Tax credit alberghi 2019: la graduatoria degli ammessi

Rosy D’Elia - Imposte

Tax credit alberghi 2019: pubblicata dal Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo la graduatoria degli ammessi a fruirne. Le strutture turistiche che riceveranno il credito di imposta per progetti di riqualificazione sono 1.975. Le istruzioni e il codice tributo per utilizzarlo.

Tax credit alberghi 2019: la graduatoria degli ammessi

Tax credit alberghi 2019: nella graduatoria pubblicata dal Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo sono 1.975 le strutture turistiche che potranno beneficiare dell’agevolazione per i progetti di riqualificazione.

Grazie alla legge numero 83 del 2014, e in particolare all’articolo 10, gli imprenditori del settore turistico hanno diritto a un credito di imposta del 65% sui costi sostenuti per la ristrutturazione edilizia fino a un massimo di 200.000 euro. L’impianto attuale è il risultato delle modifiche apportate con la Legge di Bilancio del 2017 che ha innalzato il valore del bonus dal 30% al 65% e ha incluso tra le strutture beneficiarie anche quelle termali.

L’obiettivo, come si legge anche nel testo di legge, è quello di “Migliorare la qualità dell’offerta ricettiva per accrescere la competitività delle destinazioni turistiche con l’obiettivo di rendere più competitivo il turismo del nostro Paese”.

PDF - 246.5 Kb
Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo - Graduatoria Tax credit alberghi 2019
Scarica la graduatoria dei beneficiari ammessi a fruire del tax credit alberghi 2019.

Tax credit alberghi 2019: la graduatoria degli ammessi

E infatti grazie al tax credit alberghi 2019, strutture turistiche e alberghiere di tutta Italia, che hanno presentato richiesta entro i termini stabiliti, potranno avere accesso a un credito di imposta del 65% per le spese di riqualificazione sostenute.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo il 5 luglio ha pubblicato la graduatoria con l’elenco di tutti i beneficiari ammessi e con le cifre che spettano ad ognuno.

Lo scorso febbraio le strutture alberghiere interessate a fruire di questa agevolazione fiscale hanno presentato al Ministero, tramite una procedura online, la domanda di accesso specificando le spese di riqualificazione sostenute.

I costi ammissibili sono quelli che rientrano nelle seguenti categorie:

  • ristrutturazione edilizia;
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • incremento dell’efficienza energetica;
  • acquisto di mobili e componenti d’arredo destinati esclusivamente agli immobili oggetto degli interventi di ristrutturazione.

Tax credit alberghi 2019, la graduatoria degli ammessi: come utilizzare il credito d’imposta

Come indicato anche nella graduatoria con l’elenco degli ammessi a beneficiare del Tax credit alberghi 2019, il credito di imposta riconosciuto viene ripartito in due quote annuali dello stesso importo.

Le strutture possono beneficiarne utilizzandolo in compensazione tramite modello F24 e con modalità telematiche: il codice tributo da utilizzare indicato dall’Agenzia delle Entrate è 6850 - “Credito d’imposta per la riqualificazione delle imprese alberghiere - d.m. 7 Maggio 2015”.

I contribuenti, inoltre, devono indicare il credito di imposta nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo in cui viene concesso.

Come specifica la norma di riferimento, il suo valore non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini IRAP, non rileva ai fini della determinazione della quota di interessi passivi deducibile dal reddito d’impresa, ai sensi dell’art. 61 del TUIR e non ha impatto sulla determinazione della quota di spese e altri componenti negativi diversi dagli interessi passivi, deducibile dal reddito d’impresa.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it