Buoni spesa per emergenza coronavirus: come funzionano e chi ne ha diritto

Rosy D’Elia - Modello Isee

Buoni spesa per emergenza coronavirus: come funzionano e chi ne ha diritto? Le risposte nella nota di indirizzo del 30 marzo che l'ANCI ha inviato ai Comuni. Agli enti territoriali spetta, infatti, il ruolo di gestire le risorse a disposizione e di stabilire requisiti, importi e modalità di domanda.

Buoni spesa per emergenza coronavirus: come funzionano e chi ne ha diritto

Buoni spesa per emergenza coronavirus: come funzionano e chi ne ha diritto? A fornire le prime risposte è l’ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani, con la nota di indirizzo del 30 marzo 2020 sull’Ordinanza di Protezione Civile numero 658, che ha previsto “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”.

Saranno, infatti, gli enti territoriali a stabilire le modalità di utilizzo dei buoni spesa e ad individuare chi ne ha diritto. Per ottenerli, infatti, i cittadini dovranno far riferimento alle regole specifiche indicate dal Comune di riferimento. Alcune amministrazioni da Nord a Sud hanno già stabilito importi, requisiti e modalità di domanda.

Con l’ordinanza numero 658 della Protezione Civile, sono stati stanziati 400 milioni di euro per garantire i buoni spesa a chi è in difficoltà. Le cifre cambiano da territorio a territorio:

  • fino a 500 euro per le famiglie composte da 5 o più persone, con tre fasce in base alla composizione del nucleo familiare, sono previste a Roma,
  • da 130 euro per una sola persona a 320 euro per quattro sono le somme previste a Cesena;
  • da 80 euro per un nucleo formato da una sola persona fino a un massimo di 400 euro in base al numero di componenti, sono gli importi previsti a Cosenza.
PDF - 125.1 Kb
ANCI - Prima nota di indirizzo sulla solidarietà alimentare del 30 marzo 2020
Ordinanza di Protezione Civile n. 658 recante “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”.

Buoni spesa per emergenza coronavirus: come funzionano?

Dalle somme a cui si ha diritto ai requisiti, le regole alla base della “solidarietà alimentare” vengono stabilite dai singoli Comuni. L’Ordinanza della Protezione Civile non delinea in maniera precisa il meccanismo dei buoni spesa per emergenza coronavirus e lascia la porta aperta alle decisioni delle amministrazioni locali.

Nella nota del 30 marzo l’ANCI sottolinea:

“In tal senso va letta l’assenza – in norma – di disposizioni su criteri e modalità di erogazione delle misure: assicurare nell’emergenza che i Comuni possano organizzarsi nel modo più vicino a soddisfare immediatamente il bisogno dei propri cittadini in stato di bisogno, anche con mezzi e strumenti già in uso e in deroga alle ordinarie norme sugli affidamenti”.

Gli enti territoriali possono potenziare gli interventi anche grazie ad eventuali donazioni.

Le risorse devono essere utilizzate dai Comuni per garantire ai cittadini due tipologie di sostegno:

  • buoni spesa che si possono utilizzare per l’acquisto di generi alimentari presso i negozi indicati in un elenco che il Comune dovrà pubblicare sul suo sito;
  • acquisto e distribuzione di generi alimentari o prodotti di prima necessità.

Massima flessibilità è prevista anche sull’elenco degli esercizi commerciali individuati per gli acquisti con i buoni spesa: è possibile procedere con convenzioni o con elenchi aperti, senza scadenza, per raccogliere adesioni.

Nell’acquisto e nella distribuzione dei beni possono essere coinvolti anche gli Enti del Terzo Settore.

Buoni spesa per emergenza coronavirus: chi ne ha diritto?

“I nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza
epidemiologica da virus Covid 19 e quelli in stato di bisogno”
sono i primi beneficiari dei buoni spesa. Questa è la regola fondamentale che ogni Comune deve applicare per stabilire chi ne ha diritto e chi no, ma ognuno indica i requisiti necessari per l’accesso.

La priorità spetta a chi non beneficia già di altri assegni o prestazioni, come:

  • reddito di cittadinanza;
  • reddito di inclusione;
  • Naspi, indennità di disoccupazione;
  • indennità di mobilità;
  • cassa integrazione guadagni
  • altre forme di sostegno previste a livello locale o regionale.

Ovviamente il Comune può scegliere di destinare parte delle risorse anche a chi già beneficia di sussidi o contirbuti, ma sempre dando “priorità a chi tale sostegno non lo riceve”, sottolinea l’ANCI.

Chi ha le carte in regola come può ottenerli? Anche in questo caso, ci sono diverse possibilità e bisogna attenersi alle istruzioni valide nel territorio in cui ci si trova.

Tra le modalità previste, le amministrazioni locali possono pubblicare bandi con una scadenza ravvicinata o avvisi pubblici che restano aperti e che si basano sul meccanismo dello scorrimento fino all’esaurimento delle risorse.

Secondo le istruzioni dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, infine, è possibile prevedere che i cittadini possano dimostrare di avere i requisiti richiedano i buoni spesa utilizzando dei modelli di autocertificazione: una modalità che assicura semplicità e velocità, cruciali in un periodo di emergenza.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it