Miani risponde agli ordini locali dei commercialisti e degli esperti contabili

Francesco Oliva - Commercialisti ed esperti contabili

Massimo Miani - presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili - risponde alle istanze degli ordini locali nel corso del secondo forum nazionale commercialisti 2018 organizzato a Milano da ItaliaOggi.

Massimo Miani - presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili - ha risposto alle istanze espresse dagli ordini locali nel corso della seconda giornata del forum commercialisti 2018 organizzata da ItaliaOggi e che si sta tenendo nella tre giorni di Milano.

Il presidente ODCEC ha esordito evidenziando l’importanza dell’unità della professione, troppo spesso assente per via di peccati di protagonismo individuale.

La professione si deve evolvere puntando sulle specializzazioni; occorre che l’albo nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili in futuro si divida in apposite sezioni, distinte proprio per specializzazioni.

I temi centrali sono quattro secondo Miani:

  • sviluppo della professione nell’era digitale;
  • competenze e valorizzazione nelle specializzazioni;
  • organizzazione dello studio professionale e conseguente lotta all’abusivismo professionale;
  • garanzia dell’equo compenso professionale ovvero reintroduzione delle tariffe professionali.

I commercialisti devono affrontare tali questioni nei prossimi anni; tuttavia, non si può pensare di ottenere subito dei risultati. I risultati del lavoro di oggi si vedranno almeno 5/10 anni, quando la professione si sarà evoluta ad uno step successivo.

Al termine del dibattito il presidente Miani ha gentilmente accettato il nostro invito ad un’intervista finalizzata ad approfondire alcuni dei temi trattati durante il convegno.

Miani e la questione della fattura elettronica

Il presidente Miani è tornato oggi sul tema della fattura elettronica, chiarendo come i commercialisti siano consapevoli del fatto che le PMI non sono ancora pronte.

La questione della fattura elettronica purtroppo - evidenzia Miani - è stata eccessivamente accelerata dalle necessità di gettito, con ben 2 miliardi di euro (circa) iscritti nel bilancio dello Stato sotto la voce “recupero di risorse da lotta all’evasione fiscale”.

Miani e le questioni giovani e comunicazione

Il presidente Miani, rispondendo direttamente ad alcuni colleghi presidenti degli ordini locali, ha evidenziato poi altre due questioni: i giovani e la comunicazione.

Sui giovani, secondo Miani non è vero che il CNDCEC non si stia muovendo, anzi la questione dei giovani professionisti è al centro dell’attenzione del Consiglio. In questo senso occorre anche valutare l’impegno nell’introduzione delle specializzazioni e nelle sezioni speciali dell’albo.

Sulla comunicazione istituzionale Miani conferma di come si tratti di un “tema importante e da sviluppare”.