzione dovuta va dal 120 per cento al 240 per cento dell’ammontare dell’imposta.

La sanzione minima applicata non può in ogni caso essere inferiore a 250 euro, anche qualora non siano dovute imposte, fino ad un massimo di 1.000 euro.

In base a quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, D.lgs. n. 471 del 1997 se la dichiarazione omessa è presentata dal contribuente entro la scadenza per l’invio della dichiarazione del periodo d’imposta successivo e prima dell’avvio dell’attività di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, la sanzione dovuta va dal 60 per cento al 120 per cento delle imposte dovute, con un minimo di 200 euro.

Se non sono dovute imposte si applica la sanzione da 150 a 1.000 euro.

Sanzioni dichiarazione IVA integrativa o correttiva oltre i termini

Dopo la scadenza del 30 aprile 2021 della dichiarazione annuale, il contribuente può rettificare o integrare i dati trasmessi presentando una nuova dichiarazione IVA integrativa o correttiva oltre i termini compilata in ogni sua parte.

A seguito delle novità introdotte dal decreto legge 193/2016, le dichiarazioni Iva a favore potranno essere integrate con le stesse tempistiche previste per la presentazione della dichiarazione Iva a sfavore: la scadenza prevista per la correzione di errori od omissioni oltre la scadenza segue i termini previsti per l’accertamento.

Pertanto, la dichiarazione Iva integrativa potrà essere presentata entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione originaria.

Se l’integrativa è presentata entro 90 giorni dalla scadenza le sanzioni previste sono le seguenti:

  • da 250 euro a 2.000 euro se la correzione riguarda errori non rilevabili in sede di controllo automatizzato (sanabile con ravvedimento operoso);
  • pari al 30 per cento di quanto non versato se la dichiarazione è presentata per correggere errori non rilevabili in sede di controllo automatizzato o formale (anche in questo caso con possibilità di ravvedimento).

Se invece la dichiarazione IVA integrativa è presentata dopo 90 giorni la sanzione dovuta è così determinata:

  • se la dichiarazione è presentata per correggere errori non rilevabili in sede di controllo formale, la sanzione sarà pari al 90 per cento della maggiore imposta dovuta;
  • in caso di integrativa presentata per correggere errori rilevabili in sede di controllo si applicherà la sanzione per omesso versamento.

Si ricorda che possono presentare la dichiarazione Iva integrativa soltanto coloro che hanno validamente presentato la dichiarazione originaria, comprese le dichiarazioni trasmesse entro 90 giorni dalla scadenza.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network