Rottamazione cartelle: domanda anche al CAF

Redazione - Imposte

Rottamazione cartelle: si potrà presentare domanda anche al CAF, grazie alla convenzione firmata con l'AdER. La scadenza resta fissata al 15 maggio 2018.

Rottamazione cartelle: domanda anche al CAF

Rottamazione cartelle: domanda anche al CAF grazie alla convenzione con l’Agenzia delle Entrate Riscossione stipulata il 12 gennaio 2018.

Scende in campo anche la Consulta Nazionale dei CAF per aiutare cittadini e imprese nella procedura di adesione alle definizione agevolata delle cartelle, estesa con il Decreto Legge fiscale 148/2017 a tutte le somme affidate tra il 2000 e il 2017.

L’obiettivo è quello di assistere i cittadini nella fase di adesione alla rottamazione bis delle cartelle esattoriali, che consente di pagare i propri debiti tributari al netto di sanzioni e interessi di mora e in un massimo di cinque rate, la prima delle quali entro il 31 luglio 2018 e l’ultima, entro il 28 febbraio 2019.

Rottamazione cartelle: domanda anche al CAF

C’è tempo fino al 15 maggio 2018 per presentare domanda di rottamazione delle cartelle affidate tra il 2000 e il 2017 e per fornire consulenza e informazioni scendono in campo anche i CAF.

A diffondere la notizia delle stipula della convenzione con l’Agenzia delle Entrate Riscossione è la Consulta Nazionale dei CAF, con un comunicato stampa pubblicato il 16 gennaio 2018:

CAF in campo per assistere i cittadini nella definizione agevolata, la “rottamazione” delle cartelle esattoriali. È quanto prevede la collaborazione tra la Consulta Nazionale dei CAF e Agenzia delle entrate-Riscossione che, attraverso una specifica convenzione, hanno avviato un dialogo costante e un percorso comune di semplificazione a favore dei contribuenti. Questo consentirà a milioni di cittadini (persone fisiche) di rivolgersi presso le oltre 20 mila sedi dei Centri di Assistenza Fiscale e trovare operatori qualificati in grado di fornire assistenza e consulenza per definire al meglio le proprie pendenze tributarie, beneficiando della possibilità, prevista dalla definizione agevolata, di non pagare le sanzioni e gli interessi di mora su quanto dovuto.

Una novità voluta, probabilmente, anche per evitare che si ripeta il caos verificatosi lo scorso anno a pochi giorni dalla scadenza per presentare domanda di rottamazione, con gli uffici dell’allora Equitalia presi d’assalto dai cittadini.

Domanda rottamazione cartelle entro il 15 maggio 2018

Il decreto legge n. 148/2017 prevede la possibilità di presentare domanda di rottamazione delle cartelle per i carichi affidati ad Equitalia e all’Agenzia delle Entrate Riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 30 settembre 2017.

Si potrà presentare domanda entro il 15 maggio 2018 e, oltre alla possibilità di richiedere assistenza direttamente presso gli uffici dell’AdER, CAF o intermediari abilitati, si può presentare domanda online autonomamente grazie al servizio “Fai D.A. te”.

Il modulo di domanda DA 2000/17 potrà inoltre essere compilato e presentato entro la scadenza del 15 maggio 2018:

  • alla casella pec della Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento e allegando la copia del documento di identità (esclusivamente tramite indiritto Pec);
  • presso gli Sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione presenti su tutto il territorio nazionale (esclusa la regione Sicilia) consegnando il Modello DA 2000/17 debitamente compilato e firmato.

Le scadenze per il pagamento delle rate

Con la conversione in legge del DL fiscale 148/2017 è stato notevolmente modificato il piano di pagamento delle rate della rottamazione delle cartelle.

I contribuenti con piani di dilazione non in regola al 31 dicembre 2016, potranno aderire alla rottamazione delle cartelle presentando domanda entro il 15 maggio 2018 e pagando le rate scadute entro il 31 luglio 2018.

Il pagamento, in questo caso, potrà essere dilazionato in tre rate, in scadenza rispettivamente il:

  • 31 ottobre 2018, versamento 40% dell’importo;
  • 30 novembre 2018, versamento 40% dell’importo;
  • 28 febbraio 2019, versamento 20% dell’importo.

Le stesse scadenze di cui sopra dovranno essere rispettate per i contribuenti con cartelle notificate tra il 2000 e il 2016 e che non avevano presentato precedente domanda di adesione alla rottamazione Equitalia (DL 193/2016)

Per le cartelle affidate ad Equitalia e all’AdER fino a settembre 2017 la domanda dovrà essere presentata entro il 15 maggio 2018 e le scadenze per pagare le rate saranno così articolate:

  • 31 luglio 2018, versamento prima rata o importo complessivo;
  • 30 settembre 2018, versamento seconda rata;
  • 31 ottobre 2018, versamento terza rata;
  • 30 novembre 2018, versamento quarta rata;
  • 28 febbraio 2019, versamento quinta rata.