Contributi a fondo perduto 2022, pagamento ancora lontano: la macchina organizzativa è ferma

Rosy D’Elia - Fisco

Contributi a fondo perduto 2022: il pagamento delle somme previste dal Decreto Sostegni ter per le imprese maggiormente colpite dalla pandemia sembra ancora molto lontano. Dall'approvazione del pacchetto di aiuti è passato più di un mese ma la macchina organizzativa è ancora ferma.

Contributi a fondo perduto 2022, pagamento ancora lontano: la macchina organizzativa è ferma

Contributi a fondo perduto 2022: il pagamento è ancora lontano, si procede a rilento verso l’erogazione dell’ultima tornata di aiuti messa in campo con il Decreto Sostegni ter.

Il DL n. 4 del 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 27 gennaio: è passato più di un mese e la macchina organizzativa, necessaria per riconoscere gli importi previsti alle imprese particolarmente colpite dalla pandemia, è ancora ferma.

Nessun passo verso la concretezza è stato fatto.

Contributi a fondo perduto 2022, pagamento ancora lontano: ferma la macchina organizzativa

“Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico” è questo il nome del Decreto Sostegni ter, che ha ottenuto il via libera durante il Consiglio dei Ministri del 21 gennaio 2022.

È un nome che somiglia a tanti altri approvati dall’inizio della pandemia: nella definizione c’è il carattere di urgenza delle novità introdotte e c’è la necessità di fornire un sostegno ai soggetti maggiormente colpiti dai due anni di pandemia, secondo la via consolidata dei contributi a fondo perduto.

Il testo è arrivato dopo una nuova accelerata della crisi sanitaria che ha fatto sentire in maniera rilevante i suoi effetti anche dal punto di vista economico. Già durante la conferenza stampa del 10 gennaio 2022 il presidente del Consiglio Mario Draghi affermava:

“Stiamo facendo tutti una riflessione per cercare di affrontare nella maniera più soddisfacente i bisogni di sostegno che possono essere determinati da questa ripresa della pandemia, per cui non escludo che si trovino altre risorse”.

Alle riflessioni e alle parole, quindi, sono seguiti i fatti. Ma solo in teoria. È paradossale, ma vero.

Sulla carta è stato approvato un pacchetto di aiuti che, seppure esiguo in termini di risorse rispetto ai precedenti, ha un ampio raggio di azione.

Ad attendere i contributi a fondo perduto del Decreto Sostegni ter è un’ampia platea di beneficiari che operano nei settori maggiormente colpiti dagli effetti economici negativi:

  • discoteche e sale da ballo chiuse fino al 31 gennaio 2022 per effetto delle restrizioni introdotte con il Decreto Natale, termine poi allungato al 10 febbraio;
  • attività di commercio al dettaglio con fatturato fino a 2 milioni di euro nel 2019;
  • parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici;
  • attività di organizzazione di feste e cerimonie, wedding, hotellerie, ristorazione, catering, bar-caffè e gestione di piscine;
  • associazioni e società sportive.

Contributi a fondo perduto 2022, cosa manca per arrivare al pagamento degli aiuti?

Nella pratica la macchina organizzativa per riconoscere gli importi a chi ne ha diritto non è stata ancora messa in moto.

IL DL n. 4 del 21 gennaio 2022 ha agito in due direzioni:

  • ha ampliato o riproposto contributi a fondo perduto già esistenti,
  • ne ha introdotti di nuovi.

E in diversi casi, per essere erogati gli aiuti hanno bisogno, prima di tutto, di un decreto attuativo per diventare concreti e tangibili.

Riferimento normativo Oggetto del provvedimento Tipologia di provvedimento
D.L. 4/2022, art. 3, comma 1 Termini e modalità di erogazione dei sostegni economici in favore dei parchi tematici acquari, parchi geologici e giardini zoologici, particolarmente colpiti dall’emergenza epidemiologica Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
D.L. 4/2022, art. 2, comma 4 Termini e modalità per la concessione dei contributi di cui al fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio, nei limiti e nel rispetto della disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato Decreto Ministeriale, MISE
D.L. 4/2022, art. 9, comma 3 Termini e modalità l’erogazione dei contributi in favore delle società e associazioni dilettantistiche che gestiscono impianti per l’attività natatoria. Decreto Ministeriale, Autorità politica delegata in materia di
sport
D.L. 4/2022, art. 8, comma 4 Termini e modalità di riparto del fondo per il sostegno della cultura Decreto Ministeriale, Ministero dell’interno e Ministero dell’economia e delle finanze

In questo primo mese di vita del Decreto Sostegni ter, solo un provvedimento attuativo dei 18 previsti in totale è stato approvato e non pone le basi per effettuare il pagamento dei contributi a fondo perduto, ma riguarda l’acquisto di mascherine FFP2 da destinare alle scuole.

E c’è di più, anche nei casi in cui il testo non ha rimandato direttamente la definizione di termini e modalità di accesso agli aiuti a un decreto attuativo l’attesa per ricevere gli aiuti resta molto lunga.

Solo per fare un esempio, per i contributi a fondo perduto 2022 per il settore dell’intrattenimento e della ristorazione, che si aggiungono a quelli già introdotti in origine dal precedente DL Sostegni, non c’è un nuovo decreto da emanare, ma quello originario è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale solo il 19 febbraio.

E da luglio manca ancora un ultimo passaggio: le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate per procedere con le domande relative al 2021.

Senza istruzioni e dettagli sulle modalità di erogazione, gli aiuti non esistono, se non sulla carta.

Se si considerano solo i tempi necessari per avviare le domande, verificare i requisiti e approvare le richieste, i contributi a fondo perduto appaiono molto lontani e l’attesa per il pagamento molto lunga. Ancora più lunga, se si considera che nel caso del DL Sostegni ter il sistema per riconoscere i benefici ai destinatari non è stato neanche avviato.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network