Modello 730: chi sono i familiari a carico?

Redazione - Modello 730

Familiari a carico: ecco chi sono e quali sono i requisiti previsti al fine di poter beneficiare delle detrazioni e deduzioni fiscali nel modello 730 e nel modello Redditi 2018.

Modello 730: chi sono i familiari a carico?

Per essere considerati familiari a carico è necessario rispettare specifici requisiti.

In sede di compilazione della dichiarazione dei redditi (modello 730 o Unico 2018) una delle prime richieste è stabilire chi sono i familiari a carico da indicare in relazione al contribuente dichiarante.

In linea di principio, sono considerati a carico del contribuente i familiari che non superano il reddito annuo di 2.840,51 euro. È questo uno dei limiti previsti e che riguarda sia i figli che il coniuge e gli altri familiari.

Capire cosa si intende per familiari a carico è di particolare importanza proprio perché in sede di dichiarazione dei redditi è possibile beneficiare, per i soggetti definiti come fiscalmente a carico del dichiarante, di alcune detrazioni fiscali, non solo per i figli ma anche per la moglie, il marito e via di seguito.

Per la definizione di familiare a carico è di fondamentale importanza ricordare le novità in vigore dal 2019: la Legge di Bilancio 2018 ha portato a 4.000 euro il limite di reddito per essere considerati a carico per i figli maggiorenni di età non superiore ai 24 anni.

Le modifiche introdotte, tuttavia, saranno in vigore a partire dal 1° gennaio 2019 e pertanto ad oggi non cambiano le regole e le istruzioni per la compilazione del modello 730/2018 e del modello Redditi 2018.

Tra i familiari a carico e nello specifico a titolo di coniuge, a partire dal 2017 sono inclusi anche i partner dello stesso sesso uniti con il rito dell’unione civile: si tratta di uno degli effetti a livello fiscale introdotti con la Legge Cirinnà, che la stessa Agenzia delle Entrate ha specificato nelle istruzioni per la compilazione del modello 730.

Come si calcolano le detrazioni per i familiari a carico e, oltre a coniuge e figli, quali sono gli altri familiari che si considerano fiscalmente a carico del contribuente?

Di seguito l’elenco, i limiti di reddito annuo e come effettuare il calcolo delle detrazioni previste.

Chi sono i familiari a carico? Istruzioni modello 730 e Redditi 2018

Si considerano familiari a carico del contribuente:

  • coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • figli indipendentemente dall’età e compresi figli adottivi, affidato o naturali riconosciuti;
  • altri familiari.

Come si è avuto modo di specificare già in precedenza, requisito fondamentale per beneficiare delle detrazioni per i familiari a carico nel modello 730 e che questi non superino il reddito annuo di 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili. Dal 2019 - redditi 2018 - la detrazione salità a 4.000,00 euro per i figli maggiorenni di età non superiore ai 24 anni.

Le detrazioni spettano anche al contribuente che, con il proprio reddito, mantiene parenti e familiari.

Chi sono gli altri familiari a carico

Oltre a coniuge e figli, tra le detrazioni per i familiari a carico da indicare nel modello 730 o nel modello Redditi PF vi sono anche quelle previste per gli altri familiari.

Ulteriore requisito previsto è che tali soggetti siano conviventi del contribuente o titolari di assegni pagati dallo stesso che non siano risultanti da provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

Gli altri familiari a carico del contribuente sono:

  • coniuge separato;
  • nipoti;
  • genitori;
  • suoceri;
  • fratelli o sorelle;
  • generi e nuore;
  • nonni.

In tutti i casi sono considerati familiari fiscalmente a carico e danno diritto alle detrazioni fiscali tutti i soggetti conviventi o titolari di assegni pagati dal contribuente che non superino nel corso dell’anno solare il reddito di 2.840,51 euro.

Come si calcolano le detrazioni per familiari a carico nel modello 730/2018

Le detrazioni familiari a carico nel modello 730 variano sulla base del reddito complessivo dichiarato da chi presenta la dichiarazione dei redditi.

Gli importi delle detrazioni indicati dalla norma diminuiscono progressivamente con l’aumentare del reddito complessivo posseduto nell’anno, fino ad annullarsi quando detto reddito arriva a 95.000 euro per le detrazioni dei figli e a 80.000 euro per quelle del coniuge e degli altri familiari.

Vediamo separatamente quali sono le detrazioni riconosciute per i figli a carico, quelle per il coniuge e quelle per gli altri familiari.

Familiari a carico: le detrazioni per i figli nel modello 730

Le detrazioni figli a carico danno diritto a beneficiare di una detrazione minima di 800 euro che aumenta a 900 euro in caso di figli di età inferiore ai 3 anni.

Per i contribuenti con più di 3 figli a carico la detrazione aumenta di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo. Nel caso di figlio portatore di handicap, ai sensi dell’art. 3 della legge 104/92 è prevista una maggiorazione sula detrazione di 220 euro.

Nel modello 730 la detrazione dovrà essere ripartita per il 50% tra i genitori o attribuita al genitore con reddito complessivo più elevato. Nel caso di separazione o divorzio ha diritto alla detrazione il genitore affidatario.

Qualora uno dei genitori fosse fiscalmente a carico dell’altro la detrazione figli a carico compete al genitore che presenta la dichiarazione dei redditi che ha a carico il coniuge.

In sintesi, gli importi delle detrazioni per figli a carico da indicare nel modello 730 sono così determinati:

  • da 800 a 950 euro per figli di età maggiore a 3 anni;
  • da 900 a 1.220 euro per figli di età inferiore a 3 anni;
  • da 220 a 400 euro in più in caso di figli con disabilità disabilità;
  • 200 euro per ogni figlio a partire dal primo per i contribuenti con più di tre figli a carico (detrazione famiglie numerose).

Per maggiori informazioni sulle detrazioni familiari a carico nel modello 730/2018 si consiglia la lettura della guida specifica.

Familiari a carico nel modello 730: le detrazioni per il coniuge

La detrazione per il coniuge a carico va da un minimo di 690 euro per redditi superiori ai 15.000 euro ma inferiori a 80.000 euro e consente una detrazione massima di 800 euro per redditi non superiori ai 15.000 euro.

L’importo della detrazione aumenta o diminuisce sulla base di specifiche regole collegate al reddito esatto dichiarato da chi presenta la dichiarazione dei redditi con modello 730 o Unico. L’unico caso in cui si dispone di un importo fisso (690 euro) è quando il reddito complessivo del beneficiario è compreso tra 15.001 e 40.000 euro.

Inoltre, per i contribuenti che si collocano all’interno di questa fascia, e precisamente per coloro il cui reddito è compreso tra 29.001 e 35.200 euro, è previsto un leggero incremento della detrazione fissa, variabile tra 10 e 30 euro.

Riepiloghiamo in una tabella quali sono gli importi delle detrazioni per il coniuge a carico indicati all’articolo 12 del TIUR e come si calcola la somma di cui è possibile beneficiare nel modello 730:

Reddito complessivo dichiarato nel modello 730Importo detrazione coniuge a carico
fino a 15.000 euro 800 - [110 x (reddito complessivo/15.000)]
15.001 - 29.000 euro 690 euro
29.001 - 29.200 euro 700 euro (maggiorazione 10 euro)
29.201 - 34.700 euro 710 euro (maggiorazione 20 euro)
34.701 - 35.000 euro 720 euro (maggiorazione 30 euro)
35.001 - 35.100 euro 710 euro (maggiorazione 20 euro)
35.101 - 35.200 euro 700 euro (maggiorazione 10 euro)
35.201 - 40.000 euro 690 euro
40.001 - 80.000 euro 690 x 80.000 – reddito complessivo/40.000
oltre 80.000 euro 0

Detrazioni per altri familiari a carico nella dichiarazione dei redditi

Per gli altri familiari a carico la detrazione di cui può beneficiare il contribuente compilando il modello 730 o il modello Redditi PF è pari ad un massimo di 750 euro per ogni persona che convive con il contribuente e deve essere ripartita tra coloro che hanno diritto alla detrazione.

Anche in questo caso l’importo della detrazione diminuisce in relazione al reddito complessivo. Per il calcolo dell’importo dovuto per gli altri familiari a carico bisogna utilizzare la seguente formula:

  • 750 X (80.000 – reddito complessivo) / 80.000 euro

Ad esempio, per un contribuente con un reddito complessivo di 25.000 euro, la detrazione per gli altri familiari a carico sarà pari a circa 515 euro.

Modello 730: limite di reddito familiari a carico e modalità di calcolo

Per il calcolo del reddito dei familiari a carico da indicare nel modello 730/2017 o modello Unico PF 2017 sono da considerare, oltre all’eventuale reddito da lavoro dipendente, le seguente entrate relative all’anno solare 2016:

  • reddito d’impresa o di lavoro autonomo di contribuenti in regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (contribuenti minimi o forfettari);
  • reddito d’impresa o di lavoro autonomo sottoposto a imposta sostitutiva sulle nuove attività produttive;
  • reddito di fabbricati tassati con cedolare secca;
  • quota esente per redditi da lavoro dipendente prestato all’estero in zone di frontiera o Paesi limitrofi in caso di prestazione fornita in via continuativa (lavoratori frontalieri);
  • retribuzioni corrisposte da enti o organizzazioni internazionali, diplomatiche, consolari o missioni (tra cui anche la Chiesa).

Al contrario, sono esclusi dal calcolo dei redditi dei familiari a carico i redditi a tassazione separata, come ad esempio indennità di accompagnamento, pensioni e assegni di invalidità.

In ogni caso il reddito limite entro cui il familiare o parente può essere considerato fiscalmente a carico del contribuente è di 2.840,51 euro; oltre tale importo di reddito annuo non si ha diritto alle detrazioni figli o coniuge a carico con il modello 730 o Unico.