Bonus asilo nido, invio documenti anche tramite l’App INPS

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Bonus asilo nido: invio dei documenti di spesa anche tramite l'App INPS mobile. Le istruzioni sono state pubblicate con il messaggio n. 4464 del 28 novembre 2018.

Bonus asilo nido, invio documenti anche tramite l'App INPS

Bonus asilo nido, invio dei documenti di spesa anche tramite l’App INPS mobile. Le istruzioni e le novità sono contenute nel messaggio n. 4464 pubblicato il 28 novembre 2018.

Per beneficiare delle agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, le famiglie potranno allegare la documentazione della spesa sostenuta effettuando una semplice fotografica dell’attestazione di pagamento.

In tal modo sarà possibile allegare le fatture relative alle rette del nido pagate e ricevere l’assegno mensile pari a 90 euro circa, erogato per un massimo di 11 mensilità, fino a raggiungere il limite di 1.000 euro di bonus per ciascun anno di frequenza dell’asilo nido.

Ecco le istruzioni dell’INPS su come inviare i documenti del bonus nido tramite l’applicazione mobile.

Bonus asilo nido, invio documenti anche tramite l’App INPS

È con il messaggio pubblicato il 28 novembre 2018 che l’INPS ha illustrato le novità in ottica di semplificazione degli adempimenti richiesti per accedere al bonus asilo nido.

Per l’invio dei documenti relativi alle spese sostenute, adempimento obbligatorio per beneficiare dell’assegno mensile, sarà possibile utilizzare l’App INPS Mobile, scaricabile sugli store ufficiali sia Apple che Android.

Così come comunicato dall’INPS, al fine di rendere più agevole per il cittadino l’allegazione della documentazione di spesa necessaria alla fruizione del bonus per la frequenza degli asili nido pubblici e privati, l’applicazione “INPS mobile” è stata integrata con una nuova funzionalità, denominata “Bonus nido”, che consente di procedere a tale adempimento.

Basterà allegare i dati acquisiti tramite una semplice fotografia dell’attestazione di pagamento rilasciata dall’asilo nido al seguito del pagamento della retta.

Per accedere al servizio Bonus nido sarà necessario essere in possesso di PIN dispositivo INPS o di credenziali SPID.

PDF - 85.2 Kb
INPS - messaggio numero 4464 del 28 novembre 2018
Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati, ai sensi dell’articolo 1, comma 355, della legge 11 dicembre 2016, n. 232. Rilascio servizio agli utenti per l’allegazione della documentazione di spesa tramite l’applicazione INPS mobile

Bonus nido, come inviare i documenti di spesa INPS

Una volta effettuato l’accesso, l’applicazione proporrà al cittadino esclusivamente le domande in relazione alle quali è possibile allegare i giustificativi di spesa, ossia le istanze che si trovino nei seguenti stati:

  • “Protocollata”;
  • “Da Istruire”;
  • “Accolta”.

Per le domande inviate, il servizio permetterà di allegare la documentazione di spesa per ogni mese richiesto in domanda. Sarà possibile usufruire anche di altri servizi:

  • inserire i dati del soggetto che emette l’attestazione di pagamento, qualora diverso dalla struttura indicata in domanda;
  • modificare, per ciascun allegato, i dati aziendali dell’asilo nido, qualora abbiano subito variazioni rispetto a quelli riportati nell’istanza.

I file inviati tramite l’applicazione dell’INPS saranno messi a disposizione delle strutture territoriali dell’Istituto al fine dell’erogazione dell’assegno spettante per la mensilità in oggetto.

Bonus asilo nido, dopo la domanda necessario l’invio dei documenti

Per aver diritto al bonus di 1.000 euro per l’iscrizione e la frequenza dell’asilo nido, gli adempimenti burocratici non si fermano all’atto di presentazione della domanda.

Il pagamento del bonus asilo nido sarà effettuato soltanto dopo aver inoltrato all’Inps le fatture delle singole rette pagate.

L’importo spettante è erogato a cadenza mensile, con un accredito pari a 90,91 euro al mese e per un massimo di 11 mensilità. Di conseguenza, l’importo massimo spettante per un anno non sarà di 1.000 euro per tutti ma dipenderà dai mesi di iscrizione all’asilo nido.

L’Inps specifica che la prova di pagamento dovrà essere documentata tramite:

  • ricevuta o quietanza di pagamento, fattura quietanzata, bollettino bancario o postale, e per i nidi aziendali tramite attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga.

Nella documentazione da inviare all’Inps per beneficiare del bonus nido dovranno essere contenute le seguenti informazioni:

  • la denominazione e la Partita Iva dell’asilo nido;
  • il CF del minore;
  • il mese di riferimento,
  • gli estremi del pagamento;
  • il nominativo del genitore che sostiene l’onere della retta.