Concorsi alla Camera: quattro bandi in arrivo per l’assunzione di 300 unità

Guendalina Grossi - Pubblica Amministrazione

Sono in arrivo 4 bandi per l'assunzione di 300 unità alla Camera. Vediamo quali sono le posizioni aperte e quali prove dovranno essere sostenute.

Concorsi alla Camera: quattro bandi in arrivo per l'assunzione di 300 unità

Sono in arrivo 4 bandi per l’assunzione di 300 unità alla Camera che consentiranno il turnover del personale, visto l’elevato numero di dipendenti che si prevede andranno in pensione nei prossimi anni.

L’uscita del primo bando è prevista per Luglio 2019 e riguarderà l’assunzione di Consiglieri Parlamentari.

Entro il 30 novembre 2019, dovrebbe essere pubblicato invece il concorso che riguarderà l’assunzione di Assistenti Parlamentari.

Per ciò che concerne il bando che consentirà l’assunzione dei Consiglieri Parlamentari, i candidati che vorranno parteciparvi dovranno affrontare due prove scritte e due colloqui.

Ma vediamo nel dettaglio quali posizione saranno aperte e quali prove dovranno sostenere i candidati.

Concorsi alla Camera: entro il 2020 verranno assunte 300 unità

Entro il 2020 l’amministrazione di Montecitorio pubblicherà quattro bandi di concorso per l’assunzione di 300 unità che consentirà di sostituire il personale che andrà in pensione.

Il primo bando, atteso per il 15 luglio 2019, riguarda l’assunzione di Consiglieri parlamentari.

Subito dopo il primo bando ne saranno pubblicati altri 3 che, invece, riguarderanno l’assunzione di Assistenti parlamentari, Segretari parlamentari e Tecnici della fascia dei quadri intermedi e di Documentaristi e Collaboratori Tecnici.

Le date per gli altri tre bandi sono il 30 novembre 2019 per ciò che concerne l’assunzione degli Assistenti parlamentari, il 30 aprile 2020 per l’assunzione dei Segretari parlamentari e dei Tecnici e il 31 ottobre 2020 per il reclutamento dei Documentaristi e dei Collaboratori Tecnici.

Concorsi alla Camera: le prove da sostenere per il bando aperto per i Consiglieri parlamentari

I candidati che vorranno partecipare al bando per Consiglieri parlamentari dovranno avere conseguito una laurea quinquennale e dovranno, poi, sostenere delle prove.

In particolare, i partecipanti dovranno sostenere due prove scritte e due colloqui orali.

Da quello che è emerso, la prima prova scritta consisterà in un test a risposta multipla, che verterà su vari elementi del diritto. La seconda prova scritta sarà incentrata invece sulla storia dell’Italia dal 1848 ad oggi e su elementi di diritto.

Per ciò che concerne gli orali, un colloquio riguarderà gli argomenti oggetto degli scritti, mentre l’altra prova orale sarà finalizzata a verificare la conoscenza di una lingua straniera tra Francese, Inglese, Spagnolo e Tedesco.

Non ci resta ora che aspettare l’uscita del bando che rivelerà nel dettaglio i requisiti necessari per partecipare al concorso per Consiglieri parlamentari, che ricordiamo è prevista entro Luglio.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it