Prestazioni INAIL infortunio sul lavoro e malattia professionale rivalutate da luglio 2019

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Infortunio sul lavoro e malattia professionale, nuovi importi delle prestazioni INAIL: rivalutati a partire da luglio 2019 i valori delle rendite corrisposte ai mutilati e agli invalidi del lavoro. I dettagli nella circolare INAIL dell'8 novembre 2019.

Prestazioni INAIL infortunio sul lavoro e malattia professionale rivalutate da luglio 2019

Infortunio sul lavoro e malattia professionale, gli importi ricosnosciuti dall’INAIL sono rivalutati a partire da luglio 2019. Con la circolare numero 30 dell’8 novembre 2019, l’Istituto ha fornito tutti i dettagli per sulla prima liquidazione delle prestazioni e sulla riliquidazione delle prestazioni in corso secondo i nuovi standard.

Dal 2000, a partire dal 1° luglio di ciascun anno, gli importi delle rendite corrisposte dall’Inail ai mutilati e agli invalidi del lavoro, in base alle gestioni di appartenenza, viene rivalutata sulla base della variazione effettiva dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Il riferimento per la rivalutazione, come di consueto, sono i dati rilevati dall’Istat e riferiti all’anno precedente. Si considera per il 2019 una variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo pari all’1,1%

La circolare INAIL numero 30 dell’8 novembre 2019 riporta le prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale: settore industria, compreso il settore marittimo, agricoltura, e medici esposti a radiazioni ionizzanti.

Infortunio sul lavoro e malattia professionale, prestazioni INAIL per inabilità permanenti

Nel caso in cui l’infortunio sul lavoro o la malattia professionale abbia portato a un’inabilità permanente, l’INAIL provvede ad erogare al lavoratore gli importi rivalutati a luglio 2019.

La circolare numero 30 del 2019 riporta le misure retributive che operano in sede di prima liquidazione.

Nel settore industriale, la retribuzione media giornaliera per la determinazione del massimale e del minimale della retribuzione annua è fissata in 78,83 euro.

Retribuzione annua minima euro 16.554,30
Retribuzione annua massima euro 30.743,70

Gli stessi importi valgono per il settore marittimo, a eccezione di alcune categorie di lavoratori riportati in tabella, per i quali la retribuzione annua massima è fissata come segue:

Comandanti e capi macchinisti euro 44.270,93
Primi ufficiali di coperta e di macchina euro 37.507,31
Altri ufficiali euro 34.125,51

Per i medici radiologi colpiti dall’azione dei raggi X e delle sostanze radioattive la misura retributiva annua di riferimento è pari a 61.385,80 euro.

Nel settore agricolo si fa riferimento a una retribuzione convenzionale annua pari a 24.981,6118 euro.

L’INAIL, poi, distingue:

Lavoratori subordinati a tempo determinato Su retribuzione annua convenzionale euro 24.981,61
Lavoratori subordinati a tempo indeterminato Su retribuzione effettiva compresa entro i limiti previsti per il settore industriale, minimo euro 16.554,30
Lavoratori subordinati a tempo indeterminato Su retribuzione effettiva compresa entro i limiti previsti per il settore industriale, massimo euro 30.743,70
Lavoratori autonomi Su retribuzione annua convenzionale euro 16.554,30

Restando sempre nel settore agricoltura, per l’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta sono da considerare i seguenti riferimenti:

Lavoratori subordinati a tempo determinato e indeterminato Su retribuzione effettiva giornaliera, fatto salvo il limite minimo di 43,35 euro
Lavoratori autonomi Su retribuzione giornaliera minima prevista per il settore
industriale pari a euro 48,74

Infortunio sul lavoro, prestazioni INAIL una tantum in caso di morte

Per quanto riguarda, invece, si specifica che l’assegno che spetta ai superstiti dei lavoratori che operano nei settori industriale e agricolo l’importo dal 1° gennaio 2019 è pari a 10.000,00 euro. La rivalutazione di tale assegno decorre dal 2020.

Per i medici radiologi colpiti dall’azione dei raggi X e delle sostanze radioattive l’importo dell’assegno una tantum per i superstiti è rapportato alla retribuzione di euro 61.385,80, secondo le seguenti percentuali:

  • un terzo della retribuzione per sopravvivenza del coniuge con figli aventi i requisiti;
  • un quarto nel caso di sopravvivenza del solo coniuge o dei soli figli aventi requisiti;
  • un sesto negli altri casi.

La circolare l’INAIL fornisce, inoltre, le informazioni relative alla riliquidazione delle prestazioni in corso per i settori di riferimento. Nel testo dell’8 novembre 2019 tutti i dettagli sulle operazioni.

PDF - 246.4 Kb
INAIL - Circolare numero 30 dell’8 novembre 2019
Prestazioni economiche per infortunio sul lavoro e malattia professionale: settore industria, compreso il settore marittimo, agricoltura, medici esposti a radiazioni ionizzanti. Rivalutazione annuale con decorrenza 1° luglio 2019.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it