Codice tributo 3850, cos’è e a cosa si riferisce?

Rosy D’Elia - Imposte

Cos'è e a cosa si riferisce il codice tributo 3850? Si tratta della sequenza di cifre da indicare nel modello F24 per il versamento del diritto camerale. La sezione di riferimento in cui inserirlo è “Imu e altri tributi locali”.

 Codice tributo 3850, cos'è e a cosa si riferisce?

Il codice tributo 3850 è la sequenza di cifre da inserire nel modello F24 per il versamento del diritto camerale. Si riferisce, dunque, alla specifica categoria di tributo che tutte le imprese iscritte al Registro della Camera di Commercio del territorio di riferimento, o nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative, devono pagare.

Il codice tributo 3850 classifica il pagamento che il contribuente sta effettuando per indirizzare nel mondo giusto le somme che sta versando.

La sezione di riferimento del modello F24 in cui inserirlo è “Imu e altri tributi locali”. Di seguito le istruzioni per la compilazione.

Codice tributo 3850, cos’è e a cosa si riferisce?

Il codice tributo 3850 deve essere utilizzato da tutte le imprese per il versamento del diritto annuale camerale dopo aver effettuato il calcolo dell’importo dovuto.

Tra i soggetti che devono rispettare quest’obbligo, sono incluse le seguenti categorie:

  • le imprese individuali;
  • le società di persone e di capitali;
  • i consorzi;
  • gli imprenditori agricoli ed i coltivatori diretti;
  • le unità locali e sedi secondarie di imprese con sede principale all’estero;
  • i soggetti iscritti al R.E.A.

Tra tutte le imprese tenute a versare il diritto camerale c’è chi paga un importo in misura fissa e chi è tenuto a calcolarlo in base al fatturato.

In ogni caso, per il versamento, è necessario utilizzare il modello F24 e inserire il codice 3850, specificando la provincia competente per l’imposta, come stabilito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione numero 46 del 10 aprile 2001.

Codice tributoAdempimento
3850 Diritto annuale camerale

Codice tributo 3850, le istruzioni su come compilare il modello F24

La sequenza di cifre che identifica il diritto annuale camerale va inserita nella sezione “Imu e altri tributi locali” del modello F24.

Sono quattro le colonne a cui prestare attenzione:

  • nella prima, “codice ente/codice comune”, deve essere inserita la città competente per l’imposta. Un dato di fondamentale importanza anche perché le regole a cui attenersi per il calcolo dell’importo dovuto possono variare, anche se leggermente, da territorio a territorio;
  • nella settima, “codice tributo”, va indicata la cifra identificativa 3850;
  • nella nona, “anno di riferimento”, il periodo a cui si riferisce il versamento;
  • nella decima, “importi a debito versati”, la cifra del pagamento.

Come si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella pagina dedicata al codice tributo 3850, è utilizzabile anche per un importo a credito da compensare.

Di seguito un esempio pratico, utile per la compilazione dei campi del modello F24.

CampoValore
Codice ente/comune RM
Codice tributo 3850
Anno di riferimento 2019
Importi 60 euro

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it