Agevolazioni per riapertura e ampliamento attività nei piccoli comuni

Rosy D’Elia - Incentivi alle imprese

Agevolazioni per riapertura e ampliamento di attività commerciali, artigianali e di servizi nei piccoli comuni: gli incentivi consistono in un contributo calcolato in base ai tributi comunali versati. La novità sull'economia locale è contenuta nell'articolo 30-ter del Decreto Crescita, approvato in via definitiva il 27 giugno 2019.

Agevolazioni per riapertura e ampliamento attività nei piccoli comuni

Agevolazioni per riapertura e ampliamento di attività commerciali, artigianali e di servizi nei piccoli comuni. L’erogazione di un contributo calcolato in base ai tributi comunali dovuti è l’incentivo previsto dall’articolo 30 ter del Decreto Crescita, convertito in legge il 27 giugno 2019.

Chi gestisce un’attività nei piccoli comuni italiani, con una popolazione fino a 20.000 abitanti, o ha intenzione di farlo può accedere alle agevolazioni a partire dal 1° gennaio 2020.

5 milioni di euro per l’anno 2020, 10 milioni di euro per l’anno 2021, 13 milioni di euro per l’anno 2022 e 20 milioni di euro a partire dall’anno 2023 sono i fondi stanziati per sostenere l’economia locale.

Nel testo del Decreto si legge:

“Il fondo è ripartito tra i comuni beneficiari con decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali”.

Agevolazioni per riapertura e ampliamento di attività nei piccoli comuni: in cosa consiste e come richiederli

Agli esercenti che beneficiano delle agevolazioni per la riapertura e l’ampliamento di attività nei piccoli comuni vengono erogati dei contributi per l’anno nel quale si ridà vita all’attività, o si interviene sugli spazi, e per i tre anni successivi.

Il valore del contributo è rapportato alla somma dei tributi comunali dovuti, e regolarmente pagati, nell’anno precedente a quello in cui si presenta la richiesta di accesso al beneficio, fino al 100 per cento dell’importo.

Per usufruire degli incentivi, gli esercenti devono richiederli al comune di residenza, dal 1° gennaio al 28 febbraio di ogni anno, tramite il modello che gli enti mettono a disposizione, insieme alla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesta il possesso dei requisiti richiesti.

Il comune, dopo aver effettuato i controlli, stabilisce il valore del contributo, che viene concesso fino a esaurimento delle risorse disponibili e nell’ordine di presentazione delle richieste.

Gli incentivi non sono cumulabili con altre agevolazioni previste dal decreto o da altre normative statali, regionali.

Agevolazioni per le attività commerciali, artigianali e di servizi nei piccoli comuni: con quali requisiti si accede

Il testo dell’articolo 30 ter stabilisce quali sono le attività ammesse a beneficiare delle agevolazioni per la promozione dell’economia locale tramite la riapertura e l’ampliamento di attività commerciali, artigianali e di servizi.

Può usufruire degli incentivi chi opera nei piccoli comuni e in uno dei settori menzionati nel testo di legge:

Sono esclusi i negozi compro oro, le sale per scommesse o quelle che al loro interno hanno apparecchi da intrattenimento.

Accesso vietato anche per chi subentra, a qualunque titolo, in attività già esistenti precedentemente interrotte.

Allo stesso modo, le aperture di nuove attività e le riaperture, in seguito a una cessione di un’attività preesistente da parte dello stesso soggetto che la esercitava in precedenza o, comunque, di un soggetto, anche costituito in forma societaria, che sia ad esso direttamente o indirettamente riconducibile non possono beneficiare delle agevolazioni introdotte con il Decreto Crescita.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it