Contratti di sviluppo, domande per gli incentivi dal 20 settembre 2021

Tommaso Gavi - Incentivi alle imprese

Contratti di sviluppo, il decreto direttoriale del 17 settembre 2021 riapre i termini per le agevolazioni, precedentemente chiusi dal dd dello scorso 4 agosto. Le domande potranno essere inviate a partire dalle ore 12.00 di oggi, 20 settembre 2021.

Contratti di sviluppo, domande per gli incentivi dal 20 settembre 2021

Contratti di sviluppo, domande per gli incentivi a partire da oggi, 20 settembre 2021.

Lo rende noto il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, che fa sapere che il decreto direttoriale del 17 settembre 2021 prevede la riapertura delle scadenze di presentazione delle istanze.

Il provvedimento in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale riapre i termini a partire dalle ore 12 della giornata odierna.

La chiusura delle agevolazioni dello strumento dei contratti di sviluppo era stata stabilita dal decreto direttoriale dello scorso 4 agosto.

Contratti di sviluppo, domande per gli incentivi dal 20 settembre 2021

Dalle ore 12 di oggi, 20 settembre 2021, sarà di nuovo possibile presentare le domande per richiedere gli incentivi previsti dai nuovi contratti di sviluppo.

Lo fa sapere il MISE, Ministero dello Sviluppo economico, che dà notizia dell’adozione del decreto direttoriale del 17 settembre 2021.

MISE - Decreto direttoriale del 17 settembre 2021
Decreto in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Tale provvedimento, in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, riapre la possibilità di accesso alle agevolazioni, chiusa in precedenza dal decreto direttoriale del 4 agosto scorso.

La principale novità è la clausola per le imprese, nel caso di un incremento occupazionale delle loro attività, dell’impegno ad assumere in via prioritaria i percettori di azioni a sostegno del reddito, disoccupati a seguito di procedure di licenziamento collettivo e lavoratori di aziende coinvolte in tavoli di crisi attivi presso il Ministero.

L’atto d’indirizzo è rivolto a tutte le direzioni generali del Ministero che emanano provvedimenti relativi alla riconversione e reindustrializzazione di aree territoriali del Paese attraverso la concessione d’incentivi e agevolazioni.

Contratti di sviluppo, le modalità per accedere alle agevolazioni

Le modalità per accedere alle agevolazioni riaperte dal decreto del 17 settembre scorso sono dettagliate nell’articolo 1 comma 2 del decreto stesso.

Tale articolo stabilisce quanto segue:

“Le domande di agevolazioni dovranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. - Invitalia, a pena di invalidità, secondo le modalità ed i modelli indicati nell’apposita sezione dedicata ai Contratti di sviluppo del sito internet dell’Agenzia medesima (www.invitalia.it).”

Per avere accesso alle agevolazioni previste dal contratto di sviluppo, il principale strumento dedicato al sostegno di programmi d’investimento produttivi, strategici e innovativi di grandi dimensioni, le imprese potranno quindi presentare le domande a partire da oggi.

A stabilire le “Direttive in materia occupazionale” è l’articolo 2 del citato decreto. Tale articolo contiene la clausola anticipata per le assunzioni delle aziende:

“i soggetti beneficiari, nel caso in cui sia previsto un incremento occupazionale, si impegnano a procedere prioritariamente, nell’ambito del rispettivo fabbisogno di addetti, e previa verifica dei requisiti professionali, all’assunzione dei lavoratori che risultino percettori di interventi a sostegno del reddito, ovvero risultino disoccupati a seguito di procedure di licenziamento collettivo, ovvero dei lavoratori delle aziende del territorio di riferimento coinvolte da tavoli di crisi attivi presso il Ministero dello sviluppo economico.”

Nel comma 2 dell’articolo 2, infine, viene stabilita per Invitalia la valutazione anche della possibile capacità del programma di sviluppo proposto di permettere la salvaguardia dei lavoratori di aziende del territorio di riferimento coinvolte da tavoli di crisi attivi presso il Ministero dello sviluppo economico.

Informazione Fiscale S.r.l. - P.I. / C.F.: 13886391005
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Velletri al n° 14/2018
Iscrizione ROC n. 31534/2018

Redazione e contatti | Informativa sulla Privacy

Preferenze privacy
Logo registrato

Questo sito contribuisce all'audience di Logo Evolution adv Network