Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: previsto bonus di 600 euro

Rosy D’Elia - Leggi e prassi

Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: previsto bonus di 600 euro anche per chi ha rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche. Al contributo è dedicato l'articolo 96 del DL Cura Italia del 17 marzo 2020.

Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: previsto bonus di 600 euro

Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: anche chi ha rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche ha diritto a ricevere il bonus di 600 euro per il mese di marzo.

Il contributo, riconosciuto una tantum, con molta probabilità sarà “replicato” nel Decreto Aprile, il pacchetto di misure che il governo ha annunciato per il prossimo mese.

Ad anticiparlo è stata la stessa ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo durante la conferenza stampa di presentazione del DL Cura Italia, che dedica l’articolo 96 proprio a chi opera nel mondo dello sport.

Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: previsto bonus di 600 euro

50 milioni di euro sono le risorse destinate a Sport e Salute SpA per garantire l’indennità ai collaboratori sportivi in questo mese di stop dovuto all’emergenza coronavirus.

Nel testo, pubblicato in Gazzetta Ufficiale e in vigore dal 17 marzo, si legge:

“L’indennità di cui all’articolo 27 è riconosciuta da Sport e Salute S.p.A., nel limite massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020, anche in relazione ai rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche, di cui all’art. 67, comma 1, lettera m), del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, già in essere alla data del 23 febbraio 2020”.

Il bonus non concorre alla formazione del reddito. L’intervento ad hoc per il mondo dello sport nasce per tutelare i collaboratori sportivi che non essendo iscritti alla gestione separata INPS non avrebbero potuto accedere al bonus 600 euro previsto dall’articolo 27 richiamato.

Coronavirus, indennità collaboratori sportivi: come richiedere il bonus di 600 euro

Possono richiedere il contributo per il mese di marzo coloro che, alla data del 23 febbraio 2020, hanno in corso rapporti di collaborazione presso:

  • federazioni sportive nazionali;
  • enti di promozione sportiva;
  • società e associazioni sportive dilettantistiche.

Gli interessati dovranno presentare alla società Sport e Salute la domanda e la documentazione necessaria per certificare i due requisiti fondamentali:

  • preesistenza del rapporto di collaborazione;
  • mancata percezione di altro reddito da lavoro.

Le richieste del bonus di 600 euro saranno gestite dall’ente in ordine cronologico, tenendo conto anche dell’elenco delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini sportivi ricevuto dal CONI, Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Per conoscere le modalità di presentazione della domanda, i collaboratori sportivi interessati dovranno attendere il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze da adottare entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del DL Cura Italia, il 17 marzo.

In attesa delle indicazioni, Sport e Salute ha attivato un indirizzo email dedicato [email protected] per fornire il supporto necessario.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it