Canone Rai, novità Legge di Bilancio 2019: importo e cosa cambia

Alessio Mauro - Tasse

Canone Rai 2019: cosa cambia? Ecco le novità in merito ad importo ed esenzione previste dalla Legge di Bilancio.

Canone Rai, novità Legge di Bilancio 2019: importo e cosa cambia

Canone Rai, importo e novità in Legge di Bilancio 2019: cosa cambia e quali sono le esenzioni previste?

Anche dal 1° gennaio 2019 sarà obbligatorio il pagamento del canone per l’abbonamento TV e questo perchè nell’attuale bozza della Legge di Bilancio 2019 non ne è prevista l’abolizione.

Nonostante negli scorsi mesi si sia parlato della possibile cancellazione di una delle tasse più odiate dagli italiani, la misura non rientra tra le novità della Manovra che Lega e M5S presenteranno in Parlamento nei prossimi giorni.

Sarà confermato anche l’importo del canone Rai dovuto a partire dal 2019 e le modalità di pagamento resteranno invariate: il costo dell’abbonamento alla TV verrà addebitato in bolletta in dieci rate all’anno.

Canone Rai, novità Legge di Bilancio 2019: importo e cosa cambia

Per il momento, come sopra anticipato, sul canone Rai 2019 non si segnalano particolari novità. Resterà invariato il perimetro dei soggetti obbligati così come saranno confermati i casi di esonero.

L’importo del canone Rai dal 1° gennaio 2019 sarà confermato in 90 euro all’anno e il pagamento dovrà essere effettuato in 10 rate annuali di pari importo che saranno addebitate direttamente in bolletta. I contribuenti che devono pagare il canone Rai ma che non sono titolari di fornitura elettrica continueranno a pagare i 90 euro utilizzando il modello F24.

C’era particolare attesa sul destino del canone Tv in Legge di Bilancio 2019 e in molti speravano in un’abolizione totale per tutti. Una richiesta che tuttavia pare esser destinata a non essere accolta. Tuttavia resteranno in vigore alcuni casi di esenzione dall’obbligo di versamento dei 90 euro all’anno, tra cui quella per gli anziani con redditi bassi.

Canone Rai Legge di Bilancio 2019, casi di esenzione

Confermato dunque che anche per il 2019 l’importo del canone Rai sarà pari a 90 euro all’anno, resteranno in vigore alcuni casi di esenzione dall’obbligo di pagamento.

Saranno esonerati gli anziani dai 75 anni in poi e con reddito annuo non superiore agli 8.000 euro.

Tra i casi di esenzione che saranno confermati con la Legge di Bilancio 2019 rientrano i seguenti:

  • invalidi civili degenti in un casa di riposo;
  • Militari delle Forze Armate Italiane: ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. Inoltre se un membro delle Forze Armate si trova in un appartamento privato situato all’interno di una struttura militare non è esonerato dal pagamento del canone;
  • Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato;
  • Agenti diplomatici e consolari: solo per quei Paesi per cui è previsto lo stesso trattamento per i diplomatici italiani;
  • Rivenditori e negozi in cui vengono riparate TV.

Bisognerà ora attendere l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio 2019 per conoscere tutte le novità definitive su importo ed esenzioni canone Rai a partire da gennaio.