Bonus asilo nido 2017, integrazione domanda fino al 31 marzo 2018

Anna Maria D’Andrea - Leggi e prassi

Fino al 31 marzo 2018 sarà possibile effettuare l'integrazione dei documenti relativi alle domande di bonus asilo nido 2017 con le spese relative ai mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre. Ecco come fare.

Bonus asilo nido 2017, integrazione domanda fino al 31 marzo 2018

Bonus asilo nido: nuova funzionalità introdotta dall’INPS per l’integrazione delle domande inviate nel 2017.

A comunicarlo è lo stesso Istituto che, con il messaggio n. 952 del 1° marzo 2018 comunica che sarà possibile modificare le domande di bonus nido relative al contributo di 1.000 euro del 2017 fino al 31 marzo 2018.

Si tratta di una data da tenere bene a mente in quanto consentirà a chi non aveva richiesto il contributo per la frequenza dell’asilo nido per i mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre 2017 di allegare i documenti necessari.

Di seguito tutte le istruzioni fornite dall’Inps e come fare per integrare la domanda del bonus asilo nido inviata nel 2017.

Bonus asilo nido 2017, integrazione domanda fino al 31 marzo 2018

Come ormai noto in favore delle famiglie con figli iscritti all’asilo nido, a partire dal 1° gennaio 2017 è stato introdotto un bonus di importo massimo pari a 1.000 euro a titolo di sostegno economico statale per il pagamento delle rette.

L’importo del bonus non è pari a 1.000 euro per tutti ma è calcolato sulla base dei mesi di frequenza del nido.

Nella circolare dell’INPS con la quale venivano fornite le istruzioni per presentare domanda nel 2017, erano state stabilite due diverse modalità di presentazione e gestione delle istanze:

  • una relativa ai minori iscritti all’asilo nido tra gennaio e luglio 2017, mesi per i quali il richiedente era già in possesso della documentazione di spesa, in quanto era stato possibile presentare domanda soltanto a partire dal 17 luglio;
  • l’altra relativa al minore iscritto all’asilo nido per il periodo compreso tra settembre e dicembre 2017.

Per i documenti da allegare relativi alle rette pagate tra settembre e dicembre c’era tempo fino al 31 dicembre 2017 ma molti genitori, non entrati in possesso in tempo dei documenti necessari, hanno presentato istanza di riesame all’INPS chiedendo di poter allegare la documentazione richiesta e beneficiare del bonus asilo nido.

La possibilità di integrare la domanda grazie alla funzione di integrazione fornita dall’INPS arriva proprio a tal fine, di modo da consentire ai genitori di modificare l’istanza e di allegare i documenti di spesa relativi ai mesi di settembre, ottobre, novembre e dicembre 2017, anche per chi avesse omesso di indicare le relative mensilità in domanda.

La procedura per integrare le domande di bonus asilo nido 2017 sarà aperta dal 2 marzo al 31 marzo 2018. Vediamo di seguito come fare.

Modalità integrazione domanda bonus nido

Per poter richiedere il bonus asilo nido anche per le mensilità non indicate in precedenza bisognerà seguire la seguente procedura:

  • il cittadino potrà inserire le mensilità “aggiuntive” attraverso l’area riservata, accedendo al menù “Allegati Domande”;
  • dopo aver selezionato la domanda da integrare e la tipologia di documento da inserire (es: Fattura), saranno visibili, oltre a tutti i mesi già richiesti in domanda, i mesi (“settembre”, “ottobre”, “novembre” e “dicembre”) non inseriti all’atto della domanda (in rosso), dando così la possibilità di allegare la relativa documentazione di spesa.

Per inserire le mensilità aggiuntive con riferimento a domande che risultino già in stato “respinta”, sarà necessario inviare una motivata richiesta di variazione tramite la funzione “allega nuovo documento su respinta”, presente nel menù “invio richiesta di variazione”.

Una volta ripristinato lo stato “da istruire”, il richiedente potrà procedere ad allegare la documentazione relativa ai mesi non indicati in domanda con le modalità sopra descritte.

Come sottolineato dall’INPS, la documentazione relativa alle domande di bonus asilo nido per l’anno 2017 potrà essere effettuata fino alla scadenza del 31 marzo 2018. In caso contrario non sarà più possibile richiedere gli arretrati.

Per conoscere, invece, tutte le istruzioni relative al bonus asilo nido 2018 si consiglia di consultare l’approfondimento dedicato.