Sicurezza sul lavoro: bando INAIL 2021 per progetti di formazione

Eleonora Capizzi - Lavoro

Sicurezza sul lavoro: pubblicato il bando INAIL 2021 per gli enti che vogliono presentare progetti di formazione su salute e prevenzione in contesti lavorativi. Entro il 30 aprile 2021 verrà comunicata l'apertura della procedura informatica per l'inoltro delle domande. A disposizione 4 milioni di euro, fino ad esaurimento fondi, per l'attuazione delle proposte valutate idonee.

Sicurezza sul lavoro: bando INAIL 2021 per progetti di formazione

Sicurezza sul lavoro: pubblicato il bando INAIL per attuare una campagna informativa nazionale di sensibilizzazione per l’individuazione, la valutazione e il controllo dei rischi alla salute nei contesti lavorativi.

L’Istituto mette a disposizione 4 milioni di euro per l’attuazione di progetti in materia di salute e sicurezza proposti dalle organizzazioni dei datori di lavoro, dai patronati e non solo.

Le proposte progettuali dovranno essere inoltrate telematicamente mediante il portale dedicato con una procedura la cui apertura sarà annunciata dallo stesso Istituto entro il 30 aprile 2021.

La selezione dei progetti ammessi sarà eseguita in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande, quindi senza una data di scadenza, e sino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Queste proposte, peraltro, dovranno riguardare iniziative di formazione, da svolgersi in presenza o da remoto, che abbiano l’obiettivo di sviluppare la capacità di analisi e soluzione di situazioni o problemi relativi alla sicurezza sul lavoro.

Ma andiamo a vedere, nel dettaglio, quali sono i soggetti destinatari e i proponenti, quali caratteristiche devono possedere i progetti finanziabili e qual è l’importo ammesso al finanziamento.

Sicurezza sul lavoro: bando INAIL 2021 per progetti di formazione

Con il comunicato del 22 febbraio 2021 l’INAIL annuncia la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del nuovo bando per la realizzazione di una campagna nazionale per la diffusione delle informazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il fine ultimo dell’iniziativa, finanziata dallo stesso Istituto con 4 milioni di euro, è quello di sensibilizzare soggetti interessati, quali lavoratori, datori di lavoro e non solo ai temi della sicurezza e prevenzione e, in particolare, agli aspetti legati all’individuazione, alla valutazione e al controllo dei rischi infortunistici.

Questi 4 milioni di euro verranno, quindi, messi a disposizione dei soggetti proponenti i cui progetti di formazione vengano valutati idonei.

Soggetti preponenti che il bando INAIL individua nelle seguenti categorie:

  • organizzazioni nazionali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
  • organismi paritetici;
  • enti di patronato nazionali;
  • enti di patronato costituiti dalle confederazioni e associazioni operanti esclusivamente nelle province autonome di Trento e di Bolzano.

L’INAIL inoltre specifica, poi, che i soggetti proponenti descritti potranno partecipare al bando in forma singola o in aggregazione tra loro.

Le attività previste dai progetti proposti, fra l’altro, dovranno essere indirizzate alle seguenti tipologie di individui:

  • lavoratori;
  • datori di lavoro, dirigenti e preposti;
  • rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls, Rlst);
  • responsabili e gli addetti del servizio di prevenzione e protezione (Rspp/Aspp);
  • medici competenti.

Bando INAIL sicurezza sul lavoro: quali sono i progetti finanziabili

Le proposte, costituite da progetto ed eventuali allegati, dovranno essere inoltrate secondo la procedura telematica che verrà resa disponibile prima del 30 aprile 2021 e necessiterà obbligatoriamente delle credenziali del Sistema pubblico di identità digitale (Spid).

I soggetti interessati hanno quindi circa due mesi di tempo per formulare e proporre un prospetto che, suddiviso in moduli, permetta di sviluppare capacità di analisi e soluzione di problemi su tematiche relative alla sicurezza sul lavoro.

Il progetto formativo, svolto in presenza o in videoconferenza, dovrà essere composto da singole iniziative, anche diverse l’una dall’altra, della durata minima di 4 ore da attuarsi in almeno sei regioni italiane.

Bando INAIL sicurezza sul lavoro: l’importo del finanziamento

Il bando dell’INAIL prevede che un contributo finanziario di importo predeterminato sarà riconosciuto ai progetti di informazione sulla sicurezza in una misura variabile in base al numero dei partecipanti e alle ore in cui corsi si articolano.

In particolare, l’Istituto ha previsto quanto segue:

  • nel caso di iniziative attuate in presenza il finanziamento è di 20 euro all’ora per partecipante;
  • nel caso di iniziative attuate da remoto, il finanziamento ammonta a 15 euro all’ora per partecipante.

Possono, inoltre, essere proposti progetti per interventi informativi di importo complessivo compreso tra un minimo di 18.000 euro ed un massimo di 500.000 euro sempre a seconda del numero dei partecipanti, della durata degli interventi e della modalità di svolgimento.

Per ogni ulteriore chiarimento si rimanda al testo integrale dell’Avviso pubblico dell’INAIL pubblicato sul sito istituzionale.

INAIL - avviso pubblico pubblicato in gazzetta ufficiale il 22 febbraio 2021
Scarica l’avviso pubblico per il finanziamento di interventi informativi finalizzati allo viluppo dell’azione prevenzione in ambito nazionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network