Dimissioni online, come funziona la nuova delega a prova di privacy?

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Dimissioni online, come funziona la nuova delega a prova di privacy? Le novità illustrate dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali nella nota numero 3575 del 2020. In arrivo dal 15 novembre un nuovo modulo che dovrà essere sottoscritto dal lavoratore e dall'operatore prima dell'invio telematico.

Dimissioni online, come funziona la nuova delega a prova di privacy?

Dimissioni online, come funziona la nuova delega a prova di privacy? Come si legge nella nota numero 3575 del 9 novembre 2020 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, il servizio telematico si arricchisce di due nuove funzionalità per potenziare la protezione dei dati personali dei lavoratori che interrompono i loro rapporti lavorativi.

L’input a inserire i due accorgimenti, una nuova procedura per la delega attiva dal 15 novembre 2020 e un accesso limitato da parte degli operatori alle dimissioni inviate, arriva dal Garante per la privacy.

Dimissioni online, novità su delega e consultazione degli invii per migliorare la privacy

A motivare l’introduzione delle nuove funzioni nel servizio telematico per le dimissioni online è lo stesso Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali:

“Il Garante, a fronte di una segnalazione proveniente da un Soggetto Abilitato, ha ritenuto che alcune funzionalità di ricerca assegnate proprio ai soggetti abilitati violassero la tutela dei dati personali e pertanto ha richiesto che i soggetti abilitati potessero accedere ai dati riguardanti gli assistiti dai quali abbiano ricevuto esplicito mandato in tal senso”.

Così si legge nella nota numero 3575 del 9 novembre 2020.

Due sono le modifiche introdotte:

  • un operatore rappresentante di un soggetto abilitato può consultare solo le dimissioni inviate personalmente e può ricercarle solo inserendo uno specifico codice rilasciato al momento della comunicazione;
  • dal 15 novembre 2020 si introduce la sottoscrizione di una delega che il lavoratore e l’operatore che lo assiste dovranno sottoscrivere prima della comunicazione di dimissione (o risoluzione consensuale o revoca) telematica.

Dimissioni online, come funziona la nuova delega a prova di privacy?

Alla luce delle modifiche introdotte sulla delega necessaria per le dimissioni online, l’operatore dovrà seguire la procedura delineata come segue dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali:

  • scaricare dalla homepage dell’applicazione dedicata un modulo PDF con i propri dati identificativi preimpostati;
  • stampare il modulo, indicare i dati anagrafici del lavoratore;
  • entrambi, lavoratore e operatore, devono sottoscrivere il documento;
  • compilare il modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca;
  • digitare in un nuovo campo il codice PIN a 13 cifre numeriche mostrato nella delega cartacea sotto il codice a barre;
  • salvare il modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca, operazione possibile solo inserendo il PIN.

A garantire la tutela della privacy è proprio il codice a 13 cifre che risulta valido solo nel giorno di emissione ed è utilizzabile per un solo modulo di dimissioni volontarie, risoluzione consensuale o revoca.

Il Ministero, inoltre, mette in guardia:

“Sarà responsabilità dell’operatore del soggetto abilitato conservare la delega cartacea sottoscritta dal lavoratore e collegata al modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca trasmesso”.

Tutti i dettagli nel testo integrale della nota numero 3575 del 9 novembre 2020.

Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali - Nota numero 3575 del 9 novembre 2020
Dimissioni telematiche. Gestione “delega cartacea”.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network