Sabatini ter, nuovo elenco beni immateriali. Domanda semplificata

Anna Maria D’Andrea - Incentivi alle imprese

La circolare direttoriale del MISE pubblicata il 3 agosto 2018 aggiorna l'elenco dei beni immateriali Industria 4.0 per l'accesso alla Sabatini ter. È stata inoltre semplificata la modalità di presentazione della domanda.

Sabatini ter, nuovo elenco beni immateriali. Domanda semplificata

La Sabatini ter si adegua alle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018: con la circolare MISE del 3 agosto (n. 269210) viene aggiornato l’elenco dei beni immateriali riconducibili al Piano Industria 4.0 per i quali è riconosciuta la misura massima del contributo.

La domanda per l’accesso alla Nuova Sabatini viene inoltre semplificata e, nello specifico, la semplificazione riguarda la documentazione da allegare all’istanza di accesso alle agevolazioni e alle richiese di erogazioni.

Le novità disposte dalla circolare del Ministero dello Sviluppo Economico pubblicata il 3 agosto 2018 affrontano anche la tematica dei controlli documentali effettuati sulle dichiarazioni sostitutive di atto notorio rilasciate dalle imprese ai fini dell’erogazione del beneficio.

Alla luce delle novità introdotte dalla circolare del MISE, bisognerà utilizzare il nuovo modulo di domanda per l’accesso all’agevolazione per i beni strumentali Sabatini ter.

Sabatini ter, nuovo elenco beni immateriali

Nell’elenco dei beni immateriali riconducibile al Piano Nazionale Industria 4.0 ed ammessi all’agevolazione Sabatini ter rientrano anche quelli in grado di permettere la progettazione, la modellazione 3D, la simulazione, la sperimentazione, la prototipazione e la verifica simultanea del processo produttivo, del prodotto e delle sue caratteristiche e i sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce.

Sono queste alcune delle novità contenute nell’elenco dei beni immateriali (allegato E) rientranti tra gli investimenti sul cui importo viene applicato, ai fini del calcolo del contributo, un tasso di interesse pari al 3,575%, aggiornato dal MISE a seguito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018.

Si ricorda a tal proposito che la Nuova Sabatini è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico per facilitare l’accesso al credito in favore delle imprese che investono in beni strumentali materiali e immateriali, sia per l’acquisto che per il leasing.

La circolare del MISE pubblicata il 3 agosto 2018 aggiorna le regole disposte da quella del 15 febbraio 2017 e come sopra anticipato tra le novità introdotte si segnala la semplificazione dei documenti da allegare alla domanda di agevolazione e alle richieste di erogazione.

PDF - 117.1 Kb
MISE - Circolare Direttoriale 3 agosto 2018
Modifiche alla circolare n. 14036 del 15 febbraio 2017, concernente termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l’erogazione dei contributi di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, 25 gennaio 2016, recante la disciplina dei contributi e dei finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di piccole e medie imprese

Domanda Nuova Sabatini semplificata, nuovo modulo e controlli a campione

Per la richiesta del contributo ministeriale per l’acquisto di beni immateriali non sarà più necessario allegare alla domanda copia dell’atto di procura e la copia della carta d’identità del soggetto che rilascia la procura in caso di modulo di domanda sottoscritto dal procuratore dell’impresa.

Conseguentemente alla semplificazione sul fronte dei documenti necessari per richiedere la Nuova Sabatini è stato pubblicato il nuovo modulo di domanda (allegato A), in sostituzione del precedente.

Sul fronte dei controlli, il MISE potrà periodicamente definire un campione di imprese da sottoporre a verifica circa la veridicità delle dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà rilasciate dalle stesse imprese in fase di richiesta di erogazione del contributo.

Per scaricare tutti gli allegati al decreto MISE del 3 agosto 2018 si rimanda alla sezione dedicata sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.