DL Aiuti, rateizzazione cartelle veloce fino a 120.000 euro: dall’AdER i moduli di domanda

Anna Maria D’Andrea - Dichiarazioni e adempimenti

Rateizzazione delle cartelle veloce fino a 120.000 euro: arrivano dall'Agenzia delle Entrate Riscossione i moduli per fare domanda, alla luce delle novità previste dalla legge di conversione del Decreto Aiuti. Dal 18 luglio parte la procedura agevolata.

DL Aiuti, rateizzazione cartelle veloce fino a 120.000 euro: dall'AdER i moduli di domanda

Decreto Aiuti, parte la rateizzazione semplificata delle cartelle fino a 120.000 euro.

L’Agenzia delle Entrate Riscossione ha messo a disposizione da oggi, 18 luglio 2022, i moduli per fare domanda, alla luce delle novità previste dalla legge di conversione del decreto n. 50/2022.

È stata raddoppiata la soglia, precedentemente fissata a 60.000 euro, entro la quale per il contribuente non sarà necessario provare la situazione di difficoltà economica.

Meno documenti, ma anche ulteriori novità: aumenta il numero delle rate non pagate che comporta la decadenza dal piano di rateizzazione, passando da cinque a otto.

Viene inoltre resa definitiva la possibilità di compensazione dei debiti iscritti a ruolo con i crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione.

DL Aiuti, rateizzazione cartelle veloce fino a 120.000 euro: dall’AdER i moduli di domanda

La legge di conversione del Decreto Aiuti ha modificato sotto diversi profili l’istituto della rateizzazione delle cartelle, introducendo misure di semplificazione ma anche regole più ferme in caso di mancato pagamento.

Come illustrato dall’Agenzia delle Entrate Riscossione con il comunicato stampa del 18 luglio 2022, per le domande di dilazione presentate dal 16 luglio sale da 60.000 a 120.000 euro la soglia di debito entro la quale basterà una domanda semplice per il pagamento fino a 72 rate, 6 anni.

Raddoppia sostanzialmente la soglia entro la quale per la rateizzazione delle cartelle non sarà necessario presentare alcuna documentazione a riprova della temporanea situazione di difficoltà economica del contribuente. Una novità che si applicherà in relazione ad ogni singola istanza di rateazione.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate Riscossione è quindi disponibile la nuova modulistica per fare domanda e nei prossimi giorni sarà disponibile il servizio per inviare richiesta online, tramite la funzione “Rateizza adesso” disponibile per i contribuenti in possesso di SPID, CIE o CNS.

Agenzia delle Entrate Riscossione - comunicato stampa del 18 luglio 2022
DL Aiuti, online i modelli per le rateizzazioni semplificate fino a 120.000 euro

Rateizzazione cartelle, domanda semplificata e decadenza dopo 8 rate non pagate dal 16 luglio 2022

La legge di conversione del Decreto Aiuti ha previsto ulteriori novità in materia e, in parallelo alla domanda semplificata, debuttano dal 16 luglio le nuove regole in materia di decadenza.

Il piano di rateazione concesso verrà meno a seguito del mancato pagamento di otto rate, anche non consecutive, in luogo delle cinque previste fino al 15 luglio. Una misura “pro-contribuente” alla quale si affianca però la stretta per i morosi che, in caso di decadenza, non potranno nuovamente dilazionare il debito.

Resta ferma la possibilità di chiedere la dilazione del pagamento per altre cartelle/avvisi diversi da quelli per i quali è intervenuta la decadenza.

Le novità operative dal 16 luglio si affiancano alle misure previste in relazione all’emergenza sanitaria e, ricorda l’AdER, sono tutt’ora vigenti i termini di decadenza differenziati in ragione della data in cui è stata presentata domanda di rateizzazione.

In particolare, per i piani di dilazione in corso all’8 marzo 2022, ossia dall’inizio della sospensione Covid-19, è stato esteso a 18 il numero di rate che, in caso di mancato pagamento, determinano la decadenza dal beneficio. Un termine che parte dal 21 febbraio per i residenti, con sede legale o operativa nella prima “zona rossa”.

Per le rateizzazioni concesse dopo l’8 marzo 2020 e relative a istanze presentate fino al 31 dicembre 2021, la decadenza si determina nel caso di mancato pagamento di 10 rate.

Per le rateizzazioni richieste a partire dal 1° gennaio 2022 fino al 15 luglio 2022 la decadenza si verifica dopo il mancato pagamento di 5 rate.

Periodo di riferimentoDecadenza
Rateizzazioni in corso all’8 marzo 2022 (21 febbraio zona rossa) 18 rate non pagate
Rateizzazioni concesse dopo l’8 marzo 2022 e fino al 31 dicembre 2021 10 rate non pagate
Rateizzazioni richieste dal 1° gennaio 2022 al 15 luglio 2022 5 rate non pagate
Rateizzazioni richieste dal 16 luglio 8 rate non pagate

Pagamento cartelle, a regime la compensazione dei crediti maturati verso la Pubblica Amministrazione

Con la conversione in legge del Decreto Aiuti viene inoltre resa definitiva la possibilità di compensazione dei crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche, con le somme dovute a seguito di iscrizione a ruolo.

La compensazione si estende inoltre anche ai crediti derivanti da prestazioni professionali, in relazione ai carichi affidati all’agente di riscossione dopo il 30 settembre 2013 ed entro il secondo anno antecedente a quello in cui è richiesta la compensazione.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network