Superbonus, cambia ancora la cessione del credito: le novità nel DL Aiuti

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Superbonus, cessione del credito con nuovi ritocchi: il testo del Decreto Aiuti pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2022 conferma la possibilità per le banche di trasferire in ogni momento i crediti ai propri clienti professionali. Di seguito l'analisi delle novità, che si applicheranno per le comunicazioni di prima cessione o sconto dal 1° maggio.

Superbonus, cambia ancora la cessione del credito: le novità nel DL Aiuti

Superbonus, cambia ancora la cessione del credito.

Il testo del Decreto Aiuti pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2022 interviene sulle regole per la cessione del credito da parte delle banche, e la quarta opzione jolly in favore dei correntisti viene sostituita dalla possibilità di trasferimento verso i propri clienti professionali.

Anche prima della conclusione delle cessioni in ambiente controllato, la banche potranno quindi optare per la cessione del credito verso i propri clienti professionali in ogni momento, per potersi liberare delle somme acquisite. In campo anche le imprese, ma solo se in possesso di specifici requisiti.

Le novità del Decreto Aiuti n. 50 del 17 maggio 2022 puntano a far ripartire il mercato della cessione del credito, a fronte del blocco causato dagli interventi anti-frode. Facciamo quindi il punto di cosa cambia.

Secondo quanto previsto dall’articolo 57, comma 3 del decreto, le nuove regole si applicheranno in ogni caso alle comunicazioni di prima cessione o sconto in fattura inviate all’Agenzia delle Entrate dal 1° maggio 2022.

Superbonus, cambia ancora la cessione del credito: le novità nel DL Aiuti

Il testo definitivo del Decreto Aiuti pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 maggio 2022 conferma le novità previste in materia di cessione del credito.

Accanto alla proroga del superbonus per le unifamiliari, nuove modifiche sono previste nell’ambito delle regole previste dal decreto Rilancio.

È in particolare l’articolo 14 del decreto legge n. 50/2022 a cambiare le regole, disponendo per le banche la possibilità di liberarsi dei crediti acquistati in ogni momento, trasferendo le somme verso i propri clienti professionali.

Il testo interviene su quanto previsto dall’articolo 121 del decreto Rilancio n. 34/2022, cancellando l’opzione della quarta cessione prevista per le banche verso i propri clienti una volta esauriti i trasferimenti in ambiente controllato e stabilendo che:

“alle banche, ovvero alle società appartenenti ad un gruppo bancario iscritto all’albo di cui all’articolo 64 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, è sempre consentita la cessione a favore dei soggetti clienti professionali privati di cui all’articolo 6, comma 2-quinquies, del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, che abbiano stipulato un contratto di conto corrente con la banca stessa, ovvero con la banca capogruppo, senza facoltà di ulteriore cessione”.

Via libera quindi alla cessione del credito in ogni momento da parte di banche, società appartenenti a gruppi bancari iscritti all’albo, senza limiti, anche nell’ambito dello sconto in fattura.

Il trasferimento potrà però essere effettuato esclusivamente in favore di soggetti clienti professionali privati che abbiano stipulato con la banca stessa un contratto di conto corrente, o con la banca capogruppo. Divieto di ulteriore cessione per gli acquirenti del credito.

Inoltre, secondo quanto previsto dall’articolo 57 del decreto, le novità si applicheranno alle comunicazioni della prima cessione o sconto in fattura inviate all’Agenzia delle entrate a partire dal 1° maggio 2022.

Superbonus, nel DL Aiuti cessione del credito sempre possibile da banca a clienti professionali privati

Chi sono i clienti professionali privati citati dalla norma?

Per capirci di più è bene consultare quanto previsto dal regolamento adottato dalla CONSOB con delibera n. 16190 del 29.10.2007, così come previsto dall’articolo 6, comma 2-quinquies del decreto legislativo n. 58/1998, il Testo Unico in materia di finanza.

Rientrano in questa categoria i clienti che possiedono “l’esperienza, le conoscenze e la competenza necessarie per prendere consapevolmente le proprie decisioni in materia di investimenti e per valutare correttamente i rischi che assume.”

Si distinguono quindi i clienti professionali di diritto, quali banche, imprese di investimento, di assicurazione, o ancora fondi pensioni e ad esempio organismi di investimento collettivo, gli investitori istituzionali e le imprese di grandi dimensioni che per singola società possiedono almeno due dei seguenti requisiti dimensionali:

  • totale di bilancio: 20.000.000 euro,
  • fatturato netto: 40.000.000 euro,
  • fondi propri: 2.000.000 euro.

Sono questi quindi i soggetti ai quali le banche potranno rivolgersi per la cessione dei crediti acquisiti. Viene invece abolita la quarta cessione del credito tra banca e correntista.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network