Coronavirus, modello A1 INPS con validità fino al 31 luglio per i lavoratori distaccati

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Modello A1 per i lavoratori distaccati, validità fino alla scadenza del 31 luglio a causa del coronavirus: a darne notizia è l'INPS nel messaggio numero 1633 del 16 aprile 2020. Eccezioni alle regole ordinarie anche per chi opera in due o più Stati dell'UE. I dettagli nella comunicazione diffusa dall'Istituto.

Coronavirus, modello A1 INPS con validità fino al 31 luglio per i lavoratori distaccati

Modello A1, anche per imprese e lavoratori distaccati l’emergenza coronavirus determina una proroga: validità fino al 31 luglio per i formulari in scadenza nel periodo che va dal 31 gennaio al 31 luglio. A darne notizia è l’INPS con il messaggio numero 1633 del 16 aprile 2020.

Il documento è utile per attestare che il lavoratore che si trova in un altro Stato membro dell’Unione Europea rimane assicurato ai fini previdenziali nel paese UE in cui ha sede l’impresa distaccante o in quello di esercizio abituale dell’attività lavorativa autonoma.

E certifica il regolare versamento dei contributi, nel caso di distacco transnazionale dei lavoratori in altri Stati membri dell’Unione Europea.

Per imprese e lavoratori italiani, l’INPS fornisce i chiarimenti dopo un confronto tra le Istituzioni degli Stati appartenenti allo Spazio economico europeo.

La scelta deriva dalla necessità di “garantire la tutela dei lavoratori limitati nella loro mobilità a causa dell’emergenza COVID 19”.

PDF - 49.4 Kb
INPS - Messaggio numero 1633 del 15 aprile 2020
Regolamentazione comunitaria. Settore legislazione applicabile. Emergenza COVID-19 - UE e validità dei formulari A1.

Coronavirus, modello A1 INPS con validità fino al 31 luglio per i lavoratori distaccati

La validità dei modelli A1, utili per attestare la regolarità contributiva dei lavoratori distaccati all’estero, che sono stati rilasciati dalle Istituzioni appartenenti allo Spazio economico europeo ai sensi degli articoli 11 e 12 del regolamento (CE) n. 883/2004 è estesa fino al 31 luglio 2020 in presenza di due condizioni:

  • scadenza nel periodo tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020;
  • obbligo per il lavoratore distaccato a rimanere nel paese ospitante.

La data del 31 luglio 2020 coincide con il termine dello stato di emergenza previsto in Italia ed è valida “anche in assenza della richiesta esplicita di deroga prevista dall’articolo 18 del regolamento (CE) n. 987/2009 (in applicazione dell’art. 16 del regolamento (CE) n. 883/2004), al fine di facilitare la protezione previdenziale dei lavoratori in mobilità”, come si legge nel messaggio INPS numero 1633 del 16 aprile.

Coronavirus, modello A1 INPS, validità fino al 31 luglio anche per i lavoratori distaccati in più paesi

Anche per quanto riguarda la validità i modelli A1 per i lavoratori distaccati in due o più paesi UE, sono previste particolari eccezioni.

In genere, per valutare quali sono le regole applicabili è necessario basarsi sul concetto di “attività prevalente”: assume maggiore peso la valutazione dell’attività esercitata nello Stato di residenza, che deve essere almeno pari al 25% dell’attività complessivamente svolta.

Ma la comunicazione INPS sottolinea la particolarità di questo periodo di emergenza coronavirus:

“Tuttavia, in ragione delle misure di limitazione della mobilità transfrontaliera, i suddetti lavoratori potrebbero essere stati costretti a rimanere nello Stato estero, non potendo rientrare nello Stato di residenza. Tale circostanza, in via generale, potrebbe determinare una modifica dei parametri di valutazione dell’attività lavorativa, con conseguente applicazione della legislazione previdenziale dello Stato estero”.

Alla luce della situazione attuale, quindi, i modelli A1 rilasciati dalle Istituzioni che appartengono allo Spazio economico europeo prima dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 si ritengono validi a prescindere dalle variazioni della soglia percentuale dell’attività complessivamente svolta, determinata a causa delle restrizioni alla mobilità.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it