Estratto Conto, l’operazione online dell’INPS sulla pensione futura

Redazione - Lavoro

Estratto Conto, l'operazione online dell'INPS sulla pensione futura. L'Istituto lancia un progetto di sistemazione dell'estratto contributivo dei dipendenti pubblici per verificare e definire le posizioni assicurative.

Estratto Conto, l'operazione online dell'INPS sulla pensione futura

Estratto Conto, l’operazione online dell’INPS sulla pensione futura è stata spiegata oggi da un comunicato ufficiale diramato dallo stesso ente di previdenza.

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale lancia un progetto di sistemazione dell’estratto contributivo dei dipendenti pubblici per verificare e definire le posizioni assicurative.

Estratto Conto, l’operazione online dell’INPS sulla pensione futura

Estratto Conto è una nuova campagna informativa dell’INPS per consolidare la banca dati delle posizioni assicurative dei dipendenti pubblici. Entro il 31 dicembre 2018 un primo gruppo di 500mila dipendenti pubblici appartenenti agli enti locali, e successivamente anche gli altri contribuenti, potranno accedere al servizio online La mia pensione futura.

Quest’area del portale INPS permette di simulare quale sarà la pensione al termine dell’attività lavorativa, in base all’età, la storia lavorativa e la retribuzione, e di verificare eventuali incongruenze.

PDF - 159.5 Kb
Infografica INPS operazione estratto conto
Operazione estratto conto INPS dipendenti pubblici: infografica

L’INPS ha annunciato che, sempre entro la fine dell’anno, un milione di lavoratori riceveranno le buste arancioni per controllare il proprio estratto conto contributivo e simulare l’importo della pensione futura.

Sistemazione del pregresso, attendibilità del conto assicurativo attuale, implementazione continua, estratto conto virtuoso sono i punti chiave su cui l’INPS ha dichiarato di voler puntare con la nuova campagna informativa.

I soggetti interessati sono tutti i lavoratori della Gestione Pubblica iscritti alle casse relative ai diversi ambiti professionali:

  • Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali (CPDEL);
  • Cassa Pensioni Sanitari (CPS);
  • Cassa Pensioni Insegnanti (CPI);
  • Cassa Pensioni Ufficiali Giudiziari (CPUG);
  • Cassa Trattamenti Pensionistici dello Stato (CTPS).

Estratto Conto, l’operazione online dell’INPS sulla pensione futura: come funziona

L’obiettivo dell’operazione lanciata da Tito Boeri, presidente INPS, è quello di sistemare l’estratto contributivo dei lavoratori e definirne le posizioni assicurative.

Gli attori in gioco per la buona riuscita dell’Operazione Estratto Conto sono l’INPS, il datore di lavoro/ente locale e l’iscritto. Tutti e tre hanno un ruolo attivo e, per arrivare a un estratto conto virtuoso, tra loro deve crearsi una sinergia come si legge nel comunicato stampa del 20 novembre pubblicato dall’Istituto.

Gestire le posizioni assicurative dei dipendenti pubblici e attribuire all’iscritto le prestazioni alle quali ha diritto sono responsabilità dell’INPS.

PDF - 490.9 Kb
Estratto conto INPS dipendenti pubblici
Tutti i numeri presentati dall’INPS nell’ambito dell’operazione estratto conto dipendenti pubblici

Mentre il datore di lavoro ha tre compiti:

  • trasmettere all’INPS i dati anagrafici e previdenziali dei propri dipendenti;
  • verificare la correttezza di tali dati provvedendo, eventualmente, alla loro integrazione;
  • eseguire la sistemazione della singola posizione assicurativa.

Anche il lavoratore ha un ruolo attivo, e per vigilare sulla sua pensione futura deve fare tre operazioni:

  • consultare il proprio estratto conto online;
  • verificare incongruenze o scoperture nei periodi di servizio e nelle retribuzioni presenti nel conto;
  • segnalare al proprio datore di lavoro e all’INPS gli eventuali errori o le scoperture riscontrate con la Richiesta di Variazione Posizione Assicurativa (RVPA) e richiedere la verifica e la correzione del dato.

Estratto Conto, l’operazione dell’INPS sulla pensione futura: la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e della Giustizia

Durante la conferenza stampa del 13 novembre, l’INPS ha sottolineato l’importanza di collaborare sugli obiettivi dell’Operazione Estratto Conto con il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca e il Ministero della Giustizia.

Entrambi, infatti, sono le amministrazioni con una maggiore giacenza di pratiche di riscatto, ricongiunzione e computo, presentate entro agosto del 2000 o settembre del 2005 e che dovevano essere definite internamente.

In particolare l’INPS interverrà per trattare le 12.150 domande di prestazioni, presentate dal personale dipendente del Dipartimento Organizzazione Giudiziaria entro il 30 settembre 2005. E inoltre con il Ministero della Giustizia si occuperà dei potenziali pensionandi tra il 2019 e il 2020 e della sistemazione di circa 3.000 posizioni assicurative di dipendenti.

Collaborerà con il MIUR, invece, con un accordo quadro nazionale e degli accordi provinciali per la trattazione di circa 200.000 domande di prestazioni, presentate nel 2000 dal personale docente e non docente presso gli Ambiti Territoriali Provinciali.