Novità su bonus già operativi e in arrivo con la Manovra e altre notizie della settimana

Rosy D’Elia - Fisco

IF WEEK: la settimana dal 28 novembre al 3 dicembre è ricca di novità sui bonus già operativi da mesi, come l'indennità di 200 euro, e su quelli in arrivo con la Manovra. Ma le notizie riguardano anche una nuova proroga in extremis per l'autodichiarazione Aiuti di Stato e l'aumento dei prezzi del carburante con la riduzione degli sconti sulle accise

Novità su bonus già operativi e in arrivo con la Manovra e altre notizie della settimana

IF WEEK, dal 28 novembre al 3 dicembre settimana ricca di fatti, eventi e novità dal mondo del Fisco e del Lavoro. E non solo a causa del cantiere per la preparazione della Manovra.

Mentre si lavora ai bonus accessibili dal prossimo anno, arrivano nuove istruzioni per beneficiare di quelli già operativi: è il caso delle istruzioni per la domanda di riesame da presentare all’INPS in caso di pagamento dell’indennità una tantum di 200 euro non ricevuto.

Nel frattempo è arrivata anche la proroga dell’autodichiarazione degli Aiuti di Stato che ha spostato la scadenza dal 30 novembre 2022 al 31 gennaio 2023.

E dal 1° dicembre sono saliti i prezzi del carburante a causa della riduzione dello sconto sulle accise.

IF WEEK: verso la Manovra tra bonus confermati e agevolazioni in bilico

Il testo del Disegno di Legge di Bilancio 2023, che porterà alla definizione della prossima Manovra, è stata depositato il 1° dicembre in Parlamento e i primi giorni della settimana sono serviti a definire gli ultimi dettagli prima di procedere con la bollinatura da parte della Ragioneria dello Stato e la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Sul testo si discute molto e la discussione sarà accesa per tutto il mese di dicembre, fino a quando non si arriverà all’approvazione definitiva, entro l’ultimo giorno dell’anno.

Riflettori puntati sia sulle misure inserite che sui grandi assenti e ancora di più quelle in bilico. Un esempio? Tra la conversione del DL Aiuti quater e la Manovra si attende la proroga della scadenza della CILAS che garantisce l’accesso al Superbonus del 110 per cento per tutto il 2023 e una soluzione per i crediti fiscali bloccati.

Grandi assenti della Legge di Bilancio sono anche l’estensione al prossimo anno del divieto di emissione della fattura elettronica per le prestazioni sanitarie e la conferma del bonus Sud.

Su quest’ultimo punto, però, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti il 2 dicembre durante l’audizione sul testo della Manovra alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato ha rassicurato: si sta predisponendo la proroga anche per le agevolazioni che riguardano il Mezzogiorno.

Nessun punto interrogativo, invece, almeno per ora sul pacchetto di bonus assunzioni per il 2023 annunciato dalla stessa premier nella conferenza stampa di presentazione dell’impianto iniziale della Manovra: via libera all’esonero contributivo del 100 per cento per i datori di lavoro privati che decidono di assumere giovani con meno di 36 anni d’età, donne e percettori del reddito di cittadinanza.

IF WEEK, novità anche sui bonus operativi: istruzioni sull’indennità di 200 euro non pagata dall’INPS

Le novità della settimana riguardano, poi, anche bonus già operativi come l’indennità una tantum contro il caro prezzi pari a 200 euro introdotto dal Decreto Aiuti.

Dall’INPS con il messaggio numero 4314 del 30 novembre 2022 sono arrivate le istruzioni da seguire per coloro che hanno ricevuto un esito negativo dopo la prima fase di controlli sui requisiti e hanno intenzione di chiedere all’Istituto di rivedere la sua posizione.

In base a quanto previsto dalla norma, sono diverse le categorie che si sono rivolte all’INPS per ottenere il pagamento del bonus 200 euro direttamente all’Istituto:

  • lavoratrici e lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, dottorandi e assegnisti di ricerca;
  • lavoratrici e lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti;
  • lavoratrici e lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo;
  • lavoratrici e lavoratori autonomi occasionali privi di partita IVA;
  • lavoratrici e lavoratori incaricati alle vendite a domicilio.

Chi non ha ricevuto l’accredito INPS e ritiene di averne diritto ha 90 giorni di tempo per procedere con l’istanza di riesame a partire dal 30 novembre che è la data di pubblicazione delle istruzioni, e quindi entro il 28 febbraio 2023, o dalla data in cui si viene a conoscenza del rifiuto, se successiva.

IF WEEK, proroga dell’autodichiarazione in extremis

Il 30 novembre è anche la data che ha segnato una serie di scadenze nel calendario fiscale e avrebbe dovuto segnare anche il termine ultimo per trasmettere l’autodichiarazione Aiuti di Stato. Ma nella storia travagliata di questo adempimento introdotto dal primo Decreto Sostegni e diventato operativo più di un anno dopo si è aggiunto un nuovo capitolo.

Nella serata del 29 novembre è arrivata in extremis un nuovo slittamento dei termini per la trasmissione delle informazioni relative ad agevolazioni, bonus e contributi che rientrano nel Quadro Temporaneo UE adottato per far fronte all’emergenza sanitaria e scaduto il 30 giugno.

Dopo mesi di richieste da parte degli addetti ai lavori, lo scorso giugno l’Agenzia delle Entrate dopo le disposizioni contenute nel Decreto Semplificazioni ha spostato la scadenza iniziale al 30 novembre.

A poche ore dal termine ultimo, i malfunzionamenti del portale del Registro Nazionale degli Aiuti di Stato, RNA, che ospita informazioni cruciali per redigere l’autodichiarazione hanno determinato la necessità di concedere altri due mesi di tempo e la nuova scadenza è stata fissata al 31 gennaio 2023.

IF WEEK, riduzione dello sconto sulle accise e aumento dei prezzi del carburante

Infine, un’altra notizia della settimana degna di nota riguarda la riduzione dello sconto sulle accise da giovedì 1° dicembre 2022 che porta a un aumento dei prezzi del carburante.

Con l’entrata in vigore del decreto legge n. 179 del 23 novembre 2022, il taglio previsto da mesi e confermato fino al 31 dicembre con il DL Aiuti quater si riduce e diventa meno conveniente.

Valore in vigore fino al 30 novembre 2022Valore in vigore dal 1° al 31 dicembre 2022
Benzina 478,40 euro per 1000 litri 578,40 euro per 1000 litri
Gasolio 367,40 euro per 1000 litri 467,40 euro per 1000 litri
GPL 182,61 euro per mille chilogrammi 216,67 euro per mille chilogrammi

La settimana che ci lasciamo alle spalle, quindi, ha portato novità sui prezzi del carburante. E non solo.

Altrettanto ricche saranno le settimane che verranno: appuntamento sulle pagine di Informazione Fiscale ogni giorno per non perdere gli aggiornamenti dal mondo del Fisco e del Lavoro.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network