Agenzia delle Entrate di Lodi, inviate 13.000 cartelle per prestazioni sanitarie già pagate

Francesco Rodorigo - Sanità

Il Codacons Lombardia fa sapere che a Lodi sono state inviate dall'Agenzia delle Entrate, per conto dell'Associazione Socio Sanitaria Territoriale, circa 13.000 cartelle di pagamento per prestazioni sanitarie che risultano già saldate. Quasi 4.000 sono già state stralciate ma l'Associazione invita a prestare attenzione.

Agenzia delle Entrate di Lodi, inviate 13.000 cartelle per prestazioni sanitarie già pagate

Agenzia delle Entrate di Lodi, sono state inviate circa 13.000 cartelle di pagamento per prestazioni sanitarie già saldate.

Lo segnala il Codacons Lombardia tramite il comunicato stampa del 1° agosto 2022.

Le cartelle sarebbero state inviate, per conto dell’Associazione Socio Sanitaria Territoriale di Lodi, a causa di un errore nelle banche dati.

Queste farebbero riferimento a presunte prestazioni sanitarie effettuate a partire dal 2012 e non saldate dai pazienti.

Grazie alle molteplici segnalazioni sono già state stralciate quasi 4.000 cartelle ma il Codacons Lombardia invita i cittadini a prestare attenzione e a controllare bene le richieste di pagamento.

Agenzia delle Entrate di Lodi, inviate 13.000 cartelle per prestazioni sanitarie già pagate

L’Agenzia delle Entrate ha inviato, per conto dell’’Associazione Socio Sanitaria Territoriale di Lodi, circa 13.000 cartelle di pagamento per prestazioni sanitarie che in realtà sono già state pagate.

Si tratta infatti di cartelle per presunte prestazioni sanitarie effettuate a partire dal 2012 e non saldate dai pazienti, le quali in realtà sarebbero già state regolarizzate.

La causa per l’invio sarebbe imputabile a un errore nelle banche dati. L’ASST ha già stralciato quasi 4.000 cartelle in seguito alle numerose segnalazioni ricevute, ma il rischio è che molte persone potrebbero trovarsi, o addirittura aver già provveduto, a pagare di nuovo prestazioni già regolarmente pagate.

Il presidente del Codacons, Marco Donzelli, denuncia:

Non è la prima volta che si verificano situazioni di questo tipo, solo qualche settimana si verificò la stessa circostanza a Milano.

Il Codacons invita i cittadini a prestare molta attenzione e a controllare bene le richieste di pagamento ricevute, in quanto potrebbero essere state già saldate e quindi non dovute.

In caso di necessità o per eventuali segnalazioni è possibile scrivere a “[email protected]”.

Codacons Lombardia - Comunicato stampa del 1 agosto 2022
Codacons su “cartelle pazze” Lodi

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network