Fondo credito INPS 2021, al via le iscrizioni: come funziona il pagamento dei contributi

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Fondo credito INPS 2021, riaperti i termini per le iscrizioni da oggi, 20 agosto, e fino alla scadenza del 20 febbraio 2022. Come funziona il pagamento dei contributi? A fornire le istruzioni è l'INPS con la circolare numero 128 del 19 agosto 2021.

Fondo credito INPS 2021, al via le iscrizioni: come funziona il pagamento dei contributi

Fondo credito INPS 2021: partono oggi 20 agosto le iscrizioni, c’è tempo fino alla scadenza del 20 febbraio 2022 grazie alla riapertura dei termini. Con la circolare numero 128 del 19 agosto, l’Istituto fornisce le istruzioni da seguire per il pagamento dei contributi.

Il documento mette in chiaro il “Regolamento recante adesione alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali” contenuto nel DM del 12 maggio pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 5 agosto 2021.

Fondo credito INPS 2021, al via le iscrizioni dal 20 agosto

Dal 20 agosto è possibile presentare la comunicazione di adesione al Fondo credito INPS 2021 e procedere con l’iscrizione alla gestione dedicata.

Come si legge nella circolare numero 128 del 9 agosto 2021, la possibilità riguarda i seguenti soggetti:

  • pensionati, già dipendenti pubblici, che fruiscono di trattamento pensionistico a carico delle seguenti casse della Gestione speciale di previdenza dei dipendenti dell’amministrazione pubblica:
    • Cassa Trattamenti pensionistici dei dipendenti statali (CTPS);
    • Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL);
    • Cassa Pensioni Insegnanti (CPI);
    • Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari (CPUG);
    • Cassa Pensioni Sanitari (CPS).
  • pensionati di enti e amministrazioni pubbliche che non fruiscono di trattamento pensionistico a carico della Gestione speciale di previdenza dei dipendenti dell’Amministrazione pubblica, ma a carico di gestioni o fondi speciali diversi dalle casse pensionistiche pubbliche menzionate come FPLD, INPGI, ENPAM;
  • dipendenti di enti e amministrazioni pubbliche non iscritti alle casse pensionistiche o ai fondi (ex ENPAS o ex INADEL) per i trattamenti di fine servizio della Gestione speciale di previdenza dei dipendenti dell’amministrazione pubblica.

Nella prima categoria sono inclusi anche i pensionati che, dopo la privatizzazione dell’ente datoriale, hanno mantenuto l’iscrizione a una delle casse pensionistiche indicate e i sottufficiali in ausiliaria che fruiscono di un trattamento provvisorio di pensione a carico del Ministero della Difesa.

I lavoratori neoassunti dal 1° gennaio 2020 e i pensionandi a partire dalla stessa data non rientrano nell’ambito di applicazione del D.M. n. 110/2021. Valgono, quindi, le vecchie scadenze per l’adesione.

In linea generale si ha tempo 30 giorni dalla data di assunzione o dalla data del trasferimento o fino all’ultimo giorno di servizio.

La domanda, e quindi l’iscrizione al Fondo Credito INPS, può avvenire solo online: gli interessati possono procedere autonomamente tramite il portale INPS, dopo aver effettuato l’accesso all’area personale utilizzando una delle tipologie di credenziali ammesse e collegandosi al seguente percorso:

  • Prestazioni e servizi;
  • Servizi;
  • Adesione alla gestione delle prestazioni creditizie e sociali.

In alternativa è possibile affidarsi a un Patronato o al Contact Center disponibile al numero verde 803.164 (da telefono fisso) o al numero 06164164 (da telefoni cellulari con tariffazione a carico dell’utente).

Fondo credito INPS 2021, al via le iscrizioni: come funziona il pagamento dei contributi

Come specifica il documento INPS, la comunicazione di adesione da parte dei soggetti interessati comporta l’iscrizione alla gestione credito a partire dal primo giorno utile del mese in cui viene presentata la domanda.

Nella stessa data scatta l’obbligo contributivo: l’adesione è irrevocabile e il pagamento del contributo è totalmente a carico dell’interessato.

Soggetti interessatiImporto dei contributiModalità
Dipendenti con iscrizione facoltativa e obbligatoria Contributo pari allo 0,35 per cento, a carico del dipendente, commisurato alla retribuzione contributiva e pensionabile, determinata ai sensi dell’articolo 2, commi 9 e 10, della legge 8 agosto 1995, n. 335 Stesse modalità previste per il versamento del trattamento pensionistico, fermo restando il diritto di rivalsa da parte delle amministrazioni e degli enti nei confronti del dipendente
Pensionati Contributo pari allo 0,15 per cento dell’ammontare lordo del trattamento pensionistico Trattenuta mensile

Nella circolare si legge:

“Nessun contributo è dovuto dai pensionati, se titolari di pensione con un importo inferiore o uguale al trattamento minimo delle pensioni a carico del Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti. Tale importo è automaticamente adeguato prendendo a riferimento le variazioni del trattamento minimo delle pensioni a carico del Fondo pensioni dei lavoratori dipendenti”.

Tutti i dettagli e le istruzioni del Fondo Credito INPS nella circolare numero 128 del 19 agosto 2021.

INPS - Circolare numero 128 del 19 agosto 2021
D.M. 12 maggio 2021, n. 110, “Regolamento recante adesione alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 186 del 5 agosto 2021, di attuazione dell’articolo 1, comma 483, della legge 27 dicembre 2019, n. 160. Adesione alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali di cui all’articolo 1, comma 245, della legge 23 dicembre 1996, n. 662. Nuova modalità di presentazione della domanda di adesione alla gestione.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network