Tabelle ACI 2022, rimborso chilometrico e fringe benefit: come fare il calcolo

Tabelle ACI 2022, come fare il calcolo del rimborso chilometrico e dei fringe benefit? Di seguito i file in pdf pubblicati in Gazzetta Ufficiale contenenti le tariffe relative all'utilizzo delle auto aziendali e le regole di tassazione.

Tabelle ACI 2022, rimborso chilometrico e fringe benefit: come fare il calcolo

Tabelle ACI 2022, tutte le regole per il calcolo del rimborso chilometrico e dei fringe benefit per le auto aziendali.

Le tariffe predisposte dall’ACI e applicate dal 1° gennaio 2022 sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale del 28 dicembre scorso.

Si tratta dei parametri da utilizzare per determinare i fringe benefit, ossia la retribuzione in natura che deriva dalla concessione ai dipendenti di veicoli aziendali, utilizzati ad uso promiscuo per esigenze di lavoro e private.

Ai fini della tassazione delle auto aziendali, si ricorda che per i contratti stipulati dal 1° luglio 2020 la percentuale per la determinazione del fringe benefit è stata fissata al 25 per cento dell’importo corrispondente alla percorrenza convenzionale annua, fissata a 15.000 euro, sulla base del costo calcolato in base alle tabelle ACI. Le percentuali sono inoltre state differenziate in base alle emissioni del veicolo.

Le tabelle ACI 2022, di seguito disponibili in formato pdf, sono come di consueto suddivise in base alla tipologia di veicolo e all’alimentazione. Soffermiamoci quindi sulle regole per il calcolo del rimborso chilometrico e dei fringe benefit.

Tabelle ACI 2022, rimborso chilometrico e fringe benefit: come fare il calcolo

Le Tabelle ACI 2022 sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale del 28 dicembre 2021 e, come previsto a cadenza annuale, rendono disponibili i costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli.

Le tariffe determinate dall’ACI consentono di calcolare i fringe benefit per le auto aziendali, ossia la retribuzione in natura relativa alla concessione ai dipendenti di veicoli ad uso promiscuo, ossia per finalità di lavoro e private.

Le stesse tabelle servono inoltre per determinare il rimborso chilometrico spettante al lavoratore che utilizza la propria auto privata per necessità legate alla propria professione.

Per quel che riguarda la determinazione dei fringe benefit, si ricorda che l’articolo 51 del TUIR, al comma 1, prevede che costituiscono reddito da lavoro dipendente:

“tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori in genere, corrisposti dai datori di lavoro entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo d’imposta successivo a quello cui si riferiscono.”

In virtù del principio di onnicomprensività, tutte le somme e i valori percepiti in relazione al rapporto di lavoro concorrono pertanto alla formazione del reddito imponibile.

Per quel che riguarda le auto aziendali, si ricorda tuttavia che lo stesso articolo 51 prevede regole particolari di determinazione del reddito imponibile, e il comma 4 alla lettera a) stabilisce le regole per la determinazione forfettaria del valore assoggettato a tassazione.

Tali regole sono state modificate dalla Legge di Bilancio 2020, con il fine di incentivare l’utilizzo di veicoli a ridotte emissioni di CO2.

In particolare, per autovetture, autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose, autocaravan, motocicli e ciclomotori di nuova immatricolazione, che presentano valori di emissione di anidride carbonica non superiori a 60 grammi per chilometro, concessi in uso promiscuo con contratti stipulati a decorrere dal 1° luglio 2020, per la determinazione del reddito di lavoro dipendente verrà assunto il 25 per cento (in luogo del 30 per cento) dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, al netto dell’ammontare eventualmente trattenuto al dipendente.

La percentuale da considerare per la determinazione del reddito imponibile e per il calcolo della deducibilità sarà poi determinata con un sistema a scalare:

  • al 25 per cento per i veicoli con valori di emissione di anidride carbonica fino a 60 grammi per chilometro;
  • al 30 per cento, per i veicoli con valori di emissione di anidride carbonica superiori a 60, ma non a 160 grammi per chilometro;
  • al 50 per cento, per i veicoli con valori di emissione di anidride carbonica superiori a 160, ma non a 190 grammi per chilometro;
  • al 60 per cento, per i veicoli con valori di emissione di anidride carbonica superiori a 190 grammi per chilometro.

Per i contratti stipulati entro il 30 giugno 2020, continueranno ad applicarsi le vecchie regole, in base alle quali i veicoli concessi ad uso promiscuo concorrono alla formazione del reddito da lavoro dipendente per il 30 per cento dell’importo corrispondente ad una percorrenza annua di 15.000 chilometri, calcolato sulla base dei costi indicati nelle tabelle ACI.

Come di consueto, le tabelle ACI 2022 - di seguito in formato pdf da scaricare - sono suddivise per tipologia di alimentazione delle auto aziendali.

Tabelle ACI dal 1° gennaio 2022

Di seguito il pdf delle tabelle ACI 2022 da utilizzare per il calcolo dei fringe benefit e del rimborso chilometrico per le auto aziendali.

Autoveicoli a benzina in produzione e fuori produzione

Tabelle ACI 2022 - veicoli a benzina in produzione
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - veicoli a benzina fuori produzione
Clicca per scaricare

Autoveicoli a gasolio in produzione e fuori produzione

Tabelle ACI 2022 - autoveicoli a gasolio in produzione
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - autoveicoli a gasolio fuori produzione
Clicca per scaricare

Autoveicoli a benzina-gpl e benzina-metano in produzione e fuori produzione

Tabelle ACI 2022 - autoveicoli a benzina gpl e benzina metano in produzione
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - autoveicoli a benzina gpl e benzina metano fuori produzione
Clicca per scaricare

Autoveicoli elettrici e ibridi in produzione e fuori produzione

Tabelle ACI 2022 - autoveicoli ibrido benzina e gasolio in produzione
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - autoveicoli ibrido benzina e gasolio fuori produzione
Clicca per scaricare

Autoveicoli elettrici ed ibridi plug-in in produzione e fuori produzione

Tabelle ACI 2022 - autoveicoli elettrici e ibridi plug-in in produzione
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - autoveicoli elettrici e ibridi plug-in fuori produzione
Clicca per scaricare

Motoveicoli e Autocaravan

Tabelle ACI 2022 - motoveicoli
Clicca per scaricare
Tabelle ACI 2022 - motoveicoli
Clicca per scaricare

Tabelle Aci e rimborsi chilometrici 2022

I rimborsi chilometrici vengono erogati nei confronti dei lavoratori per spese relative a costi proporzionali all’utilizzo, ovvero collegati all’utilizzo del mezzo (costo del carburante, di manutenzione e riparazione, costo dei pneumatici ecc) e costi non proporzionali, ovvero indipendenti dal reale utilizzo del mezzo (assicurazione, bollo auto).

Per la richiesta dei rimborsi chilometrici le spese devono essere appositamente documentate.

Nelle tabelle ACI 2022 per i rimborsi chilometrici vengono suddivise innanzitutto le auto in produzione e quelle fuori produzione.

Le stesse poi sono suddivisi in base alla tipologia di alimentazione: a benzina, metano, gasolio, gpl o elettrici. Le tabelle contengono inoltre anche i dati necessari per i rimborsi chilometrici nell’utilizzo di motoveicoli.

Come specificato dalla circolare ministeriale 326/1997 nel caso in cui il veicolo utilizzato in modo promiscuo non fosse presente nelle nuove tabelle ACI bisognerà prendere come riferimento il modello più simile.

Per quel che riguarda la tassazione dei rimborsi chilometrici, calcolati in base alle tabelle ACI (percorrenza, tipologia veicolo e costo chilometrico) non sono imponibili le somme riconosciute in relazione a prestazioni lavorative eseguite in Comuni diversi da quello in cui è situata la sede di lavoro.

Così come chiarito dalla risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 92/E/2015:

  • se la distanza percorsa dal dipendente per raggiungere la località di missione dalla propria residenza è inferiore rispetto a quella calcolata dalla sede di servizio (rimborso chilometrico di minore importo), la somma riconosciuta non è imponibile;
  • nel caso contrario, ossia se la distanza percorsa è maggiore rispetto a quella calcolata dalla sede di servizio, e viene erogato un rimborso chilometrico di importo maggiore, la differenza rientra nel reddito imponibile.

Rimborsi chilometrici tabelle ACI 2022: tassazione e deducibilità

L’assegnazione ai dipendenti di auto ad uso promiscuo comporta due conseguenze a livello fiscale:

  • da un lato la deducibilità al 70 per cento dei costi per il datore di lavoro;
  • dall’altra la tassazione dei fringe benefit in capo al lavoratore, calcolato in base delle tabelle ACI 2022 per i rimborsi chilometrici in rapporto alla percorrenza convenzionale annua di 15.000 km.

In sostanza, il fringe-benefit è la retribuzione che l’azienda eroga al lavoratore per l’utilizzo di auto a scopo promiscuo.

A partire dal 1° gennaio 2021, l’imponibilità dei fringe benefit è calcolata in diverse percentuali, determinata in base al valore delle emissioni del veicoli di cui sopra.

MODELLO DEL VEICOLO EMISSIONI REDDITO IN NATURA FINO A GIUGNO 2020 REDDITO IN NATURA FINO AL 31 DICEMBRE 2020 REDDITO IN NATURA DAL 1° GENNAIO 2021
elettrico o ibrido plug-in sotto i 60 g/Km 30 per cento 25 per cento 25 per cento
veicoli 60-160 g/km 30 per cento 30 per cento 30 per cento
veicoli 161-190 g/km 30 per cento 40 per cento 50 per cento
veicoli oltre i 190 g/km 30 per cento 50 per cento 60 per cento

Per quanto riguarda il trattamento fiscale, i fringe-benefit non concorrono alla formazione di reddito da lavoro dipendente entro il limite d’importo di 258,23 euro nel periodo d’imposta di riferimento.

Per quanto riguarda le imprese, il costo dei rimborsi chilometrici per auto ad uso promiscuo può essere portato in deduzione fiscale del 70 per cento, così come indicato nell’articolo 164, comma 1 del TUIR.

La deducibilità parziale non è soggetta a limiti d’importo, ma è limitata al costo di percorrenza o tariffa di noleggio di veicoli di 17 hp se a benzina o di 20 hp se diesel.

Per maggiori dettagli sulle regole per il calcolo dei rimborsi chilometrici i lettori possono consultare l’apposito approfondimento.

Si ricorda che il calcolo può essere effettuato, previa registrazione, accedendo al sito dell’Aci.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network