Bando Marchi +3, MISE: sospensione delle domande per esaurimento fondi

Gabriella Napolitano - Incentivi alle imprese

Si è aperto il 10 giugno 2020 il termine per la presentazione delle domande relative al Bando Marchi+3. A seguito delle numerose domande pervenute, nella stessa mattina del 10 giugno, il Direttore Generale dell'UIBM ha decretato la sospensione delle domande per esaurimento delle risorse.

Bando Marchi +3, MISE: sospensione delle domande per esaurimento fondi

Bando marchi +3: la misura agevolativa prevista dal MISE attraverso la Direzione Generale per la tutela della Proprietà Industriale - UIBM, che mira a supportare le PMI nella tutela dei marchi all’estero, ha subìto una immediata battuta d’arresto a causa dell’esaurimento dei fondi in conseguenza dell’elevato numero delle domande presentate.

L’apertura dei termini per presentare domanda è stata prevista a partire dalle ore 9:00 del 10 giugno 2020.

Tuttavia, alle ore 9:21:38 è stata sospesa la procedura per l’acquisizione del protocollo on line necessario al fine di procedere alla compilazione e all’invio della domanda.

La notizia è stata prontamente pubblicata sul sito del MISE e sul portale www.marchipiu3.it dove nel giro di pochi minuti sono pervenute 1.768 richieste, un numero di domande tale da esaurire il finanziamento complessivo stanziato di 3,5 milioni di euro.

Il Decreto Direttoriale che ha disposto la sospensione, divulgato sul sito del MISE, sarà ora pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana Serie Generale.

Bando Marchi+3: al via l’istruttoria sulle domande accolte

A fronte dei 1768 protocolli prenotati, si attendono ora altrettante domande che i richiedenti dovranno perfezionare entro i cinque giorni successivi alla ricezione del numero di protocollo collegato alla richiesta.

In base a quanto stabilito nell’art. 9 del Bando Marchi +3 MISE, le domande presentate saranno prese in gestione da Unioncamere, e valutate secondo l’ordine cronologico del protocollo on line.

L’istruttoria verterà anzitutto sulla verifica della regolarità formale e della completezza della domanda di agevolazione, nonché sulla sussistenza dei requisiti e sulle condizioni di ammissibilità previste dal Bando.

Sulla base della documentazione prodotta, si valuterà inoltre la coerenza e la congruità delle spese sostenute per l’acquisizione dei servizi previsti dalle singole Misure.

L’istruttoria si concluderà con l’adozione di un provvedimento che verrà comunicato all’impresa entro il termine di 120 giorni dalla data di assegnazione del protocollo attribuito mediante compilazione del form on line.

Bando Marchi +3: l’annuncio sulla programmazione di nuovi fondi

Considerata la grande partecipazione al bando, il Ministero rassicura che

al fine di soddisfare quanto più possibile le richieste nell’ambito di questa misura di incentivi, sarà adottato a breve un decreto di programmazione di nuovi fondi per assegnare ulteriori risorse all’intervento in modo da aprire al più presto possibile lo sportello e consentire la presentazione di ulteriori domande

Si ricorda che il bando Marchi+3 era già stato attivato lo scorso anno (2019) con uno stanziamento di 6.027.640,02 euro, e data l’ampia adesione che già allora aveva determinato l’esaurimento dei fondi in poco tempo e la conseguente sospensione dell’acquisizione del protocollo online, si era resa necessaria un’ulteriore dotazione di 3.516.745,92 euro.

L’incentivo viene riconosciuto per due tipologie di interventi:

  • agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici;
  • agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

Ad oggi, non resta dunque che attendere l’assegnazione da parte del Ministero di nuovi fondi al fine, da un lato, di soddisfare le domande presentate a valere sul medesimo bando per le quali - alla data del 10 giugno 2020 - è stato attribuito il numero di protocollo on line e che potrebbero non trovare copertura finanziaria con le risorse originariamente stanziate, dall’altro, di procedere all’acquisizione di nuove domande per fornire un supporto concreto alle micro, piccole e medie imprese sostenendone la capacità innovativa e competitiva, sia in Italia che all’estero.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it