Pensioni: gli Attuari sono pronti a presentare le loro proposte al Governo

Guendalina Grossi - Ordini e casse professionali

L'Ordine e il Consiglio Nazione degli Attuari, il giorno della Relazione annuale della Covip, hanno annunciato che sono pronti a presentare al nuovo Governo le loro proposte su pensioni e welfare integrato.

Pensioni: gli Attuari sono pronti a presentare le loro proposte al Governo

L’Ordine Nazionale degli Attuari e il Consiglio Nazionale degli Attuari, durante la Relazione annuale della Covip, che si è tenuta oggi 7 giugno 2018, hanno comunicato che sono pronti a presentare al nuovo Governo le loro proposte in tema previdenziale.

Il Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari, Giampaolo Crenca, ha spiegato che si vuole rilanciare l’obiettivo di un grande progetto del welfare integrato e allargato per il Paese.

Nella sua dichiarazione il Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari ha spiegato che una delle priorità del welfare è senz’altro la pensione complementare.

Inoltre gli Attuari, che ricordiamo esercitano un ruolo di primo piano nel sistema delle attività previdenziali e assicurative, hanno chiarito che bisogna saper distinguere ciò che è welfare da ciò che è benefit, in quanto nonostante siano entrambi obiettivi da perseguire, il welfare rimane l’obiettivo primario poiché risponde a bisogni più necessari e rilevanti.

Pensioni, Attuari pronti a presentare le loro proposte al nuovo Governo

Nel giorno della Relazione annuale della Covip, il Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari è intervenuto affermando che gli Attuari sono pronti a presentare al nuovo Governo le loro proposte su pensioni e welfare integrato.

In particolare nella sua dichiarazione il Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari, Giampaolo Crenca, ha dichiarato che una della priorità del welfare è senza dubbio la pensione complementare, infatti egli ha affermato che:

Soprattutto ora che, pur permanendo problematiche più generali di sostenibilità del sistema previdenziale di base, il focus si è spostato anche sull’adeguatezza di un trattamento pensionistico sempre più basato su quanto accumulato negli schemi a contribuzione definita in cui conteranno moltissimo non soltanto i rendimenti degli investimenti, ma anche la continuità e la durata della vita lavorativa, aspetti che potrebbero evidenziare in prospettiva profili di criticità.

Inoltre gli Attuari hanno spiegato che è bene distinguere ciò che è welfare da ciò che è benfit, in quanto nonostante siano entrami obiettivi da perseguire, è necessario mettere al primo posto il welfare in quanto risponde ai bisogni più necessari e rilevanti.

Si allega di seguito la dichiarazione del Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari, Giampaolo Crenca, pronunciata il 7 giugno 2018 a margine della Relazione annuale della Covip.

PDF - 183.1 Kb
Dichiarazione del Presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari del 7 giugno 2018
Gli Attuari: “Pronti a presentare al nuovo Governo le nostre proposte su pensioni e welfare integrato”

Le novità sulle pensioni inserite nel contratto di governo Lega-M5S

Quella delle pensioni è la sfida prioritaria del nuovo Governo Lega-M5S guidato da Giuseppe Conte. Infatti nel contratto di governo giallo-verde si legge che si vuole provvedere all’abolizione degli squilibri del sistema previdenziale introdotti dalla riforma delle pensioni cosiddetta “Fornero”.

In particolare il nuovo governo vuole dare la possibilità di andare in pensione quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva.

Inoltre si vuole prorogare la misura sperimentale “opzione donna” che permette alle lavoratrici con 57-58 anni e 35 anni di contributi di andare in pensione subito, optando in toto per il regime contributivo.