Mercato libero e semi tutelato: come scegliere tra le migliori offerte luce e gas

Redazione - Leggi e prassi

Mercato libero e semi tutelato: come scegliere tra le migliori offerte luce e gas. Tracciare il proprio profilo di consumo e comparare le tariffe.

 Mercato libero e semi tutelato: come scegliere tra le migliori offerte luce e gas

Far fronte al costo delle bollette può essere un assillo, specie per chi teme di aver sottoscritto un contratto poco vantaggioso. Spesso si affaccia la tentazione di cambiare, ma non sempre si ha a disposizione una valida alternativa: se è vero che tutti hanno a cuore il risparmio, destreggiarsi tra le diverse offerte luce e gas dei principali operatori può risultare complicato.

Nel 2019 il costo dell’utenza elettrica e per il gas metano è destinato a incidere ancor più sul budget di single e famiglie a causa dei possibili rincari. Mediamente, per sostenere questi costi bisogna sacrificare uno stipendio: va da sé che valutare le offerte più convenienti è fondamentale. Cambiare fornitore può garantire risparmi significativi, specie per quanto riguarda l’utenza luce senza trascurare il costo del riscaldamento. Affidarsi ai portali di comparazione, in questo senso, è una scelta saggia: i siti specializzati nel confronto dei prezzi rappresentano lo strumento più immediato per individuare le migliori tariffe del mercato libero e per cogliere le proposte più vantaggiose.

Il primo step è tracciare il proprio profilo di consumo, fornendo i dati relativi alla propria abitazione e alle proprie abitudini: un passaggio necessario per avere una stima attendibile dei costi e per rendere più accurato il confronto tra le varie offerte. Per quanto riguarda la bolletta dell’energia elettrica, in particolare, è possibile valutare la convenienza delle tariffe monorarie e biorarie: nel caso di un single lavoratore, ad esempio, il consumo tende a essere concentrato soprattutto nelle fasce orarie serali e nei giorni festivi, mentre una famiglia, oltre a sostenere costi più elevati, ha un consumo distribuito in modo più uniforme nel corso della giornata. Un’altra distinzione fondamentale è quella tra offerte a prezzo fisso o variabile che prevedono una componente energia indicizzata in base al prezzo della materia più uno spread stabilito dall’operatore. In base alla tariffa in questione, inoltre, è possibile usufruire di corrispettivi luce e gas bloccati per un periodo più o meno lungo, tipicamente per 12 o 24 mesi con costi che variano in base alle garanzie fornite dal gestore.

Oltre ad avvalersi dei portali di comparazione online, chi passa dal regime di maggior tutela alle offerte del mercato libero può consultare la Scheda di Confrontabilità allegata al contratto per valutare il risparmio proposto. Come noto i fornitori di luce e gas sono tenuti a proporre anche le cosiddette offerte placet, ovvero a prezzo libero a condizioni equiparate a tutela. In questo caso le condizioni contrattuali sono imposte dall’Autorità per la regolazione dell’energia, delle reti e dell’ambiente (ARERA). Questo tipo di contratto rappresenta un’opzione transitoria verso la completa liberalizzazione del mercato dell’energia, programmata per il 2020. Il vantaggio consiste nella trasparenza delle tariffe: i contratti di fornitura, infatti, prevedono condizioni standard per favorire il confronto fra gli operatori e rappresentano una valida soluzione per chi cerca maggiore sicurezza. Inoltre, le offerte placet – il cosiddetto mercato semi-tutelato – si distinguono da quelle del mercato libero perché non prevedono la vendita di prodotti abbinati o eventuali bonus.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it