Pensione di vecchiaia: è possibile cumulare il reddito da lavoro con la pensione?

Guendalina Grossi - Pensioni

È possibile continuare a lavorare con la pensione di vecchiaia? Vediamo cosa dice la legge a riguardo.

Pensione di vecchiaia: è possibile cumulare il reddito da lavoro con la pensione?

È possibile continuare a lavorare con la pensione di vecchiaia? Questa è una domanda che molti contribuenti si saranno posti una volta lasciato il proprio posto di lavoro.

La legge prevede che chiunque abbia beneficiato della pensione di vecchiaia o di quella anticipata, erogate con il sistema misto o retributivo, potrà comunque continuare a lavorare.

Per quello che concerne le prestazioni maturate in base al sistema contributivo, il cumulo della pensione con i redditi da lavoro è possibile solo a determinate condizioni.

Vediamo nel dettaglio quali requisiti bisogna soddisfare e cosa prevede la legge.

Pensione di vecchiaia 2019: è possibile continuare a lavorare?

A partire dal 1° gennaio 2019 i redditi da lavoro, autonomo e dipendente, sono interamente cumulabili con la pensione di vecchiaia e con quella anticipata erogate con il sistema misto o retributivo, ovvero per coloro in possesso di contribuzione al 31 dicembre 1995.

Per quello che riguarda le prestazioni maturate in base al sistema contributivo, cioè per coloro che sono entrati nel mondo del lavoro successivamente al 31 dicembre 1995, il cumulo della pensione con i redditi da lavoro è possibile a condizione che risulti soddisfatta almeno una delle seguenti condizioni:

  • siano stati compiuti almeno 60 anni di età se donna o 65 anni se uomo;
  • ci siano almeno 40 anni di contribuzione;
  • ci siano almeno 35 anni di contributi e 61 anni di età.

Tutti coloro che quindi hanno aderito alla pensione di vecchiaia o con quella anticipata potranno continuare a lavorare, e a cumulare quindi reddito da lavoro con la pensione senza incorrere in nessuna sanzione.

Pensione di vecchia: chi può beneficiarne e come presentare domanda?

A partire dal 1° gennaio 2012, i soggetti in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 possono conseguire il diritto alla pensione di vecchiaia esclusivamente in presenza di un’anzianità contributiva minima pari a 20 anni.

La domanda di pensione di vecchiaia dovrà essere presentata all’INPS attraverso una delle seguenti modalità:

  • web: richiesta telematica dei servizi è accessibile direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto.
  • telefono chiamando il Contact Center integrato al numero 803164 gratuito da rete fissa o al numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico, abilitati ad acquisire le domande di prestazioni ed altri servizi per venire incontro alle esigenze di coloro che non dispongono delle necessarie capacità o possibilità di interazione con l’INPS per via telematica;
  • enti di Patronato e intermediari autorizzati dall’Istituto, che mettono a disposizione dei cittadini i necessari servizi telematici.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it