Otto per mille: il 1° ottobre la scadenza per la domanda di contributo 2018

Francesco Oliva - Irpef

La domanda l'accesso al contributo otto per mille 2018 gestito dallo Stato dovrà essere presentata entro la scadenza del 1° ottobre.

Otto per mille: il 1° ottobre la scadenza per la domanda di contributo 2018

Per accedere al contributo dell’otto per mille Irpef gestito dallo Stato bisognerà presentare domanda entro il 1° ottobre 2018.

A ricordare l’avvicinarsi del termine per accedere al riparto del contributo statale è il Dipartimento per il coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Le domande in scadenza il 1° ottobre riguardano l’accesso al contributo otto per mille Irpef 2018 relativo alle categorie “Fame nel mondo”, “Calamità naturali”, “Assistenza ai rifugiati e ai minori stranieri non accompagnati” e “Conservazione di beni culturali”.

Otto per mille: il 1° ottobre la scadenza per la domanda di contributo 2018

A ricordare l’imminente scadenza per l’invio della domanda per l’accesso al contributo dell’otto per mille Irpef gestito dallo Stato è anche l’Agenzia delle Entrate, tramite il proprio quotidiano online FiscoOggi.

L’avviso pubblicato sul sito del Dipartimento specifica che ad esser interessate dal termine del 1° ottobre 2018 saranno le istanze relative alle seguenti categorie:

  • Fame nel mondo;
  • Calamità naturali;
  • Assistenza ai rifugiati e ai minori stranieri non accompagnati;
  • Conservazione di beni culturali.

Le modalità per l’invio delle domande di accesso al contributo otto per mille Irpef 2018 sono quelle previste dal DPR 76/1998 (Regolamento recante criteri e procedure per l’utilizzazione della quota dell’otto per mille dell’Irpef devoluta alla diretta gestione statale).

Come fare domanda

Le domande di accesso al contributo Irpef gestito dallo Stato dovranno essere presentate a mezzo raccomandata o tramite PEC alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ai sensi di quanto previsto dall’articolo 6 del DPR 76/1998 le domande dovranno essere redatte in bollo, in conformità ai modelli riportati nell’Allegato A del decreto.

Tra i dati da inserire nella domanda bisognerà indicare il soggetto richiedente, l’intervento da realizzare, nonché il costo totale, l’importo del contributo richiesto e il responsabile tecnico della gestione dell’intervento.

Otto per mille 2018, erogazione contributo Edilizia Scolastica e Beni Culturali

Per quanto riguarda la categoria dell’Edilizia Scolastica, l’avviso pubblicato dal Dipartimento ricorda che per effetto delle novità introdotte dalla legge sulla Buona Scuola non dovranno essere presentate le domande di accesso all’otto per mille 2018.

Questo perché le risorse statali relative ai progetti di edilizia scolastica saranno destinate agli interventi che si rendono o si sono resi necessari a seguito di eventi eccezionali e imprevedibili (individuati ogni nano con decreto MIUR e in base dei dati contenuti nell’Anagrafe dell’edilizia scolastica).

Sarà quindi gestita direttamente dal MIUR la procedura di assegnazione del contributo otto per mille Irpef.

Per quel che riguarda, invece, le risorse della quota dell’otto per mille di cui alle dichiarazioni dei redditi dal 2016 al 2025 destinate alla Conservazione dei beni culturali, l’importo sarà assegnato agli interventi di ricostruzione o restauro dei beni culturali danneggiati o distrutti dopo gli eventi sismici verificatisi dal 24 agosto 2016 nel Centro Italia.