Dichiarazioni precompilate 2021: le specifiche tecniche si adeguano a superbonus e sismabonus

Tommaso Gavi - Dichiarazioni e adempimenti

Dichiarazioni precompilate 2021, tre provvedimenti dell'Agenzia delle Entrate del 19 febbraio 2021 adeguano le specifiche tecniche dei tracciati in linea con le novità fiscali relative al superbonus 110 per cento, al sismabonus e alle donazioni agli enti del Terzo Settore.

Dichiarazioni precompilate 2021: le specifiche tecniche si adeguano a superbonus e sismabonus

Dichiarazioni precompilate 2021, le specifiche tecniche dei tracciati vengono modificate per adeguarli alle novità fiscali.

Come stabilito dagli specifici provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate del 19 febbraio 2021, ad essere ritoccati sono i tracciati di ristrutturazioni edilizie e premi assicurativi che erano stati approvati in precedenza.

Le modifiche sono state ritenute necessarie per adeguare le dichiarazioni alle novità della comunicazione relativa al superbonus 110 per cento e al sismabonus.

Vengono inoltre fornite le istruzioni relative alle modalità tecniche per la trasmissione dei dati che riguardano le donazioni a favore degli enti del Terzo Settore.

Tali cambiamenti sono introdotti in linea con il parere favorevole che è stato acquisiti dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Dichiarazioni precompilate 2021: le specifiche tecniche si adeguano a superbonus e sismabonus

Con gli specifici provvedimenti approvati dall’Agenzia delle Entrate il 19 febbraio 2021 vengono modificata le specifiche tecniche delle dichiarazioni precompilate 2021.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento del 19 febbraio 2021
Comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali. Modifiche al Provvedimento n. 19969 del 27 gennaio 2017.

Le modifiche ai tracciati sono ritenute necessarie per allinearli alle novità in tema di superbonus 110 per cento e sismabonus.

Un primo provvedimento sui lavori edilizio contiene le novità per l’adeguamento del flusso dei dati alle novità delle norme sugli interventi agevolati, primo fra tutti quello introdotto dagli articoli 119 e 121 del decreto Rilancio.

Nello specifico viene rimossa la sezione relativa all’opzione per la cessione del credito e lo sconto in fattura: la scelta deve essere infatti comunicata all’Agenzia delle Entrate con un apposito modello.

Oltre alla rimozione è prevista un aggiunta di specifichi campi che consentano di distinguere le diverse tipologie di interventi agevolati.

Un altro provvedimento dello stesso giorno concentra le sue modifiche sulla comunicazione di contratti e premi assicurativi.

Questo secondo intervento dell’Agenzia delle Entrate adegua le specifiche tecniche a quanto previsto dal decreto Rilancio sul sismabonus.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento del 19 febbraio 2021
Comunicazioni all’anagrafe tributaria dei dati relativi ai contratti assicurativi e ai premi assicurativi. Modifiche al provvedimento n. 160381 del 16 dicembre 2014.

In particolare, viene inserito il campo “Polizza assicurativa rischio eventi calamitosi con cessione credito”.

Tale sezione si rende necessaria per acquisire l’informazione relativa alla detrazione fiscale da applicare per le polizze sulle calamità.

Per gli interventi che rientrano nel sismabonus, in caso di cessione del credito d’imposta ad un’impresa di assicurazione e di stipula di una polizza che copre il rischio di eventi calamitosi, la detrazione del relativo premio spetta nella misura del 90%.

Viene inoltre inserito il campo “Polizza assicurativa con contratto modulare”, che permette di individuare e gestire i nuovi contratti di assicurazione a moduli. Tali contratti permettono al contraente di attivare o di disattivare specifiche garanzie danni e vita in maniera flessibile (anche successivamente alla stipula del contratto).

Dichiarazioni precompilate 2021: le regole per la comunicazione dei dati delle donazioni agli enti del Terzo Settore

Nella stessa giornata del 19 febbraio 2021, l’Agenzia delle Entrate approva un terzo provvedimento direttoriale.

Agenzia delle Entrate - Provvedimento del 19 febbraio 2021
Comunicazione all’anagrafe tributaria dei dati relativi alle erogazioni liberali ai sensi del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 3 febbraio 2021.

In questo caso vengono stabilite le regole per la trasmissione telematica all’Amministrazione finanziaria dei dati che si riferiscono alle donazioni effettuate in favore degli enti del Terzo Settore.

Tali regole erano state stabilite sperimentalmente ed in modo facoltativo con decreto del MEF del 30 gennaio 2018, per gli anni d’imposta 2017, 2018 e 2019.

Il decreto in questione rimandava ad un successivo decreto le indicazioni relative ai termini e alle modalità di invio successive alla fase sperimentale.

Il decreto del MEF del 3 febbraio 2021 ha quindi regolamentato la trasmissione dei dati relativi alle erogazioni liberali agli enti del Terzo Settore a partire dall’anno d’imposta 2020.

Per l’anno di imposta 2020 l’invio telematico è facoltativo mentre diviene obbligatorio a partire dal 2021, per i soggetti di dimensioni rilevanti con entrate o ricavi superiori ad un milione.

Dall’anno di imposta 2022, inoltre saranno obbligati anche i soggetti di medie dimensioni, per i quali i ricavi o le entrate superano i 220 mila euro.

Tuttavia viene specificato che il decreto stabilisce l’obbligo di comunicazione solo dei dati delle erogazioni liberali effettuate da donatori continuativi, che hanno fornito all’ente i propri dati anagrafici.

Sono inoltre obbligati anche gli altri donatori se dal pagamento risulta il codice fiscale del soggetto erogante.

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate conferma le modalità di trasmissione e le misure per la tutela dei diritti dei contribuenti che non intendono far conoscere al soggetto dichiarante le proprie spese.

L’opzione può essere scelta mediante l’opposizione all’inserimento nella dichiarazione precompilata dei dati relativi alle donazioni.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network