Contributi a fondo perduto, finanziamenti, voucher: mix di aiuti per imprese culturali e creative

Rosy D’Elia - Incentivi alle imprese

Contributi a fondo perduto, finanziamenti, voucher: prende forma il pacchetto di strumenti a sostegno delle piccole e medie imprese culturali e creative previsto dalla scorsa Legge di Bilancio. I dettagli nel decreto MISE firmato il 18 novembre 2021.

Contributi a fondo perduto, finanziamenti, voucher: mix di aiuti per imprese culturali e creative

Contributi a fondo perduto, finanziamenti, voucher, ma anche interventi di sostegno nel capitale sociale: la spinta al settore delle imprese culturali e creative assume varie forme.

Il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) firmato il 18 novembre 2021 e inviato alla Corte di Conti per la Registrazione pone le basi per l’operatività del Fondo per le piccole e medie imprese creative previsto dalla scorsa Legge di Bilancio all’articolo 1, comma 109.

Il testo definisce anche la platea di potenziali soggetti beneficiari stilando l’elenco dei Codici ATECO ammessi alle agevolazioni.

Le risorse a disposizione ammontano a 40 milioni di euro totali per il 2021 e per il 2022: la gestione è affidata a Invitalia.

“Le imprese culturali e creative rappresentano un settore chiave per lo sviluppo del nostro Paese, che però ha molto sofferto durante l’emergenza Covid. È tra i nostri impegni prioritari sostenere queste attività che puntano a valorizzare quelle che sono in molti campi le eccellenze del nostro Made in Italy, favorendo un rilancio del settore sia in termini economici ma anche di opportunità per i numerosi giovani che investono nelle loro idee e nella creatività”.

Con queste parole, il Ministro Giancarlo Giorgetti ha annunciato la firma del provvedimento attuativo, uno dei tanti previsti dalla scorsa Manovra e attesi da quasi un anno.

Contributi a fondo perduto e finanziamenti: mix di aiuti per imprese culturali e creative

Il Fondo per le piccole e medie imprese culturali e creative agisce in più direzioni.

Prima di tutto prevede agevolazioni per programmi di investimento realizzati da imprese culturali e creative, con una percentuale massima di copertura delle spese ammissibili pari all’80 per cento:

  • 40 per cento sotto forma di contributo a fondo perduto;
  • 40 per cento nella forma del finanziamento agevolato, a un tasso pari a zero e della durata massima di dieci anni.

Dall’acquisto di macchinari innovativi ai servizi specialistici, finalizzati anche alla valorizzazione di brevetti, dalle opere murarie alle utenze, sono diversi i costi coperti dalle agevolazioni del fondo per le PMI culturali e creative.

I progetti presentati devono avere le caratteristiche che seguono:

  • un importo non superiore a 500.000 euro al netto di IVA;
  • una durata non superiore a 24 mesi a partire dalla data di sottoscrizione del provvedimento di concessione;
  • devono essere finalizzate:
    • all’avvio o allo sviluppo dell’impresa creativa nel caso delle imprese costituite da non più di 5 anni al momento della presentazione della domanda di accesso,
    • l’ampliamento o la diversificazione della propria offerta di prodotti e servizi e del proprio mercato di riferimento o l’introduzione di innovazioni ed efficientamento del processo produttivo nel caso di imprese costituite da più di 5 anni.

Nel testo del Decreto MISE si legge:

“I programmi di investimento, [...], possono essere presentati anche nell’ambito di progetti integrati, qualora l’integrazione consenta alle imprese proponenti di realizzare effettivi vantaggi competitivi in relazione all’attività oggetto dell’iniziativa.

Il progetto integrato può includere programmi presentati da imprese non costituenti imprese creative, [...], a condizione che esso sia realizzato nell’ambito del settore creativo e con un ruolo non preponderante delle imprese diverse dalle imprese creative, tenuto conto del numero dei partecipanti, dei costi di ciascun programma e delle caratteristiche dell’integrazione progettuale”.

I requisiti di dettaglio per l’accesso alle agevolazioni sono contenuti nel decreto MISE del 18 novembre 2021 in fase di registrazione alla Corte dei Conti.

MISE - Decreto del 18 novembre 2021
Istituzione del Fondo per le piccole e medie imprese creative

Finanziamenti e contributi a fondo perduto con importi più alti per start up o PMI innovative

Per le start up innovative o come PMI innovative beneficiarie c’è una possibilità in più: a fronte di investimenti nel relativo capitale di rischio si può richiedere la conversione di una quota del finanziamento agevolato concesso in contributo a fondo perduto per un importo pari al 50 per cento delle somme apportate dagli investitori terzi e, comunque, fino a un massimo del 50 per cento del finanziamento concesso.

Per poter accedere alle agevolazioni con queste modalità l’investimento attuato da investitori terzi deve assumere la forma di investimento in equity, con le seguenti caratteristiche:

  • essere effettuato esclusivamente nella forma del conferimento in denaro;
  • essere perfezionato entro 5 anni dalla data di concessione delle agevolazioni;
  • essere di importo non inferiore a 20.000 euro;
  • non determinare una partecipazione di maggioranza nel capitale della start-up innovativa o della PMI innovativa, anche per effetto della conversione di strumenti finanziari di quasi-equity eventualmente sottoscritti;
  • essere detenuto per un periodo non inferiore a 3 anni.

Non solo contributi a fondo perduto e finanziamenti, anche voucher per le imprese culturali

Il sostegno alla creatività e alla cultura, infine, non arriva solo con l’azione diretta dei finanziamenti e dei contributi a fondo perduto, ma anche con la possibilità offerta alle imprese di altri settori di beneficiare di voucher per l’acquisizione di servizi specialistici erogati da imprese creative per i seguenti ambiti:

  • azioni di sviluppo di marketing e sviluppo del brand;
  • design e design industriale;
  • incremento del valore identitario del company profile;
  • innovazioni tecnologiche nelle aree della conservazione, fruizione e commercializzazione di prodotti di particolare valore artigianale, artistico e creativo.

I voucher possono essere impiegati per le prestazioni specialistiche erogate da imprese di micro, piccola e media dimensione che svolgono le attività individuate nel decreto MISE, ma anche dalle università o dagli enti di ricerca sulla base di un contratto specifico.

Di seguito i codici ATECO individuati dal Ministero dello Sviluppo Economico per definire il campo di applicazione delle agevolazioni.

I benefici sono concessi sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello. Le istruzioni su come accedere ai benefici previsti dal Fondo per le piccole e medie imprese creative saranno definite con appositi provvedimenti dal MISE.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network