Fattura elettronica: tutte le modalità di ricezione

Ricezione fattura elettronica: ecco come ricevere i file xml nelle diverse modalità.

Fattura elettronica: tutte le modalità di ricezione

La ricezione della fattura elettronica in formato xml è un tema particolarmente importante in questo momento storico; com’è noto, infatti, dal prossimo 1° gennaio 2019 la fatturazione elettronica diventerà obbligatoria anche fra soggetti privati.

A questo proposito, è bene arrivare preparati all’appuntamento, senza sperare in possibili proroghe.

Analizziamo insieme quali sono dunque le modalità di ricezione della fattura elettronica oggi disponibili ovvero:

  • ricezione via pec;
  • ricezione via hub o software privato di mercato con codice destinatario;
  • ricezione tramite il sistema fatture e corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate.

Come ricevere la fattura elettronica in formato xml via pec

La modalità di ricezione apparentemente più semplice della fattura elettronica in formato xml è quella via pec.

La ricezione della fattura elettronica via pec può essere attivata utilizzando innanzitutto un indirizzo di posta elettronica certificata gestito da un soggetto iscritto nell’apposito elenco pubblico gestito dall’AgID, disciplinato dagli articoli 14 e 15 del d.p.r. 68/2005 ovvero del “Regolamento recante disposizioni per l’utilizzo della posta elettronica certificata, a norma dell’art. 27 della legge 16 gennaio 2003, n. 3”.

Solo per il primo invio il contribuente che intende ricevere le fatture elettroniche via pec deve scrivere una mail all’indirizzo di PEC generico del Sistema di Interscambio ovvero [email protected]. L’Agenzia delle Entrate è intervenuta proprio ieri su questo tema con un aggiornamento alle specifiche tecniche in ordine all’invio telematico delle fatture elettroniche.

Dagli invii successivi al primo, invece, il contribuente - essendo stato riconosciuto tramite il primo invio come soggetto che invia fatture elettroniche in formato xml via pec - riceve un ulteriore indirizzo PEC del SdI, diverso da quello generico, che da quel momento in poi rappresenta il riferimento specifico che il contribuente dovrà utilizzare per i successivi invii.

Il vantaggio della ricezione della fattura elettronica via pec è senza dubbio quello della semplicità - quantomeno concettuale - della procedura (ricezione mail, download file xml e successivo import su gestionale amministrativo).

Tuttavia, questa modalità di ricezione della fattura elettronica in formato xml via pec presenta diversi svantaggi ovvero:

  • nessuna integrazione diretta possibile tra il flusso dati xml ed il gestionale aziendale o di studio;
  • problemi di ricezione e consegna della fattura in caso di pec piena;
  • appesantimento della procedura di gestione amministrativa (obbligo di fare doppio passaggio download file xml e successivo upload su altro software; per non parlare poi delle esigenze di gestione aziendale interna che potrebbero comunque portare - in determinati casi - a stampare comunque la fattura in versione cartacea).

La detrazione dell’IVA della fattura ricevuta via pec decorre dalla data di ricezione attestata al destinatario dai canali telematici di ricezione.

La conservazione a norma di legge della fattura elettronica ricevuta via pec deve avvenire, invece, previa sottoscrizione dell’accordo con l’Agenzia delle Entrate.

Come ricevere la fattura elettronica via hub con codice destinatario

L’altra modalità di ricezione della fattura elettronica in formato xml - che a regime rappresenterà la vera grande innovazione per tutto il sistema imprenditoriale - è quella via hub o software di mercato.

In questo caso, infatti, il soggetto ricevente si fa recapitare la fattura elettronica direttamente dentro un hub collegato al proprio gestionale aziendale o di studio, previa comunicazione del cd codice destinatario alla controparte.

La detrazione IVA in questo caso decorre dalla data di ricezione attestata al destinatario dai canali telematici di ricezione.

La conservazione a norma di legge, infine, verrebbe (normalmente) garantita dallo stesso provider del servizio.

Come ricevere la fattura elettronica all’interno dell’area fatture e corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate

La ricezione della fattura elettronica può avvenire anche mediante il portale fatture e corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate.

Tuttavia, per questo tipo di modalità non sono ancora chiari tutti gli aspetti operativi, quindi ci riserviamo di pubblicare un successivo approfondimento sul tema.