Avviso di addebito INPS 2019: come fare ricorso online e decorrenza prescrizione

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Avvisi bonari di addebito INPS dei contributi 2013 (dichiarazione redditi 2014): arrivano a luglio 2019 le consuete lettere dell'Istituto. Se è decorso il termine di prescrizione è possibile fare ricorso online. Di seguito tutte le istruzioni ed informazioni utili.

Avviso di addebito INPS 2019: come fare ricorso online e decorrenza prescrizione

Arrivano puntuali nel mese di luglio gli avvisi di addebito INPS 2019, aventi ad oggetto questa volta i contributi 2013 (dichiarazione dei redditi 2014).

Destinatari degli avvisi bonari INPS sono gli iscritti alla gestione separata, i quali devono tuttavia prestare particolare attenzione al decorso dei termini di prescrizione e alla possibilità di presentare ricorso online.

A ricevere gli avvisi bonari per i contributi 2013 sono stati soprattutto i professionisti senza cassa: l’avviso di addebito è stato inviato, in sostanza, agli iscritti alla gestione separata Inps che, stando alle verifiche effettuate dall’Istituto, non hanno versato i contributi previdenziali.

Per poter presentare ricorso online accedendo al sito dell’Inps è necessario fare alcuni chiarimenti su quali sono i termini di prescrizione degli avvisi bonari per la gestione separata e, in sostanza, qual è il termine massimo entro cui l’Inps può richiedere il pagamento dei contributi 2013 non versati.

Avviso di addebito INPS 2019: termini di prescrizione dei contributi 2013

Prima di presentare ricorso online contro l’avviso bonario Inps per i contributi 2013 della gestione separata è bene fare alcuni chiarimenti su quali sono i termini di prescrizione nel caso specifico.

La legge n. 335/1995, ai commi 9 e 10 dell’art. 3, dispone che i contributi Inps si prescrivono in 5 anni. Se la legge istitutrice della stessa gestione separata Inps è chiara, lo stesso non è quando ci si chiede qual è il termine a partire dal quale si inizia a calcolare la prescrizione.

Se l’Inps sostiene che i termini di prescrizione debbano essere calcolati a partire dal 30 settembre, scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi, molte sentenze e una circolare attuativa dello stesso Istituto, la numero 69/2005 dispongono diversamente.

Secondo la prassi il termine a partire dal quale si calcola la prescrizione corrisponde alla data di scadenza per il versamento del saldo dei contributi relativi dell’anno precedente.

Per gli avvisi bonari recapitati nel mese di luglio 2019 ad artigiani, commercianti e professionisti senza cassa iscritti alla gestione separata Inps in merito ai contributi del 2013, la prescrizione si calcola a partire dal 7 luglio 2014, termine (con proroga) per il versamento delle imposte sui redditi 2014.

Si tratta di un chiarimento di fondamentale importanza per chi in questi giorni ha ricevuto dall’Inps a mezzo pec o raccomandata avvisi bonari di addebito per i contributi 2013.

Se la data di invio della raccomandata o della pec in questione è successiva al 7 luglio 2019 il ricorso online potrà essere presentato proprio per l’avvenuta prescrizione del pagamento dovuto. Attenzione però: si tratta di una questione ancora non univoca e piena di dubbi di carattere interpretativo.

Ovviamente in questo caso il consiglio è di rivolgersi al proprio commercialista per farsi assistere in fase di presentazione del ricorso e per dimostrare che la stessa Inps e diverse sentenze della giurisprudenza hanno confermato le regole sulla decorrenza dei termini di prescrizione dei contributi.

Come fare ricorso online contro gli avvisi di addebito Inps

Commercianti, artigiani e professionisti che hanno ricevuto un avviso di addebito Inps in merito ai contributi 2013 possono scegliere, entro 30 giorni dalla data di notifica, se:

  • richiedere la rateizzazione dell’importo non pagato, tramite il sito Inps;
  • pagare quanto dovuto, comprensivo di sanzioni e interessi, con modello F24;
  • presentare ricorso.

Il ricorso contro l’avviso di addebito Inps per i contributi della gestione separata può essere presentato online. Per farlo è innanzitutto necessario essere in possesso del PIN Inps, cioè le credenziali per l’accesso al sito dell’Istituto.

Dopo aver effettuato l’accesso, inserendo codice fiscale e PIN Inps è necessario accedere alla sezione “Servizi Per il Cittadino” e selezionare la voce “ricorsi online”.

In questa fase è necessario prestare molta attenzione alla correttezza dei dati predisposti dal sistema, informazioni anagrafiche, contatti telefonici e indirizzo PEC. L’ultimo step necessario consiste nell’allegare il documento con il ricorso, firmato e compilato.

Come compilare la domanda di ricorso contro l’avviso di addebito Inps

Per poter presentare ricorso online è fondamentale allegare il documento con il quale si contesta l’avviso bonario di addebito per i contributi 2013 inviato agli iscritti alla Gestione separata Inps artigiani, commercianti e professionisti senza cassa.

L’Inps ha messo a disposizione degli utenti un manuale con tutta la procedura da seguire per presentare ricorso online. Di seguito si allegano le istruzioni Inps e una sintesi delle informazioni più importanti.

PDF - 1.7 Mb
Ricorsi online Inps - manuale e istruzioni
Ecco le istruzioni Inps su come fare ricorso online e sulla procedura da seguire

Il ricorso dovrà essere compilato inserendo i seguenti elementi essenziali:

  • nome e cognome del contribuente, codice fiscale, indirizzo di residenza e contatti (da indicare in alto a destra);
  • destinatario del ricorso ovvero il responsabile amministrativo del procedimento (normalmente si tratta del responsabile direttivo) con precisa indicazione dell’ufficio di riferimento;
  • numero identificativo dell’avviso bonario;
  • motivazione del ricorso. I casi esemplificativi più comuni sono due: scadenza del termine di prescrizione e mancata acquisizione di un modello F24 per contributi che effettivamente sono stati versati;
  • data e firma.

A questo punto il ricorso online potrà essere scansionato e inviato all’Inps e, per poter controllare l’effettiva ricezione, i contribuenti possono accedere al sito Inps e controllare nella sezione “ricorsi inoltrati” le colonne “situazione” (per verificare la data di acquisizione della pratica di ricorso) e “stampa ricevuta” per scaricare il documento che ne certifica l’acquisizione.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it