DPCM 26 aprile 2020, novità nell’elenco di negozi e attività riaperte dal 4 maggio

Francesco Oliva - Lavoro

DPCM 26 aprile 2020, novità nell'elenco di negozi e aziende riaperte dal 4 maggio. Nel testo ufficiale la lista dei codici Ateco delle attività in ripresa e le prime regole per la Fase 2, che si arricchisce di nuove voci con le ultime integrazioni MISE. Il calendario con le anticipazioni sui prossimi passaggi della fase 2 fino al 1° giugno.

DPCM 26 aprile 2020, novità nell'elenco di negozi e attività riaperte dal 4 maggio

DPCM 26 aprile 2020, novità nell’elenco di negozi e aziende riaperte dal 4 maggio. Nel testo del decreto firmato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte la lista dei codici Ateco delle attività che sono ripartite. Con la comunicazione del 5 maggio 2020, il Ministero dello Sviluppo Economico, MISE, diffonde la notizia dell’inserimento di nuove voci.

Nel primo periodo della fase 2, fino al 18 maggio, ci sono novità anche per gli spostamenti: nel provvedimento le nuove regole da rispettare.

A fare il punto sulle novità è stato lo stesso premier Giuseppe Conte che, nella conferenza stampa di presentazione, ha illustrato i dettagli del testo e le novità.

Le nuove disposizioni del DPCM 26 aprile 2020 sono valide dal 4 al 18 maggio, per poi essere riviste successivamente, anche alla luce dell’evoluzione effettiva della curva epidemiologica.

Anticipato anche un calendario di massima (quindi ancora da confermare) per gli ulteriori passaggi della fase 2, a partire dal 18 maggio.

Il decreto conferma le attuali regole sugli spostamenti interni ai Comuni, che avranno comunque bisogno dell’autocertificazione, con novità per coloro che si trovano momentaneamente bloccati lontano dalla loro residenza anagrafica: queste persone potranno rientrare a casa, anche se in un’altra regione italiana.

Altra novità importante è la possibilità di andare a trovare i congiunti, purché lo si faccia in possesso della mascherina di protezione ed evitando assembramenti ed affollamenti.

Su quali siano i congiunti si è sollevata molta discussione e, fanno sapere da Palazzo Chigi, vi rientrano parenti e affini, coniuge, conviventi, fidanzati stabili, affetti stabili. Come chiarito anche anche dalle Faq aggiornate al 5 maggio sulle novità del nuovo DPCM del 26 aprile 2020.

I parchi, i giardini e le ville potranno essere riaperti ma viene delegata ai sindaci la responsabilità di scegliere se mantenerle comunque chiuse, soprattutto nel caso in cui non si possano garantire gli opportuni distanziamenti sociali all’interno di questi luoghi pubblici.

DPCM 26 aprile 2020, novità nell’elenco di negozi e attività riaperte dal 4 maggio

Il DPCM 26 aprile 2020 delinea, quindi, le attività economiche che hanno il via libera per riaprire dal 4 maggio ovvero:

  • le aziende del settore manifatturiero, edile e le attività all’ingrosso ad essi collegati;
  • attività di asporto per bar e ristoranti (che si aggiunge alla possibilità, già consentita, di svolgere attività a domicilio);
  • le aziende del settore tessile e della moda;
  • le aziende del settore di fabbricazione auto;
  • i mobilifici;
  • le aziende che producono e commercializzano vetro.

Volendo essere ancora più precisi, l’allegato 3 al DPCM 26 aprile 2020 prevede il nuovo elenco dei codici Ateco che possono operare dal 4 maggio.

Come comunicato dal MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, il 5 maggio, la lista è stata aggiornata con nuove voci dopo un confronto tra ministri Stefano Patuanelli e Roberto Gualtieri, alla guida del MEF, ministero dell’Economia e delle Finanze.

Possono ripartire anche altre attività commerciali e produttive:

  • commercio al dettaglio di natanti e biciclette;
  • noleggio di autocarri, veicoli pesanti, macchinari e attrezzature;
  • attività di conservazione e restauro di opere d’arte e i servizi di tolettatura degli animali da compagnia.
Codice Ateco Attività
01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI
02 SILVICOLTURA ED UTILIZZO DI AREE FORESTALI
03 PESCA E ACQUACOLTURA
05 ESTRAZIONE DI CARBONE (ESCLUSA TORBA)
06 ESTRAZIONE DI PETROLIO GREGGIO E DI GAS NATURALE
07 ESTRAZIONE DI MINERALI METALLIFERI
08 ESTRAZIONE DI ALTRI MINERALI DA CAVE E MINIERE
09 ATTIVITA’ DEI SERVIZI DI SUPPORTO ALL’ESTRAZIONE
10 INDUSTRIE ALIMENTARI
11 INDUSTRIA DELLE BEVANDE
12 INDUSTRIA DEL TABACCO
13 INDUSTRIE TESSILI
14 CONFEZIONE DI ARTICOLI DI ABBIGLIAMENTO; CONFEZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E PELLICCIA
15 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PELLE E SIMILI
16 INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO (ESCLUSI I MOBILI); FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO
17 FABBRICAZIONE DI CARTA E DI PRODOTTI DI CARTA
18 STAMPA E RIPRODUZIONE DI SUPPORTI REGISTRATI
19 FABBRICAZIONE DI COKE E PRODOTTI DERIVANTI DALLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO
20 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI
21 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI FARMACEUTICI DI BASE E DI PREPARATI FARMACEUTICI
22 FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE
23 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI
24 METALLURGIA
25 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI IN METALLO (ESCLUSI MACCHINARI E ATTREZZATURE)
26 FABBRICAZIONE DI COMPUTER E PRODOTTI DI ELETTRONICA E OTTICA; APPARECCHI ELETTROMEDICALI, APPARECCHI DI MISURAZIONE E DI OROLOGI
27 FABBRICAZIONE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE PER USO DOMESTICO NON ELETTRICHE
28 FABBRICAZIONE DI MACCHINARI ED APPARECCHIATURE NCA
29 FABBRICAZIONE DI AUTOVEICOLI, RIMORCHI E SEMIRIMORCHI
30 FABBRICAZIONE DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO
31 FABBRICAZIONE DI MOBILI
32 ALTRE INDUSTRIE MANIFATTURIERE
33 RIPARAZIONE, MANUTENZIONE ED INSTALLAZIONE DI MACCHINE ED APPARECCHIATURE
35 FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA CONDIZIONATA
36 RACCOLTA, TRATTAMENTO E FORNITURA DI ACQUA
37 GESTIONE DELLE RETI FOGNARIE
38 ATTIVITÀ’ DI RACCOLTA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI; RECUPERO DEI MATERIALI
39 ATTIVITÀ’ DI RISANAMENTO E ALTRI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI
41 COSTRUZIONE DI EDIFICI
42 INGEGNERIA CIVILE
43 LAVORI DI COSTRUZIONE SPECIALIZZATI
45 COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO E RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI
46 COMMERCIO ALL’INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI)
49 TRASPORTO TERRESTRE E TRASPORTO MEDIANTE CONDOTTE
50 TRASPORTO MARITTIMO E PER VIE D’ACQUA
51 TRASPORTO AEREO
52 MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ’ DI SUPPORTO AI TRASPORTI
53 SERVIZI POSTALI E ATTIVITÀ’ DI CORRIERE
551 ALBERGHI E STRUTTURE SIMILI
58 ATTIVITÀ’ EDITORIALI
59 ATTIVITÀ’ DI PRODUZIONE, POST-PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI, REGISTRAZIONI MUSICALI E SONORE
60 ATTIVITÀ’ DI PROGRAMMAZIONE E TRASMISSIONE
61 TELECOMUNICAZIONI
62 PRODUZIONE DI SOFTWARE, CONSULENZA INFORMATICA E ATTIVITÀ’ CONNESSE
63 ATTIVITÀ’ DEI SERVIZI D’INFORMAZIONE E ALTRI SERVIZI INFORMATICI
64 ATTIVITÀ’ DI SERVIZI FINANZIARI (ESCLUSE LE ASSICURAZIONI E I FONDI PENSIONE)
65 ASSICURAZIONI, RIASSICURAZIONI E FONDI PENSIONE (ESCLUSE LE ASSICURAZIONI SOCIALI OBBLIGATORIE)
66 ATTIVITÀ’ AUSILIARIE DEI SERVIZI FINANZIARI E DELLE ATTIVITÀ’ ASSICURATIVE
68 ATTIVITÀ’ IMMOBILIARI
69 ATTIVITÀ’ LEGALI E CONTABILITÀ’
70 ATTIVITÀ’ DI DIREZIONE AZIENDALE E DI CONSULENZA GESTIONALE
71 ATTIVITÀ’ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA E D’INGEGNERIA; COLLAUDI ED ANALISI TECNICHE
72 RICERCA SCIENTIFICA E SVILUPPO
73 PUBBLICITÀ’ E RICERCHE DI MERCATO
74 ALTRE ATTIVITÀ’ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE
75 SERVIZI VETERINARI
77.12 NOLEGGIO DI AUTOCARRI E DI ALTRI VEICOLI PESANTI
77.3 NOLEGGIO DI ALTRE MACCHINE, ATTREZZATURE E BENI MATERIALI
78 ATTIVITÀ’ DI RICERCA, SELEZIONE, FORNITURA DI PERSONALE
80 SERVIZI DI VIGILANZA E INVESTIGAZIONE
81.2 ATTIVITÀ’ DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE
81.3 CURA E MANUTENZIONE DEL PAESAGGIO (INCLUSI PARCHI, GIARDINI E AIUOLE)
82 ATTIVITÀ’ DI SUPPORTO PER LE FUNZIONI D’UFFICIO E ALTRI SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE
84 AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DIFESA; ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA (NOTA: LE ATTIVITÀ DELLA P.A. QUI PREVISTE NON COMPORTANO L’ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE)
85 ISTRUZIONE
86 ASSISTENZA SANITARIA
87 SERVIZI DI ASSISTENZA SOCIALE RESIDENZIALE
88 ASSISTENZA SOCIALE NON RESIDENZIALE
90.03.02 ATTIVITÀ DI CONSERVAZIONE E RESTAURO DI OPERE D’ARTE
94 ATTIVITÀ DI ORGANIZZAZIONI ASSOCIATIVE (NOTA: L’ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI QUESTE ORGANIZZAZIONI PRESUPPONE LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ’ ECONOMICHE CHE SONO GIÀ PREVISTE NELLE ALTRE DIVISIONI)
95 RIPARAZIONE DI COMPUTER E DI BENI PER USO PERSONALE E PER LA CASA
97 ATTIVITÀ’ DI FAMIGLIE E CONVIVENZE COME DATORI DI LAVORO PER PERSONALE DOMESTICO
99 ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI
PDF - 106.8 Kb
DPCM 26 aprile 2020: elenco codice ateco allegato 3. Cosa riapre e quali attività dovranno invece attendere
Elenco codici ateco attività economiche che potranno riaprire a partire dal prossimo 4 maggio 2020

Il premier Giuseppe Conte ha anticipato anche il calendario di massima delle prossime tappe - quindi ancora non ufficiale ma obiettivo del Governo - per il periodo successivo.

Riassunto in tabella le prossime tappe della fase 2.

DataNovità previste
Dal prossimo 18 maggio in programma riapertura del commercio al dettaglio, dei musei, delle mostre e delle biblioteche
Dal prossimo 1° giugno in programma riapertura di bar, ristoranti, centri estetici, parrucchieri e barbieri
Entro l’inizio dell’estate valutazione dei protocolli da adottare per l’apertura degli stabilimenti balneari
settembre Prevista la riapertura delle scuole pubbliche e private
PDF - 5.8 Mb
Ultimo DPCM 26 aprile 2020: testo ufficiale e novità. Cosa riapre dal prossimo 4 maggio 2020
Elenco attività che possono riaprire dal prossimo 4 maggio 2020: ecco testo ufficiale e novità del nuovo dpcm Conte

DPCM 26 aprile 2020: come cambia l’autocertificazione

Anche nella fase 2 sarà necessaria l’autocertificazione, ma con delle piccole modifiche per gli spostamenti introdotte con il nuovo DPCM.

Dal 4 maggio 2020 bisogna presentare il nuovo modello messo a disposizione dal Ministero dell’Interno.

La novità più rilevante per gli spostamenti riguarda la possibilità di fare visita ai congiunti, mantenendo la distanza di sicurezza ed indossando le mascherine.

Fermo restando il divieto di spostamento tra Regioni, è anche possibile recarsi presso parchi pubblici, autorizzati alla riapertura qualora sia possibile garantire le distanze e contingentando gli ingressi, così come svolgere attività motoria anche oltre i 200 metri di distanza dalla propria abitazione.

Consentito il ritorno presso il proprio domicilio o residenza: solo in questo caso è ammesso lo spostamento in una Regione diversa da quella in cui ci si trova. Ci si può, inoltre, spostare per motivi di lavoro.

Anche nel nuovo modello di autocertificazione, è necessario indicare l’indirizzo di partenza e quello di arrivo, così come previsto nella versione utilizzata nella fase 1.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it