DdL concretezza, nel testo novità contro gli statali assenteisti e piano assunzioni

Alessio Mauro - Pubblica Amministrazione

Il DdL concretezza è stato approvato durante il Consiglio dei Ministri del 13 settembre 2018. Nel testo novità sui controlli contro gli statali assenteisti e nuovo piano assunzioni 2019-2020.

DdL concretezza, nel testo novità contro gli statali assenteisti e piano assunzioni

È stato approvato il DdL concretezza: il testo proposto dal Ministro della PA Giulia Grillo ha ottenuto il via libera dal Consiglio dei Ministri del 13 settembre 2018.

Le novità introdotte sono numerose ma nel testo del disegno di legge di riforma della Pubblica Amministrazione spicca soprattutto la nuova stretta contro gli statali assenteisti. Partono i controlli biometrici e i dipendenti pubblici potranno essere identificati tramite impronte digitali o dall’iride.

Non si tratta dell’unica novità prevista dal testo del DdL concretezza approvato il 13 settembre 2018, del quale è particolarmente attesa la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Tra le misure previste e già annunciate dal Ministro della PA Giulia Bongiorno vi è il nuovo piano di assunzioni che partirà a partire dal 2019. Particolarmente attesi, ora, i nuovi concorsi per i dipendenti statali che saranno assunti a tempo indeterminato in misura pari al 100% rispetto al personale di ruolo cessato.

DdL concretezza, nel testo novità contro gli statali assenteisti e piano assunzioni

A presentare le novità contenute nel testo del DdL concretezza è il comunicato stampa pubblicato dal Governo a margine del Consiglio dei Ministri del 13 settembre 2018.

L’intento del Ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno è quello di portare a pieno compimento la riforma della PA per gli statali partendo da una vera e propria lotta contro i “fannulloni”, meglio noti anche come furbetti del cartellino.

Il testo del disegno di legge per la concretezza è l’efficienza della Pubblica Amministrazione dà l’avvio ai nuovi controlli biometrici nei confronti dei dipendenti pubblici.

Per il controllo dei dipendenti statali tra le novità non vi sono soltanto le nuove procedure di riconoscimento tramite impronte digitali e iride, ma anche la previsione di installazione di telecamere di videosorveglianza negli uffici, per le quali è tuttavia atteso il via libera dell’Autorità Garante.

Di particolare importanza anche il nuovo piano di assunzioni nella PA, con concorsi pubblici che non dovranno essere una nuova “infornata” di dipendenti statali ma che dovranno garantire lo sblocco del turnover e contribuire all’efficienza e alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione.

A dichiararlo ancora prima dell’approvazione del DdL concretezza era stato il Ministro Bongiorno in un’intervista rilasciata al Sole24Ore e pubblicata sul sito ministeriale:

“L’ultima cosa che intendo fare è un’infornata di assunzioni - chiarisce subito il ministro, Giulia Bongiomo, anche per rispedire al mittente qualche polemica estiva- ma la Pa deve essere un asset del Paese, che dopo anni di tagli è invecchiato e si è paralizzato in settori strategici. Per questo non solo bisogna evitare nuove strette del turn over, permettendo il ricambio integrale dei 450 mila dipendenti pubblici in uscita nei prossimi tre anni, ma bisogna anticipare una quota di nuovi ingressi nei settori strategici.”

Le novità del DdL concretezza presentate dal Consiglio dei Ministri del 13 settembre 2018

Nell’attesa che venga pubblicato il testo del DdL concretezza, si riporta di seguito il comunicato stampa pubblicato il 13 settembre 2018 con il quale vengono riassunte le principali novità approvate dal Governo:

RIFORMA PER LA “CONCRETEZZA” DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo (disegno di legge – esame preliminare)

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, ha approvato, in esame preliminare, un disegno di legge che introduce interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo.

Il testo ha l’obiettivo di individuare soluzioni per garantire l’efficienza della pubblica amministrazione, il miglioramento dell’organizzazione amministrativa e l’incremento della qualità dei servizi forniti.

In particolare, si prevede l’istituzione, presso il Dipartimento della funzione pubblica, del “Nucleo delle azioni concrete di miglioramento dell’efficienza amministrativa”, con il compito di procedere alle rilevazioni dello stato e delle modalità di attuazione delle disposizioni in materia di funzionamento delle P.A. e della individuazione di eventuali misure correttive.

Nell’ottica dell’incremento della efficienza e della riduzione dei tempi di accesso al pubblico impiego, si prevedono, inoltre, assunzioni di personale a tempo indeterminato da parte delle amministrazioni dello Stato, delle agenzie e degli enti pubblici non economici, per una spesa pari al 100 per cento di quella relativa al personale di ruolo cessato nell’anno precedente.

Il testo approvato in via preliminare, verrà trasmesso per il previsto parere al Garante per la protezione dei dati personali e alla Conferenza unificata.

Di seguito si mette a disposizione il video della conferenza stampa del Consiglio dei Ministri n. 19 del 13 Settembre 2018 alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, con i Ministri Danilo Toninelli e Giulia Bongiorno: