Affitti bar e ristoranti, via libera allo sconto causa Covid ma necessarie cautele

Eleonora Capizzi - Leggi e prassi

Affitti bar e ristoranti, sì allo sconto causa Covid sui canoni accordati dagli enti locali ma con specifiche cautele. Lo ha stabilito la Corte dei Conti a Sezioni riunite, con la deliberazione n. 7 del 17 maggio 2021, che però subordina la ricontrattazione ad un'analisi approfondita su diversi fattori compresa la reale diminuzione del valore di mercato dell'immobile.

Affitti bar e ristoranti, via libera allo sconto causa Covid ma necessarie cautele

Sì allo sconto sugli affitti di bar e ristoranti in difficoltà a causa del Covid: gli enti locali, in possesso delle strutture date in locazione, potranno concedere una riduzione dei canoni.

Una possibilità concessa, però, solo a condizione di un’attenta analisi preventiva su diversi elementi, come la reale diminuzione del valore di mercato del bene.

Un’apertura in questo senso arriva dalle Sezioni riunite della Corte dei Conti che, con la deliberazione numero 7 del 17 maggio 2021, hanno dato un riscontro positivo ad una richiesta di parere avanzata dalla Sezione regionale dell’Emilia Romagna.

Affitti bar e ristoranti, via libera allo sconto causa Covid ma necessarie cautele

L’ok della Corte dei Conti sul possibile ribasso degli affitti è una buona notizia per gli esercenti attività commerciali di somministrazione di alimenti e bevande che, per colpa delle chiusure di contrasto al Covid, hanno subito un forte contraccolpo.

La deliberazione numero 7 arriva all’esito della richiesta di parere di un ente locale, un comune dell’Emilia Romagna, sulla possibilità di “sottrarre” alle casse della Stato parte degli introiti derivanti dai canoni di locazione sugli immobili di sua proprietà.

Un parere che, ai sensi dell’articolo 7 comma 8 della Legge numero 131 del 5 giugno 2003 in questi casi deve essere obbligatoriamente richiesto.

Ebbene, la risposta fornita dalla Corte, seppure con qualche accortezza sull’opportunità e sull’apprezzamento degli interessi coinvolti, è affermativa.

Gli enti locali, in presenza di una richiesta di riduzione del corrispettivo dei contratti di locazione di diritto privato stipulati con imprese esercenti attività di ristorazione, motivata dai plurimi provvedimenti di chiusura al pubblico emanati nel corso dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, e dalla conseguente crisi economica, possono assentirvi, in via temporanea, all’esito di una ponderazione dei diversi interessi coinvolti”.

Si legge nelle motivazioni della deliberazione.

Sconto affitti per bar e ristoranti: gli obblighi in capo all’ente locale

L’ente locale, per ammettere una revisione del canone di locazione, dovrà rispettare una serie di cautele che, altrimenti, non gli permetterebbero di rimodulare il compenso richiesto dalla controparte.

In particolare, secondo la Corte dei Conti, sarà necessario mettere in atto le seguenti operazioni:

  • valutare se i provvedimenti restrittivi e le mutate condizioni generali di mercato abbiano, o meno, determinato una significativa diminuzione del valore di mercato del bene locato, tale da rendere la differenza, rispetto al corrispettivo pattuito nell’accordo originario, particolarmente significativa;
  • verificare la convenienza o meno, in considerazione del fine ultimo che è quello di perseguire l’interesse di tutta la comunità, di rescindere del contratto di locazione e gestire direttamente il bene senza quindi affittarlo a privati per soddisfare interessi dei cittadini. O ancora, stimare l’opportunità di porre l’immobile sul mercato salvaguardando il valore del affitto originario o migliore;
  • effettuare un’approfondita analisi della riduzione delle entrate nel proprio bilancio, anche a fronte delle minori entrate complessive che lo stesso ente ha sofferto a causa della pandemia.

Per ogni ulteriore dettaglio si rimanda al testo integrale della deliberazione numero 7 del 17 maggio 2021.

Corte dei Conti- delibera numero 7 del 17 maggio 2021
Scarica la delibera su possibile riduzione canoni di affitto disposta dagli enti locali in favore di bar e ristoranti

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network