Anche i contributi a fondo perduto collegati a Resto al Sud non sono imponibili ai fini IRPEF e IRAP

Rosy D’Elia - Imposte

Non rientrano tra i redditi imponibili ai fini IRPEF e IRAP i contributi a fondo perduto per i beneficiari degli incentivi Resto al Sud. Lo conferma l'Agenzia delle Entrate analizzando la normativa di riferimento e in particolare la detassazione prevista dall'articolo 10 bis del Decreto Ristori nella risposta all'interpello numero 815 del 2021.

Anche i contributi a fondo perduto collegati a Resto al Sud non sono imponibili ai fini IRPEF e IRAP

Il Decreto Rilancio ha previsto per i beneficiari della misura Resto al Sud specifici contributi a fondo perduto: anche questi importi indirizzati a una particolare categoria di destinatari non costituiscono redditi imponibili ai fini IRPEF e IRAP in base alla detassazione degli aiuti Covid prevista dal Decreto Ristori.

Lo stabilisce l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello numero 815 del 15 dicembre 2021, analizzando la normativa di riferimento.

Anche i contributi a fondo perduto collegati a Resto al Sud non sono imponibili ai fini IRPEF e IRAP

Come di consueto, lo spunto per fare luce sul tema arriva dall’analisi di un caso pratico.

Protagonista è il titolare di una ditta che ha ottenuto i contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Rilancio per i beneficiari degli incentivi Resto al Sud.

Il contribuente si rivolge all’Agenzia delle Entrate per verificare la possibilità di escludere dal campo di applicazione dell’IRPEF e dell’IRAP gli importi ricevuti alla luce di tre considerazioni:

Con la risposta all’interpello numero 815 del 15 dicembre 2021, l’Agenzia delle Entrate conferma la non imponibilità dei contributi a fondo perduto indirizzati a questa particolare categoria di destinatari.

“Si ritiene che l’agevolazione qui in esame non concorre alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del Tuir, ai sensi del comma 1 dell’articolo 10-bis del decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137”.

Contributi a fondo perduto Resto al Sud costituiscono aiuti Covid: ok alla non imponibilità IRPEF e IRAP

Risulta, quindi, applicabile l’articolo 10 bis del Decreto Ristori.

Con questo intervento normativo, è stato stabilita l’esclusione dei contributi e delle indennità di qualsiasi natura erogati in via eccezionale a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 ai soggetti esercenti impresa, arte o professione e i lavoratori autonomi, dal reddito imponibile IRPEF e IRAP.

Secondo l’Agenzia delle Entrate sono due le ragioni per cui è possibile beneficiare della non imponibilità anche per i contributi a fondo perduto collegati alla misura Resto al Sud:

  • le somme sono state erogate per sostenere il rilancio produttivo dei beneficiari degli incentivi e della loro capacità di far fronte a crisi di liquidità correlate agli effetti socioeconomici della pandemia: la ragione per cui vengono riconosciute è l’emergenza Covid-19, così come richiesto dalla normativa;
  • l’aiuto consiste in un contributo a fondo perduto a copertura del fabbisogno di circolante dei predetti soggetti e, quindi, è diverso rispetto alla misura originaria Resto al Sud che esisteva già indipendentemente dalla situazione di crisi.

Appare chiaro, quindi, che ci sono tutti i presupposti per stabilire che anche questi contributi a fondo perduto si escludono dai redditi imponibili ai fini IRPEF e IRAP.

Agenzia delle Entrate - Risposta all’interpello numero 815 del 15 dicembre 2021
Articolo 245 del decreto legge 19 maggio 2020 n. 34. Detassazione del contributo a fondo perduto

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network