Lavori gravosi e usuranti: quali sono?

Alessio Mauro - Leggi e prassi

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale l'elenco ufficiale dei lavori gravosi e usuranti che danno diritto ad Ape social e pensione anticipata precoci nel 2018 e che sono esonerati dall'aumento dell'età pensionabile a 67 anni nel 2019.

Lavori gravosi e usuranti: quali sono?

Dopo la firma da parte del Ministero del Lavoro lo scorso 5 febbraio, entra oggi ufficialmente in vigore il decreto sui lavori gravosi ed usuranti con l’elenco di chi potrà presentare domanda di Ape social e pensione anticipata per i precoci nel 2019.

L’elenco dei lavori pesanti modificato dalla Legge di Bilancio 2018 estende, inoltre, l’esonero dall’aumento dell’età pensionabile per altre quattro categorie di lavoratori: sono in tutto 15 le mansioni per le quali si potrà andare in pensione anche nel 2019 con 66 anni e 7 mesi.

I lavoratori che rientrano nei 15 lavori esonerati dall’aumento dell’età per la pensione potranno andare in pensione cinque mesi prima degli altri anche nel caso di ulteriore aumento dell’età pensionabile. Si tratta, secondo il Presidente del Consiglio Gentiloni di uno dei provvedimenti più importanti della riforma delle pensioni 2018, con il quale vengono tutelati i lavoratori più deboli.

Ecco quali sono i lavori gravosi e usuranti per i quali sarà possibile andare in pensione anticipata Ape social e precoci nel 2018 e per i quali resta il requisito anagrafico di 66 anni e 7 mesi per l’accesso alla pensione di vecchiaia.

Elenco lavori gravosi e usuranti: ecco il decreto pubblicato in GU del 26 febbraio 2018

L’elenco dei lavori gravosi ed usuranti beneficiari delle deroghe all’aumento dell’età pensionabile nel 2019 è contenuto nell’Allegato A del decreto del Ministero del Lavoro pubblicato in GU del 26 febbraio 2018.

Le novità introdotte dalla riforma delle pensioni della Legge di Bilancio 2018 si applicheranno ai lavoratori delle seguenti categorie:

  • Operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici -Classificazioni Istat 6.1 - 8.4.1 - 8.4.2;
  • Conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni -Classificazioni Istat 7.4.4.2 - 7.4.4.3 - 7.4.4.4;
  • Conciatori di pelli e di pellicce - Classificazioni Istat 6.5.4.1;
  • Conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante - Classificazioni Istat 7.4.1.1;
  • Conduttori di mezzi pesanti e camion - Classificazioni Istat 7.4.2.3;
  • Personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  • Addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza -Classificazioni Istat 5.4.4.3;
  • Insegnanti della scuola dell’infanzia e educatori degli asili nido - Classificazioni Istat 2.6.4;
  • Facchini, addetti allo spostamento merci e assimilati - Classificazioni Istat 8.1.3.1;
  • Personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia - Classificazioni Istat 8.1.4.1 - 8.1.4.3;
  • Operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti - Classificazioni Istat 8.1.4.5;
  • Operai dell’agricoltura, zootecnia e pesca - Classificazioni ISTAT 6.4.1 - 6.4.2 - 6.4.3 - 8.3.1 - 8.3.2;
  • Pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative - Classificazioni Istat 6.4.5.2 - 6.4.5.3;
  • Siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi tra i lavori usuranti di cui al dlgs n. 67/2011 -Classificazioni Istat 7.1.2.1 - 7.1.2.2 - 7.1.2.3 - 7.1.3;
  • Marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini ed acque interne - Classificazioni Istat 7.4.5.
PDF - 271.3 Kb
DM 5 febbraio 2018 - Allegato A
Scarica l’elenco dei lavori gravosi e usuranti pubblicato in GU del 26 febbraio 2018 a seguito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018

Lavori gravosi e usuranti: le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018

Il decreto del Ministero del Lavoro del 5 febbraio 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, attua due delle novità in materia di pensioni previste dalla Legge di Bilancio 2018.

Innanzitutto viene ufficialmente esteso il numero di lavoratori che potrà presentare domanda di Ape sociale e di pensione anticipata per i precoci nel 2018.

In secondo luogo viene stabilito che l’aumento dell’età pensionabile a 67 anni a partire dal 2019 e nel 2020 non riguarderà i lavoratori impiegati in una delle mansioni gravose o usuranti indicate nell’allegato A del DM del 5 febbraio 2018.

Per poter beneficiare delle agevolazioni previste per l’accesso alla pensione anticipata con almeno 63 anni di età o con 41 anni di contributi e per poter beneficiare del blocco dell’aumento dell’età pensionabile sarà necessario che tali mansioni siano svolte per almeno 6 anni negli ultimi 7 di lavoro oppure per almeno 7 anni negli ultimi 10 di lavoro che precedono il pensionamento.

Per ulteriori dettagli si consiglia la lettura della guida a requisiti e novità per la pensione anticipata nel 2018.