Il fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali

Vanda Soranna - Pensioni

Il Fondo della Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito) eroga numerose prestazioni creditizie e sociali ai dipendenti pubblici, i quali versano al Fondo stesso un’apposita contribuzione. Ecco tutte le caratteristiche e le prestazioni erogate in favore degli iscritti.

Il fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali

Il Fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali è un fondo istituito nel 1996 e finanziato con un contributo sulla busta paga o sulla pensione e dunque non a carico della fiscalità generale per finanziare prestazioni di credito, welfare e formazione riservate a dipendenti delle pubbliche amministrazioni e a pensionati.

Inizialmente riservato ai dipendenti pubblici iscritti alla gestione ex Inpdap e poi esteso ai dipendenti e pensionati delle altre pubbliche amministrazioni, viene alimentato attraverso le buste paga dei lavoratori pubblici o le pensioni, tramite una trattenuta mensile, obbligatoria per gli iscritti, pari allo 0,35% della retribuzione contributiva o allo 0,15% della pensione.

È possibile aderire al Fondo Credito anche su base volontaria secondo quanto previsto dall’articolo 1, comma 483 della legge 160/2019.

Le prestazioni destinate ai pubblici dipendenti, ai pensionati o ai loro familiari non sono dunque a carico della fiscalità generale e vengono erogate secondo le modalità ed i requisiti indicati in appositi bandi, che Inps pubblica periodicamente. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: mutui e prestiti agevolati

In primo luogo, la concessione di mutui ipotecari a tasso agevolato, prestiti annuali o biennali fino al doppio della retribuzione contributiva mensile e prestiti quinquennali e decennali verso cessione del quinto della retribuzione.

È possibile anche richiedere la costituzione di garanzia, a favore degli iscritti, nei confronti degli istituti autorizzati ad erogare prestiti.

I mutui ipotecari, erogati in condizioni sicuramente vantaggiose rispetto agli istituti di credito privati, sono garantiti da ipoteca sull’immobile e destinati all’acquisto della prima casa o a lavori di ristrutturazione della propria abitazione ma possono essere richiesti anche per l’acquisto o la ristrutturazione di un box auto.

Il DM 1072 /1969 prevede alcune condizioni da rispettare:

  • l’abitazione da acquistare non deve essere considerata casa di lusso, deve essere libera e immediatamente disponibile e situata sul territorio italiano;
  • inoltre, deve essere destinata alla residenza dell’iscritto e del suo nucleo familiare.

Il mutuo non potrà perciò essere erogato se l’iscritto o i componenti del nucleo familiare sono proprietari di altra casa in Italia; sono escluse le abitazioni ricevute in donazione o eredità, le case non utilizzabili perché colpite da calamità e quelle in comproprietà al 50%.

Il mutuo ipotecario deve essere restituito in un periodo di tempo che varia secondo l’età dell’iscritto: 10, 15, 20, 25 o 30 anni se l’iscritto al Fondo ha un’età inferiore a 65 anni, 15 anni se il richiedente ha già compiuto 65 anni.

L’importo erogato può arrivare ad un finanziamento di 300.000 euro per l’acquisto dell’abitazione, a 150.000 per la ristrutturazione o a 75.000 per l’acquisto del box auto e deve essere restituito applicando un tasso fisso o variabile.

Il tasso fisso viene calcolato in base al loan to value e alla durata del finanziamento mentre quello variabile viene calcolato secondo l’Euribor, il tasso medio delle transazioni tra le banche europee, a 3 mesi su 365 giorni, maggiorato di 200 punti base.

Il rimborso avviene a rate costanti e posticipate, ogni tre mesi, comprensivo degli oneri di amministrazione e delle spese pari allo 0,5% dell’importo mutuato.

Per richiedere il mutuo, è necessario presentare richiesta on line sul sito INPS tra il 15 gennaio e il 10 ottobre di ogni anno, allegando le dichiarazioni sostitutive e la documentazione richiesta.

Fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali: le altre prestazioni erogate

Tra gli altri servizi erogati dal fondo per la Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali:

  • la concessione di prestiti e piccoli prestiti, di importo variabile e rimborsabili a tasso agevolato. Sui prestiti è attivo un apposito simulatore sul sito www.inps.it;
    la partecipazione a progetti di formazione e istruzione di ogni ordine e grado, dalla scuola primaria ai master universitari e ai corsi di perfezionamento;
  • il finanziamento di corsi di lingue in Italia o all’estero, con copertura totale o parziale della spesa;
  • l’ammissione in convitti e collegi universitari e i soggiorni estivi in Italia e all’estero per i figli orfani ed equiparati degli iscritti
  • l’ospitalità residenziale o in case di cura per anziani e i soggiorni di studio e benessere estivi per gli iscritti e i loro figli;
  • la partecipazione al progetto “home care premium” ossia servizi per favorire l’assistenza domiciliare a persone non auto sufficienti con l’erogazione di contributi economici e servizi di assistenza da parte degli ambiti territoriali o degli enti convenzionati con l’INPS, dopo l’accettazione di un apposito piano sociosanitario.

Infine, i servizi di screening gratuito per la prevenzione di patologie oncologiche, riservati ai lavoratori e pensionati iscritti al Fondo Credito lavoratori con bandi pubblici annuali, che consistono nel rilascio di un voucher dotato di QR code, utilizzabile presso le strutture sanitarie accreditate.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network