Detrazione affitto studenti fuori sede, le novità del bonus fiscale 2018

Redazione - Irpef

Detrazione affitto studenti fuori sede: novità sul bonus fiscale nel 2018 introdotte con il Decreto Legge Fiscale 148/2017. Ecco cosa cambia.

Detrazione affitto studenti fuori sede, le novità del bonus fiscale 2018

Studenti fuori sede, novità in merito alla detrazione affitto introdotte con il Decreto Legge 148/2017.

Il bonus fiscale sugli affitti si estende, consentendo ad un maggior numero di studenti fuori sede di beneficiare della detrazione fiscale del 19% Irpef sui canoni di locazione stipulati nel luogo in cui ha sede l’università.

La detrazione fiscale consiste in un rimborso di un massimo di 500 euro, calcolata in base al costo sostenuto per pagare le mensilità d’affitto ed entro il limite di 2.633 euro all’anno.

Le nuove regole verranno introdotte per un periodo limitato: la norma inserita all’interno del Decreto Legge 148/2017 approvato al Senato prevede una sorta di sperimentazione biennale per il 2017 e per il 2018 con possibilità di proroga o stabilizzazione.

Di seguito l’analisi di cosa cambia e chi potrà richiedere il bonus fiscale della detrazione Irpef sugli affitti per studenti fuori sede.

Detrazione affitto studenti fuori sede, le novità del bonus fiscale 2018

Per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2017 e per il 2018 la detrazione dell’affitto stipulato in favore di studenti fuori sede potrà esser richiesta anche nel caso in cui l’immobile oggetto di locazione sia situato nella stessa provincia di residenza.

Si tratta di una delle novità introdotte con il DL 148/2017 in via temporanea: il bonus fiscale si allarga, quindi, anche a chi risiede in grandi province ed è costretto a prendere una casa in affitto per seguire i corsi universitari.

Resta il vincolo della distanza tra luogo di residenza e Comune in cui ha sede l’università: dovrà esser pari ad almeno 100 km.

Tra le novità viene tuttavia previsto che, qualora lo studente viva in una zona montana e disagiata, la detrazione potrà esser richiesta anche nel caso in cui la distanza tra luogo di residenza e di studi sia pari ad almeno 50 km.

Resta invariato il limite di spesa previsto: la detrazione fiscale del 19% Irpef si applica su un massimo di 2.633 euro di spesa all’anno e consente quindi di beneficiare di uno sconto fiscale massimo di 500 euro.

Affitti studenti, cosa cambia sulla detrazione fiscale 2018

Le novità previste dal Decreto Fiscale amplieranno la platea degli attuali 249.000 contribuenti che beneficiano della detrazione fiscale sugli affitti per gli studenti universitari fuori sede.

Ad oggi è previsto che lo sconto fiscale del 19% Irpef spetti soltanto nel rispetto di due requisiti:

  • distanza tra Comune di residenza e Comune in cui ha sede l’università pari ad almeno 100 km;
  • casa presa in affitto situata in una provincia diversa da quella in cui risiede il nucleo familiare.

Due requisiti che verranno modificati per il biennio 2017/2018, estendendo la possibilità di richiedere la detrazione in dichiarazione dei redditi anche a quegli studenti che risiedono nelle province più grandi e che spesso comprendono comuni anche molto distanti tra loro.

In linea generale resterà invariato il vincolo dei 100 km di distanza, che viene invece dimezzato per gli studenti che risiedono in comuni montani e particolarmente disagiati. A tal proposito si attendono ulteriori indicazioni su quali saranno i requisiti necessari per rientrare in questa categoria di beneficiari.

L’ipotesi è che il perimetro dei comuni montani e disagiati verrà delineato considerando anche le infrastrutture di trasporto pubblico e privato presenti sul territorio.