Assegno di mantenimento figli e coniuge: aspetti fiscali

Carla Mele - Fisco

Assegno di mantenimento figli e coniugi: ecco un'analisi completa degli aspetti civilistici e fiscali.

Assegno di mantenimento figli e coniuge: aspetti fiscali

L’assegno di mantenimento erogato al coniuge è deducibile? In che misura? E il coniuge ricevente deve dichiararlo?

Illustriamo di seguito la normativa di riferimento, soffermandoci sui limiti di deducibilità e il corretto inserimento in dichiarazione.

Un focus importante lo dedicheremo anche al Fondo di solidarietà istituito a favore dei coniugi separati.

Assegno di mantenimento figli e coniuge: riferimenti normativi

L’assegno di mantenimento è un emolumento economico, deciso dal giudice (ma può anche essere stabilito liberamente dai coniugi) in sede di separazione e consiste nel versamento di una somma di denaro, generalmente mensile, versata al coniuge economicamente debole o agli eventuali figli nati dal matrimonio.

Per analizzare la disciplina dell’assegno di mantenimento è opportuno fare una distinzione tra:

  • assegno di mantenimento corrisposto al coniuge
  • assegno di mantenimento corrisposto ai figli

Il riferimento normativo per la definizione dell’assegno di mantenimento ai figli, è l’articolo 155 comma 4 del codice civile, il quale sancisce il diritto per i figli di essere mantenuti da entrambi i genitori in proporzione al proprio reddito, riconoscendo la corresponsione di un assegno periodico che permetta di soddisfare le loro esigenze e garantire un adeguato tenore di vita.

L’art. 155 quinquies del codice civile tutela il figlio maggiorenne non economicamente indipendente: può ricevere un assegno periodico di mantenimento definito in via giudiziale.

In caso di affidamento condiviso dei figli ad entrambi i genitori, non viene meno l’obbligo di corresponsione dell’assegno di mantenimento, tenuto conto delle loro esigenze di vita e del contesto sociale e familiare cui appartengono; il D.lgs. 154/2013 ha ribadito l’obbligo dei genitori di mantenere i figli in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo.

L’assegno di mantenimento per il coniuge viene deciso dal giudice, o spontaneamente in accordo tra i coniugi, per garantire al più debole economicamente, il versamento di un assegno periodico che gli consenta di mantenere il precedente tenore di vita.

Il concetto di tenore di vita è stato ultimamente stravolto da una sentenza epocale della Corte di Cassazione, la numero 11504 depositata il 10 maggio 2017, la quale ha sancito un nuovo orientamento per cui in caso di divorzio (non riguarda quindi la separazione) l’assegno da corrispondere al coniuge dovrà essere calcolato in base al mero sostentamento economico dello stesso e non in base al tenore di vita condotto durante il matrimonio.

L’entità dell’assegno può essere periodicamente revisionata in base agli incrementi o i decrementi della situazione reddituale dei coniugi; l’assegno di mantenimento, sia a favore del coniuge sia a favore dei figli, è rivalutato annualmente secondo gli indici Istat.

Assegno di mantenimento figli e coniuge: aspetti fiscali

Da un punto di vista fiscale l’assegno di mantenimento erogato al coniuge a seguito della separazione legale o effettiva del matrimonio o in caso di divorzio, rappresenta:

  • reddito assimilato a lavoro dipendente per il coniuge che lo percepisce, ai sensi dell’art. 50, comma 1 lettera i del Tuir;
  • onere deducibile per chi lo versa ai sensi dell’art. 10, comma 1 lettera c del D.p.r. 917/86

Gli assegni percepiti devono essere inseriti in dichiarazione secondo il principio di cassa, quindi considerando solo quelli effettivamente incassati durante l’anno (es: per i redditi 2017 si considerano gli assegni incassati nel 2016).

È esonerato dalla presentazione delle dichiarazione dei redditi, il coniuge che ha un reddito non superiore ad euro 7.500, considerando nel calcolo sia l’assegno di mantenimento periodico che altre forme di reddito, ed esclusione del reddito derivante dall’abitazione principale e le sue pertinenze.

L’assegno di mantenimento andrà dichiarato come reddito assimilato al lavoro dipendente e inserito nel:

  • Modello 730/2017: sezione II quadro C nei Righi da C6 a C8;
  • Modello Redditi persone fisiche 2017: quadro RC sezione II.

In entrambi i modelli dichiarativi viene chiesto di inserire l’importo dell’assegno indicato nella Certificazione Unica 2017 nel punto 5 (assegni periodici corrisposti al coniuge).

Nella maggioranza dei casi però, l’assegno di mantenimento non é corrisposto dal datore di lavoro del coniuge bensì direttamente da quest’ultimo. In questo caso, dovrà essere il ricevente a dimostrare che ha percepito l’assegno, facendo riferimento agli estratti conto bancari.

Diversa è la disciplina per l’assegno corrisposto al coniuge"una tantum" cioè elargito non periodicamente ma in un’unica soluzione. La Corte di Cassazione si é espressa a riguardo stabilendo che l’assegno di mantenimento "una tantum" non può essere considerato onere deducibile per chi lo versa, né tanto meno soggetto a tassazione nel reddito del coniuge ricevente.

Il coniuge dovrà dichiarare, laddove disposto dal giudice, anche il contributo che riceve per le spese condominiali o il canone di locazione (il c.d. contributo casa).

Nel caso in cui il provvedimento del giudice che dispone l’assegno di mantenimento o il contributo casa, non specifichi la quota da ripartire tra il coniuge e i figli, l’emolumento si considera destinato al coniuge al 50%.

Non sono mai soggetti a tassazione i contributi ricevuti per il mantenimento dei figli, quindi non vanno inseriti in dichiarazione e di contro, il coniuge che li elargisce, non potrà portali in deduzione dal proprio reddito.

Per quanto riguarda il coniuge erogante, l’assegno di mantenimento corrisposto può essere considerato un onere deducibile ai sensi dell’art. 10 comma 1 lettera c del D.p.r. 917/86, a patto che la separazione legale o effettiva oppure il divorzio siano sanciti da un provvedimento dell’autorità giudiziaria.
Ne consegue che gli assegni corrisposti a seguito di un accordo stragiudiziale fra le parti non siano deducibili per il coniuge che li eroga.

In sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, l’assegno corrisposto al coniuge, compreso il suo adeguamento all’Istat, potrà essere portato in deduzione dal reddito, secondo il principio di cassa e senza alcuna limitazione. Verrà indicato:

  • Modello 730/2017: nel rigo E22;
  • Redditi Pf 2017: nel rigo Rp22.

Assegno di mantenimento figli e coniuge: fondo di solidarietà

La legge 208/2015 (legge di stabilità 2016) all’art. 1 prevede l’istituzione, da parte del Ministrero della Giustizia, di un Fondo di solidarietà a cui possono aver accesso i coniugi che non sono in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli, in caso di inadempienza da parte del coniuge tenuto al versamento dell’assegno di mantenimento.

Il Fondo di solidarietà è stato istituito, in via sperimentale , con una dotazione di 250.000 euro per l’anno 2016 e di 500.000 euro per l’anno 2017.

I soggetti legittimati alla richiesta sono i coniugi separati che:

  • siano conviventi con figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave;
  • non abbiano ricevuto l’assegno periodico a titolo di mantenimento per inadempienza del coniuge che vi era tenuto;
  • abbiano il proprio valore dell’indicatore ISEE o dell’ISEE corrente in corso di validità inferiore o uguale a euro 3.000,00;
  • abbiano infruttuosamente esperito le procedure di recupero del credito nei confronti del coniuge inadempiente.

Per accedere al fondo, il coniuge separato dovrà redigere un’ istanza da depositare nella cancelleria del tribunale del luogo ove ha residenza e redatta in conformità di questo modulo:

Form per la domanda

PDF - 46.9 Kb
Istanza di accesso al Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno
File in formato pdf con l’istanza di accesso al Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno

Il presidente del tribunale, o un giudice da lui delegato, nei trenta giorni successivi al deposito dell’istanza, ne valuta l’ammissibilità: sia nel caso la ritenga ammissibile, che nel caso in cui la ritenga inammissibile, la trasmette al Ministero della Giustizia.

In caso di ammissibilità dell’istanza, il coniuge avrà diritto ad un’anticipazione dell’assegno di mantenimento, che non potrà essere di importo superiore a quello previsto dal giudice stabilito in sede di separazione. L’assegno verrà corrisposto con cadenza trimestrale in base alle disponibilità presenti nel Fondo di solidarietà.