Fondo perduto alle imprese per la crisi ucraina: istanza tramite Invitalia entro la scadenza del 30 novembre

Rosy D’Elia - Incentivi alle imprese

Le imprese possono richiedere l'accesso al fondo perduto per la crisi ucraina a partire da oggi, 10 novembre 2022, alle ore 12. L'istanza deve essere inviata entro la scadenza del 30 novembre tramite il canale attivo sulla piattaforma Invitalia. Le istruzioni da seguire e i requisiti da rispettare.

Fondo perduto alle imprese per la crisi ucraina: istanza tramite Invitalia entro la scadenza del 30 novembre

C’è tempo fino alla scadenza del 30 novembre 2022 per inviare l’istanza di accesso al fondo perduto per le imprese danneggiate dalla crisi ucraina.

Il canale che le imprese dovranno utilizzare per la presentazione delle richieste è attivo da oggi, 10 novembre, alle ore 12 sul portale Invitalia.

130 milioni di euro sono le risorse messe in campo dall’articolo 18 del Decreto Aiuti: gli importi dei contributi, fino a un massimo di 400.000 euro, sono determinati in base al calo di ricavi e alla dimensione dell’azienda.

Fondo perduto alle imprese per la crisi ucraina: istanza entro la scadenza del 30 novembre

Le imprese danneggiate dalla crisi ucraina possono presentare l’istanza di accesso ai contributi a fondo perduto entro la scadenza del 30 novembre accedendo al portale Invitalia utilizzando una delle seguenti credenziali:

  • SPID, Identità Digitale;
  • CNS, Carta Nazionale dei Servizi;
  • CIE, Carta d’Identità Elettronica.

La procedura per richiedere l’agevolazione riservata alle PMI, diverse da quelle agricole, è attiva dalle ore 12 del 10 novembre e permette alle aziende aspiranti beneficiarie di compilare direttamente online la domanda indicando, tra le altre informazioni, i seguenti dati:

  • il possesso dei requisiti;
  • l’importo del contributo richiesto;
  • l’IBAN per l’accredito delle somme;
  • la dichiarazione di non aver superato il limite massimo di aiuti consentito dal quadro temporaneo UE legato alla crisi ucraina, in cui l’agevolazione rientra, considerando anche l’importo che si richiede.

Al termine della compilazione e dell’invio telematico della domanda verrà assegnato un protocollo elettronico.

Ma, come si legge sul portale Invitalia nella pagina dedicata ai contributi a fondo perduto per la crisi ucraina, l’ordine temporale di presentazione delle domane non determina alcun vantaggio:

“Ai fini dell’attribuzione delle agevolazioni, le domande presentate nel primo giorno utile saranno trattate alla stessa stregua di quelle presentate l’ultimo giorno”.

Fondo perduto alle imprese per la crisi ucraina: istruzioni Invitalia per l’istanza

Possono presentare istanza di accesso al fondo perduto dal 10 al 30 novembre le imprese che sono state danneggiate dalla crisi ucraina e che, quindi, si trovano nelle condizioni che seguono:

  • hanno realizzato negli ultimi due anni operazioni di vendita di beni o servizi, compreso l’approvvigionamento di materie prime e semilavorati, con l’Ucraina, la Federazione russa e la Repubblica di Bielorussia, pari almeno al 20 per cento del fatturato aziendale totale;
  • hanno sostenuto un costo di acquisto medio per materie prime e semilavorati nel corso dell’ultimo trimestre antecedente al 18 maggio 2022 incrementato almeno del 30 per cento rispetto al costo di acquisto medio del corrispondente periodo dell’anno 2019 ovvero, per le imprese costituite dal 1° gennaio 2020, rispetto al costo di acquisto medio del corrispondente periodo dell’anno 2021;
  • hanno subìto un calo di fatturato di almeno il 30 per cento nel corso del trimestre antecedente al 18 maggio 2022 nel confronto con il 2019.

Per accedere alle agevolazioni, è necessario che si rispettino tutti e tre i requisiti appena menzionati.

Inoltre, l’istanza può essere presentata esclusivamente dalle PMI con sede legale oppure operativa nel territorio italiano iscritte regolarmente al Registro delle imprese che non sono in liquidazione volontaria, non sono sottoposte a procedure concorsuali né sono destinatarie di sanzioni interdittive.

Solo al termine della finestra temporale per la presentazione delle domande, e quindi dopo la scadenza del 30 novembre, le imprese beneficiarie conosceranno il valore effettivo dei contributi a fondo perduto spettanti. Se, infatti, le richieste saranno superiori alle risorse disponibili, gli aiuti saranno ridotti in maniera proporzionale.

In ogni caso ogni PMI beneficiaria può ricevere fino a un massimo di 400.000 euro: l’importo si stabilisce applicando la percentuale relativa alle dimensioni dell’impresa alla differenza tra l’ammontare medio dei ricavi relativi all’ultimo trimestre anteriore al 18 maggio 2022 e l’ammontare degli stessi ricavi riferiti al corrispondente trimestre del 2019.

PercentualeTipologia di impresa
60 per cento soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 non superiori a euro 5.000.000,00
40 per cento soggetti con ricavi relativi al periodo d’imposta 2019 superiori a euro 5.000.000,00 e fino a euro 50.000.000,00

Per le imprese costituite dal 1° gennaio 2020, il periodo di imposta di riferimento è quello relativo all’anno 2021.

Sul portale Invitalia è possibile consultare tutta la documentazione utile per la presentazione dell’istanza, mentre le istruzioni operative sono state definite con il decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico del 9 settembre 2022 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 ottobre 2022.

MISE - Decreto Ministeriale del 9 settembre 2022 pubblicato in GU il 31 ottobre 2022
Modalità attuative del Fondo per il sostegno alle imprese danneggiate dalla crisi ucraina.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network