Esame di stato medicina 2019: domanda di tirocinio entro il 29 marzo

Rosy D’Elia - Medici

Esame di stato medicina 2019: domanda di tirocinio entro il 29 marzo, ultime ore a disposizione degli aspiranti medici che devono presentare la richiesta alle università. Dettagli e istruzioni nella circolare MIUR n. 9498 del 2019.

Esame di stato medicina 2019: domanda di tirocinio entro il 29 marzo

Esame di stato medicina 2019: entro il 29 marzo gli aspiranti medici devono presentare la domanda per accedere ai tirocini professionalizzanti, da svolgere in maniera obbligatoria per sostenere la prova di abilitazione alla professione di medico-chirurgo. Restano ancora poche ore per presentare la richiesta agli atenei di riferimento.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha inviato alle Università dettagli e istruzioni nella nella circolare numero 9498 del 18 marzo 2019.

I primi tirocini partiranno il 10 aprile, in tempo utile per permettere agli aspiranti medici di partecipare all’esame di abilitazione e poi alle prove selettive per il concorso di accesso per le specializzazioni mediche.

Si può richiedere l’accesso all’esperienza professionalizzante solo presso l’Università in cui si è conseguita la laurea.

PDF - 278.6 Kb
MIUR - Circolare numero 9498 del 18 marzo 2019
Esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo per l’anno 2019 - Tirocini trimestrali obbligatori di cui all’articolo 2 del decreto ministeriale 19 ottobre 2001, n. 445.

Esame di stato medicina 2019: domanda di tirocinio entro il 29 marzo

Nella circolare numero 9498 del 18 marzo 2019, il Ministero dell’Istruzione Università e della Ricerca invita gli atenei a mettere in moto la macchina organizzativa per l’avvio dei tirocini “con la massima urgenza” , in attesa dell’ordinanza ministeriale con la quale saranno fissate le date di svolgimento delle prove dell’esame di Stato per l’anno 2019 ed indicate le modalità di svolgimento della prova.

Presentando domanda all’ateneo di riferimento entro il 29 marzo 2019, i futuri medici faranno una prima esperienza professionale presso strutture sanitarie come policlinici universitari, aziende ospedaliere o altri enti convenzionati.

Svolgere il tirocinio è una tappa necessaria nel percorso verso l’esame di abilitazione alla professione. Come si legge nel decreto ministeriale numero 445 del 2001, l’aspirante medico deve seguire un percorso organizzato nel modo che segue:

  • un mese presso un reparto di medicina;
  • un mese presso un reparto di chirurgia;
  • un mese presso un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale.

La frequenza e la valutazione dei tre periodi di formazione professionalizzante devono essere certificati dal docente universitario o del medico a cui fa riferimento il tirocinante nella struttura in cui opera.

Esame di stato medicina 2019: come presentare domanda di tirocinio entro il 29 marzo

I laureati in medicina, che intendono sostenere l’esame di stato per l’abilitazione alla professione nel 2019, devono presentare la domanda per l’ammissione al tirocinio all’ateneo di riferimento entro il 29 marzo 2019.

La domanda deve essere redatta in carta semplice e deve contenere i seguenti dati:

  • nome e cognome;
  • data e luogo di nascita;
  • residenza o domicilio;
  • codice fiscale.

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • diploma di laurea, da attestare con dichiarazione sostitutiva. La documentazione relativa al conseguimento del titolo accademico è inserita nel fascicolo del candidato a cura degli uffici dell’università competente;
  • ricevuta del versamento della tassa 49,58 euro di ammissione agli esami;
  • la ricevuta del versamento del contributo versato all’economato, stabilito da ogni singolo ateneo ai sensi della normativa vigente;
  • eventuali certificazioni ex lege attestanti la necessità di usufruire di particolari ausili o tempi più prolungati per lo svolgimento delle prove.

Le domande di ammissione si considerano inviate in tempo utile anche se spedite tramite raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine prescritto, fa fede la data dell’ufficio postale accettante.

L’unica eccezione sulla scadenza delle domande, fissata per il 29 marzo, riguarda casi in cui il ritardo può essere giustificato da gravi motivi, specificati nei singoli bandi degli Atenei.

Questo sito contribuisce all'audience di Logo money.it